Libertà, dignità e speranza

GAZA: I TEMPI MODERNI oggi incontrano voci diverse a Gaza: il nuovo piano americano e le condizioni sul campo.

Siamo lì ora, nel 2020. I piani di Capodanno per gli anni 2020 sono stati discussi in tutto il mondo. Ma io Gaza due milioni di persone sono più preoccupate di come sopravviveranno nel prossimo decennio.

Salwa Abu Nemer

Salwa Abu Nemer inizia a ridere, ma finisce per tossire quando menzioniamo l'avvertimento delle Nazioni Unite già nel 2012, che ipotizzava che "Gaza sarebbe diventata inabitabile in otto anni".

La reazione di Nemer all'inizio fu rapida, raccontata mentre sedeva in un angolo fumoso della sua misera casa: "Eravamo già morti vent'anni fa!" Ha detto questo – una madre di sette figli di 30 anni – mentre preparava una frittata in una padella bruciata. Vivono a Nahr al-Bared, il campo profughi più povero di Gaza.

A quel tempo, il rappresentante delle Nazioni Unite nei Territori Palestinesi (UNCT) disse che l'infrastruttura "sta lottando per tenere il passo con una popolazione in crescita".

- annuncio pubblicitario -

Nemer racconta a MODERN TIMES che «L'ONU ha calcolato male già 20 anni fa. Decine di famiglie nel campo muoiono di fame senza avere pane quotidiano o materassi su cui dormire. Ora affronteremo la stessa miserabile situazione Trump og Kushnerè il piano fatale. "

Indicando la figlia di otto anni, afferma che una dose mensile di sciroppo costa circa $ 79, quasi uno stipendio mensile: “Come possiamo permettercelo quando suo padre lavora per trasportare pietre frantumate su un carretto trainato da un asino per quattro dollari? giorno? La semplice risposta è che dobbiamo mendicare oggi, nell'anno 2020 ".

Abeer Zourob

I palestinesi hanno respinto il nuovo piano di pace in Medio Oriente del presidente degli Stati Uniti Donald Trump da gennaio come una cospirazione.
. . .

Caro lettore. Puoi leggere un articolo gratuito al giorno. Forse torna domani. O che ne dici di disegnare Abbonamento? Quindi puoi leggere tutto (comprese le riviste) per 5 euro. Se sei già lì, accedi al menu (possibilmente il menu mobile) in alto.

Nadia Othman
Othman è un corrispondente regolare per Ny Tid e vive a Gaza.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?