Ordina qui l'edizione estiva

Una visione un po' ambigua delle donne e della musica

La storia delle artiste rock e pop norvegesi invita sia a reminiscenze tanto attese che a risatine stimolanti, ma fa fatica quando si deve tracciare la rotta.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[storia della musica] Se vuoi assicurarti una brutta atmosfera in un vorspiel misto di genere, invia alcune salve sul numero di musiciste donne ai festival musicali di questa estate, e poi inizierà la discussione.

Perché non c'è niente di più stretto che discutere di genere e musica, e non c'è niente di più piccolo che ridurre i musicisti di talento a palle o seni. Eppure lo fanno sempre, paradossalmente sia femministe che sessiste.

Storia tanto attesa

Il libro Piker, vin og sang è per molti versi una storia tanto attesa sulle artiste rock e pop norvegesi di oltre 50 anni, dalla star bambina Anita Hegerland alla cantante punk Katja Benneche Osvold. Sono inclusi un centinaio di singoli artisti e gruppi dei 50 anni di storia della musica popolare norvegese, sia noti e amati, sia dimenticati e repressi.

Marta Breen si muove senza sforzo attraverso tutto il materiale, disegna un filo storico attraverso l'intera narrazione, mentre allo stesso tempo descrive rapidamente e in modo mirato lo sviluppo dei vari generi e tendenze musicali, il tutto con lo sviluppo generale della società come sfondo .

"Ho scritto questo libro per correggere l'immagine distorta", scrive Breen, e lo ha fatto

assolutamente riuscito con. Racconta della primissima band femminile del paese, le Dandy Girls, che a metà degli anni '1960 girarono il mondo con grande

successo, senza che nessuno nel vecchio paese se ne accorgesse, e che fu anche completamente dimenticato quando NRK-

la serie Norsk rock's historie è stata mostrata nell'autunno 2004.

Strappa la serie di semplici uscite nel corso degli anni in cui il compito principale dell'artista femminile è stato quello di apparire innocentemente carina o sexy, e spazza via la polvere da ambienti importanti, pietre miliari e luoghi di incontro, come Club 7, Kjerringa di Rei record con Amtmandens døtre, Kvinnekulturfestivalen su Kalvøya nel 1979,

la creazione di Akks, RadiOrakel, i rilasci di Stiff Nipples e il progetto Zoom.

Discussione problematica

Molte musiciste stesse sono estremamente a disagio con il fatto che il genere sia considerato un punto quando la loro musica deve essere valutata e analizzata. A ciò Breen risponde – il che è vero – che "finché l'industria musicale sarà ancora molto dominata dagli uomini, il genere sarà ancora un problema". Quando ha visto nel capitolo "La piccola grande differenza" dice che "le donne non sono uomini. Gli uomini non sono donne. Fin qui sono tutti d'accordo", allora mi chiedo di cosa si stia effettivamente discutendo, e mi sembra che la discussione qui finisca nello stesso modo di pensare essenzialista che sta alla base di quello che ha legittimato negli anni il trattamento differenziato tra donne e uomini.

Il genere come categoria è interessante fino a un certo punto, ma solo finché si guarda contemporaneamente alla categoria stessa con uno sguardo sospettoso, e qui credo che le analisi di Breen falliscano. Mi manca semplicemente la doppia visione femminista, quella che ha un occhio per le strutture di potere, ma vede anche tutto ciò che può effettivamente abbattere queste strutture stereotipate.

Clausola di genere

Questa carenza si riflette nel capitolo "Tre bautaer", su Anne Grete Preus, Mari Boine e Kari Bremnes, che in senso stretto non hanno più nulla in comune se non il fatto che tutte e tre possono essere classificate come donne, e che tutte hanno avuto la loro svolta commerciale in gli anni '1990.

Le differenze tra questi tre – differenze di genere incrociate basate su fattori che creano identità come etnia, classe, sessualità, temperamento, esperienza di vita e così via – sono di per sé sufficienti a dimostrare che la discussione sulle "piccole, grandi differenze" tra i sessi è, per usare un eufemismo, inutile. Quando tuttavia la categoria "donna" non viene contestata da nessuna parte durante questo capitolo, il risultato è un attacco di discriminazione di genere nel sottoscritto dopo aver terminato la lettura.

Il modo di pensare alle differenze "naturali" tra donne e uomini legittima anche l'idea che le donne siano sempre i migliori modelli di ruolo delle altre donne, che le musiciste possano e debbano sempre essere paragonate ad altre musiciste, e – non ultimo – lo stesso vale alle comunità maschili.

La mascolinità diventa qualcosa che è gestita ed esercitata solo dagli uomini, le donne sono incoraggiate a continuare a trovare "le proprie espressioni", e così ci ritroviamo ancora con le nostre stanze, i nostri palchi e non da ultimo le nostre storie musicali per e sulle donne .

Recensito da Siri Lindstad

Potrebbe piacerti anche