Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Il negozio di lifestyle ha riaperto

Ci siamo preoccupati di più della fede perché all'improvviso ci sono alcuni musulmani tra noi?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

In realtà, avevamo chiuso con tutte le discussioni sul dubbio e sulla fede qui nel nostro angolo secolarizzato dell'Occidente. Non si svolse mai una battaglia finale, ma le fila dei cristiani si assottigliarono sempre più e, allo stesso tempo, sempre meno sentirono il bisogno di togliere la vita ai moribondi.
Ma quanto tempo rimase Adamo in paradiso?

Ny Tid 5 ottobre 2007
Ny Tid 5 ottobre 2007

All’improvviso ci troviamo di fronte a una religione molto viva e premoderna che ha reso nuovi i vecchi dibattiti sui valori. Molte scarpe fuori produzione vengono ora riprovate ― in nome del "dialogo" ― e nemmeno i più grandi ottimisti osano sperare che il glam svanisca presto. Alcuni credono che l’Islam sia pericoloso per la vita e distruttivo, mentre altri insistono sul fatto che sia bello ed elegante e che i praticanti siano proprio come noi. Probabilmente entrambi i partiti hanno ragione.

Il confronto tra l'Islam e l'Occidente secolarizzato ha purtroppo dato ad alcuni l'idea che la fede e il dubbio siano improvvisamente tornati ad essere molto rilevanti. Ma non è così: basta concentrarsi un po' di fronte a barbarie come la circoncisione e la follia premoderna. I maggiori opportunisti, ovviamente, sostengono il dialogo. E libri. Eccone altri due.

Maledettamente noioso

La risposta di Pietro

Kjell Arild Pollestad è stato un ottimo esempio per la Chiesa cattolica. Non solo è intelligente, ma beve anche vino rosso con Jan E. Hansen e Thiis-Evensen a Roma. Non un comune furfante cristiano. Il suo libro La risposta di Pietro è comunque una cosa strana. Ha costruito un dialogo tra un “Gentile” e “Pietro” (il Pietro che si è incarnato in tutti i papi). La forma del dialogo può facilitare la comunicazione, ma può anche essere espressione di sciocchezze manierate. Il pagano di Pollestad è un pagano da sogno che ha costruito per darsi libero sfogo: vive con lo stile di vita materialista dell'epoca, di cui in realtà si rammarica quando ci pensa, e ovviamente lo capisce in questa conversazione con Peter. La maggior parte è un'esposizione terribilmente noiosa di "verità di fede". Il nostro amico "pagano" non si risolve a fare domande scomode come come i cristiani sappiano quali parti della Bibbia dovrebbero essere interpretate alla lettera e quali dovrebbero essere rinnovate/interpretate, ed è anche abbastanza educato da non strappare tutti gli scandali della pedofilia nella chiesa cattolica. Tuttavia, leggere il libro di Pollestad non è stato affatto uno spreco: alle pagine 123-133 leggiamo chiaramente che tutto è come prima: la Chiesa cattolica è contro il sesso al di fuori del matrimonio, è contro il sesso omosessuale, crede che l'aborto sia la stessa cosa come omicidio e sono contrari alla contraccezione.

Imitazione patetica

Søderlind: Valori e dignità

L'Associazione Etico-Uomo vive anche nei giorni felici del Signore e cerca costantemente di profilarsi nel panorama valoriale. Ciò non è del tutto privo di problemi, perché non è mai stato chiaro cosa significhi HEF, a parte il fatto che hanno un'organizzazione che imita in modo piuttosto patetico tutti i rituali e le pratiche che la chiesa ha fatto all'infinito. Una tale organizzazione – in cui le persone concordano di non credere in nessun dio – sarà ovviamente in grado di accogliere disaccordi piuttosto ampi quando si tratta di politica pratica.

Sebbene Lars Gule abbia da tempo descritto la HEF come un'organizzazione che tollererà tutto il possibile, compresa la fede irrazionale in Dio e le pratiche discriminatorie; ce ne sono altri, come Sara Azmeh Rasmussen, che recentemente è uscita allo scoperto e ha criticato questa prospettiva così avvolgente. Secondo lei l'HEF dovrebbe concentrarsi maggiormente sulla critica religiosa. È facile essere d’accordo: se oggi ci si vuole occupare di questioni di fede, la cosa più ovvia deve essere osservare come la fede viene usata qui e ora per impedire lo sviluppo della vita ad altre persone e per opprimerle. Ci sono ovviamente alcune pratiche che dovrebbero essere modernizzate rapidamente, per così dire.

Sia Gule che Rasmussen hanno contribuito al libro curato da Didrik Søderlind. Valori e dignità presenta un bouquet un po' stravagante di contributori: la metà sono vecchi trottatori dell'HEF, l'altra metà sono noti e sconosciuti che in un modo o nell'altro si sono occupati di interessi simili all'HEF. Di gran lunga il migliore di tutti è il filosofo Lars Svendsen che, nonostante l'astuta affermazione di HEF secondo cui il loro umanesimo era qualcosa che sorse nel Rinascimento, accompagna il lettore in un corso accelerato di umanesimo, antiumanesimo e postumanesimo attraverso la storia delle idee.

Altri autori interni all'HEF discutono su che tipo di inni e canzoni possono essere utilizzati nei sermoni di etica umana. Perché è chiaro: se c’è troppo Dio, allora non può passare in un rituale umanistico.

Magia mancante

Essendo anch'io gradualmente cresciuto, devo ammettere che tali questioni mi sembrano infantili: non mi preoccupo molto delle immagini di Gesù, dei discorsi su Dio e degli inni, purché gli amici del defunto si riuniscano per una degna commemorazione alla morte di una persona. Anche l'HEF si preoccupa che sia dignitosa, ma manca della magia tradizionale e consolidata che la chiesa possiede in virtù della sua storia: vorrebbero avere qualcosa di altrettanto grande, ma ovviamente non hanno idea da dove cominciare.

Non è possibile capire cosa voglia l’HEF: con tutto il parlare di dignità, libertà di religione, tolleranza e dignità umana, ci sono altre e molto più importanti organizzazioni che se ne occupano. Non credo che nemmeno l'HEF lo sappia: il cristianesimo organizzato sta perdendo terreno ogni giorno che passa; allo stesso tempo, l’HEF è troppo politicamente corretto per osare risolvere qualsiasi cosa con l’Islam; e la raccolta di razionalismo e scienza simile a un culto che HEF originariamente doveva essere, sembra oggi essere più arretrata di ogni altra cosa.

Per dirla tutta senza mezzi termini: non credo in Dio. Vuol dire che devo iscrivermi ad un'associazione?


 

Kjell Arild Pollestad:
La risposta di Pietro. Cristianesimo per pagani colti e cristiani tiepidi
La cappella 2007
239 pagine

Didrik Søderlind (a cura di):
Valori e dignità
Umanista 2007
154 pagine

(Pubblicato nel New York Times il 5 ottobre 2007)

Kjetil Korslund
Kjetil Korslund
Storico delle idee e critico.

Potrebbe piacerti anche