Teatro della crudeltà

Il socialismo leggero in un'era capitalista pesante

L'idea del socialismo
Forfatter: Axel Honneth
Forlag: Polity Books
C'è ancora molto oro nel socialismo, ritiene il filosofo Axel Honneth, che tuttavia non esita a scartare il romanticismo della rivoluzione della sinistra. 




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il socialismo ha ottenuto una cattiva reputazione immeritata, afferma Axel Honneth, che appartiene alla quarta generazione di filosofi di Francoforte. In questo piccolo libro – originariamente una serie di conferenze – Honneth delinea una variante chiara e semplice della tradizione socialista. Probabilmente non sarà per tutti i gusti, dal momento che il romanticismo radicale è stato epurato, ma per coloro che si preoccupano della fattibilità e dell'attualità del socialismo, è d'obbligo una lettura.

Maggiore disuguaglianza. La ragione del discredito del socialismo oggi sono i tentativi falliti di realizzarlo nel corso della storia, sottolinea il filosofo tedesco. Non sono certo punti di vista che attireranno l'attenzione, ma non fa male mostrare che anche se la pratica (storia) mette in ombra la teoria, ciò non significa necessariamente che la teoria fosse sbagliata in primo luogo. Inoltre, afferma la tanto discussa normalizzazione del capitalismo come soluzione universale, come Francis Fukuyama eroicamente prima di lui in La fine della storia e l'ultimo uomo. Honneth non sostiene che sia impossibile pensare al di là del modello capitalista liberale, ma mostra come sia ancora un orizzonte dal quale facciamo fatica a staccarci.

Honneth si concentra sulla mancanza di contatto del socialismo con i reali desideri delle persone e sulla debole comprensione del corso della storia da parte dell'ideologia.

Il problema è semplicemente che sia la realtà politica che quella sociale sono diventate così complesse che è difficile vedere correttamente le contraddizioni sociali che possano ancorare il pensiero utopico a un’alternativa: le classi sono definite meno chiaramente e l’oppressione non è più qualcosa che aderisce a regole stabili. raggruppamenti sociali. Ma le disuguaglianze esistono ancora, sì, anzi sono maggiori oggi di quanto lo siano state negli ultimi 40 anni. Allora “perché le visioni socialiste non hanno più la stessa capacità di convincere i disadattati che gli sforzi collettivi possono effettivamente cambiare “l’inevitabile”?” chiede l'autore. È senza dubbio una buona domanda.

Coscienza di classe fallita. E Honneth ha le risposte nella manica, almeno un buon inizio. Affronta uno dopo l'altro i capitoli della storia del socialismo e ne distingue l'ideologia. Mostra dove funziona e dove no, e non esita a concentrarsi sui due maggiori punti deboli della prima teoria socialista, vale a dire la sua mancanza di contatto con i desideri e i bisogni realmente attuali della popolazione e la sua comprensione del corso della storia. Entrambe le parti sono, ovviamente, un pensiero obsoleto. In primo luogo, dice Honneth, è difficile stabilire una teoria credibile del cambiamento quando la base della realtà sociale è, nella migliore delle ipotesi, difettosa. Che ci sia una coscienza proletaria o un desiderio da parte del proletariato di una rivoluzione e di una società senza classi non è stato qualcosa che Saint-Simon, Marx e Proudhon si sono presi la briga di verificare prima di sedersi e formulare le loro tesi, dice Honneth. "Sia nei primi che negli ultimi scritti, Marx presuppone che l'obiettivo della sua teoria sia condiviso da un soggetto collettivo preesistente nella realtà sociale – un soggetto che, nonostante tutte le differenze tra i membri concreti del gruppo, ha un interesse comune per rivoluzione."

Pragmatismo. Qui sia Marx che altri si trovano su sentieri selvaggi, ritiene Honneth, probabilmente a ragione. Questo romanticismo della rivoluzione ha più a che fare con immaginazioni teoriche che con basi empiriche, sebbene qualsiasi rovesciamento radicale dell’esistente sia sempre una possibilità. Ma difficilmente nella variante che Marx e i suoi soci danno per scontata con la massima evidenza. La cosa peggiore è che crea cecità verso le diverse possibilità andre soluzioni possono offrire, come sottolinea il filosofo americano del pragmatismo John Dewey – al quale Honneth continua a ritornare.

Se in teoria hai già deciso cosa succede nella realtà sociale, è ovvio che la mappa e il terreno non coincidono quando entri nel campo. In effetti, qui la storia può servire da lezione anche per i marxisti con la testa tra le nuvole.

Comprensione distorta della storia. Al di là delle fantasie di classe, anche la comprensione storica della storia è del tutto senza speranza, ritiene Honneth. Quando si sarà deciso che il mondo si svilupperà verso una società al di là del capitalismo, come per legge ferrea, lo sviluppo reale si rivelerà ancora una volta falso nei presupposti. Honneth ricorre nuovamente a Dewey per illustrare che concetti fissi di sviluppo storico non sono appropriati se si è deciso di cambiare la storia a favore dei più deboli. La sperimentazione con una comprensione sia della classe che dello sviluppo è necessaria per poter operare con un concetto di socialismo ragionevolmente significativo.

Ciò non sorprende per chi ha un debole per il pensiero di sinistra, ma quando Honneth si sposterà verso il centro sia economicamente che politicamente, il sogno apparirà probabilmente un po’ meno rosso e attraente per alcuni. Ma realismo e pragmatismo sono l’approccio che Honneth preferisce: non c’è motivo di aggrapparsi alle idee sul cambiamento sociale se queste non sono in grado di intervenire nella realtà presente. Penso che dovremmo dargli credito per questo.

Dovremmo stabilire un modello in cui diverse forme di società possano coesistere fianco a fianco, dove il socialismo possa esistere all’interno del capitalismo.

La necessità della solidarietà. Dove il socialismo ha ancora qualcosa di essenziale da offrirci è nella sua idea di fratellanza e solidarietà. In un'economia capitalista dove domina l'interesse personale, c'è poco spazio per il riconoscimento dei desideri e dei bisogni di vita degli altri (non solo dell'economia). Ma, dice Honneth con Marx, nella società è così come nell'amore: se non si riesce a tenere conto dei bisogni del proprio partner, il matrimonio scricchiolerà presto alle giunture. L’idea che l’arricchimento del mercato di pochi porterà ad un corrispondente aumento dei beni per la comunità è un’illusione neoliberista, dice Honneth, che si unisce a un numero crescente di economisti critici nei confronti dell’ideologia che caratterizza ampie parti della destra, anche in Norvegia.

L’idea che la privatizzazione del settore pubblico dovrebbe portare a un risultato più ottimale per la società civile dovrebbe, a molti livelli, essere scartata. Il fatto che anche nel settore privato i diritti ricevano condizioni peggiori, con, tra l’altro, l’aumento del lavoro temporaneo, non rende per così dire più forte l’idea di fraternità.

«Alkofri» socialismo. Il punto, secondo Honneth, è che possiamo effettivamente operare con un mercato ragionevolmente libero, ma che dobbiamo evitare “aggiunte” che consentano un arricchimento non necessario di individui e aziende. Anche il riconoscimento di diversi tipi di economie – diciamo cooperative e aziende classiche – dovrebbe poter coesistere se riconoscono i reciproci bisogni e neutralizzano la disuguaglianza insita nella variante neoliberista del capitalismo. Il mercato di per sé non è qualcosa da superare attraverso una gestione centralizzata, dice il pensatore tedesco: Quello che dovremmo invece cercare di stabilire è un modello in cui possano coesistere diverse forme di società. Ecco come il socialismo può esistere all’interno del capitalismo. Riconoscimento e solidarietà sono quindi la chiave per un capitalismo socialista.

Non del tutto diversa dall’economia mista dello stato sociale che abbiamo tradizionalmente avuto in questo paese, ma che ora, purtroppo, viene diluita con il pensiero neoliberista dell’attuale governo. (Ma forse torneremo dove eravamo dopo le prossime elezioni?) Il rinnovato socialismo di Honneth può probabilmente funzionare in quel caso, anche se per alcuni probabilmente sembra una birra analcolica quando vogliono davvero un vero e proprio ammollo delle radici.

Kjetil Roed
Kjetil Røed
Scrittore freelance.

Potrebbe piacerti anche