Lista nera degli Stati Uniti

Ny Tid ha consultato una serie di esperti su come funziona l'elenco 301. Nessuno sa che ci sono criteri chiari per finire nella lista.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Il "Rapporto speciale 301" è un elenco di paesi in cui le società e i prodotti statunitensi affrontano "barriere commerciali" sotto forma di leggi sui brevetti, leggi sul copyright e simili, che gli Stati Uniti ritengono particolarmente importanti da influenzare.

L'elenco è stato pubblicato dalle autorità commerciali statunitensi USTR, un'istituzione governativa responsabile della stesura della politica commerciale del paese che è direttamente soggetta al presidente degli Stati Uniti.

James Love

Processo di lana. Secondo l'esperto in brevetti e il consulente delle Nazioni Unite James Love, non ci sono criteri obiettivi chiari da inserire nell'elenco. Spiega: "Il modo in cui funziona è che alcune società si rivolgono a USTR, nominano un paese per un posto nell'elenco a causa di una determinata politica, legge o giurisprudenza che perdono denaro e dicono ciò che vogliono che questo paese faccia. fare per loro. Spesso le aziende hanno ex dipendenti USTR sul libro paga per fare lobby. L'intero processo è politico, arbitrario e opaco. "

- annuncio pubblicitario -

Agente coercitivo misterioso. Le società di proprietà degli Stati Uniti possono nominare i paesi in cui si trovano a dover elencare le barriere commerciali. Anche i paesi che non hanno violato le leggi internazionali o gli accordi commerciali rischiano la lista nera. Non ci sono regole standardizzate conosciute su come il governo degli Stati Uniti può rispondere ai paesi della lista. I documenti di WikiLeaks mostrano che la minaccia di mettere un paese nella lista è usata come un modo per "forzare" il paese a conformarsi, in tutto o in parte, alle richieste del governo degli Stati Uniti e delle società di proprietà degli Stati Uniti.

Vedi anche Detto no agli Stati Uniti e all'industria farmaceutica

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?