Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Ecologia libidinosa

Picco della libido
Forfatter: Dominic Pettman
Forlag: Polity (Storbritannia)
CRISI / La natura è nella sua essenza erotica? E il capitalismo – che ci farà desiderare di più di tutto – ha abusato della nostra stessa capacità di desiderare?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Come terzo volume di una trilogia sull'intimità e l'ecologia, Peak Libido di Dominic Pettman è un tentativo di rapportarsi alla crisi ecologica in modo corporeo e sensuale. La ricerca della salute e dell'equilibrio nel rapporto dell'animale umano semicivile con se stesso e con l'ambiente circostante. Questo fa parte di una lunga storia che Pettman sottolinea iniziata molto prima di Freud, ma che ruota attorno al suo concetto della nostra libido indisciplinata, che deve essere domata e controllata – anche se è destinata a rimanere una frustrazione, una follia repressa e infelice – il disagio nella cultura.

Se le crisi ecologiche derivano da una predazione su una natura che non ci siamo presi la briga di capire, si può pensare che questo rifletta un'altra crisi nei rapporti con noi stessi e con gli altri: nella conclusione del libro, Pettman riassume la diagnosi proprio così, con un pronunciato riferimento a un certo negazionista del clima alla Casa Bianca: "Abbiamo tocco perso con il mondo, e di conseguenza siamo diventati mostri avidi e brancolanti.

La vitale comprensione premoderna della natura

Alla ricerca di risposte su come ritrovare il contatto con noi stessi, gli altri e la natura, Pettman ricorre a una rilettura delle teorie sulla natura e sul corpo dall'antichità ai nostri giorni – non solo per trovare risposte, ma in una ricerca per pericolose tracce vaganti e incomprensioni.

Una comprensione meccanicistica della natura da Descartes og Newton, che riduce tutto e tutti a oggetti calcolabili soggetti a causa ed effetto, è alla fine un obiettivo ben noto nel pensiero ecologico (profondo). Invece di indulgere in questa nenia, Pettman si getta piacevolmente nella comprensione vitale della natura che è venuta prima la moderna scienza del pensiero meccanicistico, di cui fa parte anche Freud. Questa eredità premoderna è continuata nei filosofi radicali del desiderio come Wilhelm Reich, Deleuze og Guattari og battaglie erotismo.

Secondo Pettman non si tratta tanto di erotizzare il rapporto con la natura quanto di comprendere che la natura è nella sua essenza erotica, se solo riusciamo a comprenderla nel modo giusto. È qui che entrano in gioco i pensatori più antichi della tradizione europea. Con Epicuro e Lucrezio non sono semplici cause e i loro effetti a muovere il mondo, ma un'attrazione attiva – affinità, eros e attrazioni irresistibili: "La vita senza amore non esisterebbe affatto". Ciò che Freud chiamava l'economia libidinosa dell'uomo è forse solo una suddivisione di un'ecologia libidinosa più generale. La piccola famiglia (in greco oikos come in economia) del desiderio nell'individuo o nella coppia si unisce a un più ampio nucleo erotico della natura (in greco oikos come in ecologia). Resta da mostrare come tutto ciò sia andato storto, poiché oggi è difficilmente possibile scrivere di ecologia senza indulgere contemporaneamente a critiche e avvertimenti.

Ill. Kianoush (Iran)

Predazione sulla capacità di desiderare

Il titolo stesso Picco della libido gioca naturalmente contro il “picco del petrolio” e tutti gli altri limiti critici per lo sfruttamento naturale – ad esempio il picco del fosforo, che presto perseguiterà l’agricoltura, o il picco del rame, che diventerà un problema per le auto elettriche. Questo fatale aumento dei consumi, accompagnato da una diminuzione dell’offerta di risorse, indica lo squilibrio nella nostra famiglia del desiderio così come nella famiglia della natura.

L'attrazione, il flirt e il piacere in tutte le sue varietà dovrebbero permeare sia il lavoro che
tempo libero.

Da un lato abbiamo presentato una petizione troppo, poiché il consumo eccessivo di beni materiali e quindi di risorse naturali è la principale causa della crisi ambientale. D’altra parte, ci sono segnali che il capitalismo, che ci farà desiderare di più di tutto, ha abusato della nostra stessa capacità di desiderio. Gli uomini della tarda età moderna desiderano di meno, per la luce, o il desiderio è completamente catturato da oggetti sintetici di fascino e da ciò che Marx chiamava feticismo delle merci: la promessa magica insita nei marchi, nelle confezioni e negli indicatori di status. Gli adolescenti giapponesi, anzi i giovani di tutto il mondo, fanno meno sesso che mai – e molti si isolano dal mondo e dalle altre persone, persi in un bozzolo solitario di intrattenimento digitale e mezzi di fuga.

Pettman si riferisce al defunto di recente Bernard Stiegler una serie di analisi culturali innovative hanno esaminato gli effetti delle nuove tecnologie mediali sull'apparato sensoriale e sulla capacità di vivere. Attraverso esempi contemporanei, Stiegler legge un crollo della capacità stessa di sublimare il desiderio, che finisce per esaurirsi come pulsione distruttiva, dipendenza e consumo eccessivo. Nel prolungamento di questo inaridimento del desiderio scompare anche la capacità di prendersi cura di sé e degli altri, di prendersi cura del mondo.

Un nuovo contatto

Il libro di Pettman non è tuttavia del tipo che, con descrizioni poetiche e un'esplorazione dell'esperienza naturale, ci aiuterà ad aprire i nostri sensi al non umano.

Molti altri lo hanno fatto bene, come ad esempio Davide Abramo nel libro La magia dei sensi > (vedi issuu.com, 2017 in norvegese). La prospettiva di Pettman, invece, è urbana, spiritosa e sperimentale, più focalizzata sulla natura che dobbiamo scoprire e su quella che Guattari chiamava "ecologia sociale". Nella sua ricerca di nuovi legami sociali, Pettman si rivolge con una certa ironia alle "ingenue start-up subculturali californiane", come il "Manifesto Ecosex" di Annie Sprinkle, senza che sia chiaro se crede in un amore letterale per la natura che non sia solo sensuale. , ma gioca anche sul registro sessuale. È anche difficile sapere quanto seriamente dovremmo prendere il lungo capitolo sulla speculazione ecologica nell'utopista socialista Charles Fourier, che scivola in un'affascinata revisione dei decreti di questo eccentrico del XVIII secolo per ottimizzare le future orge su larga scala e comunità armoniose. Il principio del desiderio deve qui trasformarsi in una forza positiva: l'attrazione, il flirt e il piacere in tutte le sue varietà devono permeare sia il lavoro che il tempo libero.

Il desiderio è una risorsa rinnovabile

Nel nostro mondo, il desiderio umano è diventato la forza trainante di un meccanismo economico che si può dire divori la natura, oltre a danneggiare noi stessi. Già nel 1844 Marx descrisse le forze che attenuano la nostra vita emotiva, sfruttano il desiderio e ci alienano gli uni dagli altri. Ma Marx non si illudeva che potessimo semplicemente rivelarli e cambiarli.

È necessario un accordo con le condizioni materiali sottostanti, la proprietà e lo sfruttamento. Forse dobbiamo mettere in discussione le nostre nozioni di proprietà della natura e il suo sfruttamento prima ancora di poter aprire nuovi legami e porre fine all'alienazione nei suoi confronti, che anche Pettmann sottolinea come una sorta di alienazione primordiale negli scritti di Marx.

Il libro di Pettman non ha conclusioni chiare, ma è comunque ricco, divertente e pieno di idee e affermazioni sorprendenti. "L'oggetto libidinoso ultimo è il futuro", scrive Pettman. E allora? picco della libido?

Dopotutto, sembra irragionevole negare che il desiderio sia una risorsa rinnovabile. Da qualche parte Platone descrive il desiderio come un prurito morboso, e questo è anche ciò che fa il capitalismo quando ci fa desiderare costantemente qualcosa e desiderare di più. Ma più profondamente, il desiderio, come lo intende Pettman tramite Bataille, Deleuze e Guattari, non è una mancanza, ma una fonte: un eccesso crescente di presenza sensuale e presenza attenta, una ricchezza che crea connessioni fruttuose. Se questo è vero, allora in un certo senso dovremmo essere in grado di dare alla natura e agli altri più di quanto prendiamo.

Anders Dunk
Anders Dunker
Filosofo. Critico letterario regolare a Ny Tid. Traduttore.

Potrebbe piacerti anche