Ordina qui l'edizione estiva

Leader: No alle armi nucleari?

La lotta contro le armi nucleari non è la stessa cosa della lotta contro l'Iran.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[13. Aprile 2007] Nelle ultime settimane, il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad è stato molto esplicito nella sua difesa del programma nucleare iraniano. Nonostante due appelli del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, il Paese si rifiuta di fermare il suo continuo arricchimento dell'uranio. Il ministro degli Esteri Jonas Gahr Støre è turbato dallo sviluppo e in un comunicato stampa di questa settimana si è unito alla richiesta assoluta che l'Iran fermi l'arricchimento. Allo stesso tempo, il ministro sottolinea che "nessuno mette in dubbio il diritto dell'Iran all'uso pacifico dell'energia nucleare, e per questo il Paese ha ricevuto ripetute offerte di assistenza internazionale".

Nessuno vuole che l'Iran – o qualsiasi altro paese – sviluppi armi nucleari. L'Iran ha firmato il trattato di non proliferazione. Dà al paese il diritto di sviluppare energia nucleare, ma non armi nucleari. Una certa quantità di uranio arricchito è necessaria anche per estrarre il combustibile per l'energia nucleare pacifica. Ahmadinejad ha sempre detto che il Paese vuole rispettare questo accordo, ma questa settimana ha minacciato di ritirarsi se l'Onu continua a insistere sullo smantellamento del programma nucleare. Ora nel Paese sono presenti anche due ispettori dell'organismo di controllo nucleare delle Nazioni Unite. Non hanno ancora trovato alcun segno che l'Iran stia cercando di sviluppare armi nucleari e credono che il paese sia lontano almeno cinque anni dalla possibilità tecnologica.

L'Iran è circondato da minacce di attacco nucleare. Provengono da quattro fronti: gli Stati Uniti devono avere piani concreti per attaccare diversi obiettivi, tra cui il conteso impianto nucleare iraniano di Natanz. Il vicino Israele apparentemente ha la forza per fare lo stesso, e con l'attacco alla centrale nucleare irachena nel 1982 ha dimostrato di essere più che disposto a portare a termine simili attacchi. Inoltre, sia l'India che il Pakistan hanno armi nucleari. Che le centrali nucleari debbano essere utilizzate per l'estrazione di armi nucleari o per l'energia nucleare, non è quindi strano che l'Iran voglia tenere nascoste parti dell'equipaggiamento per paura della sicurezza.

Né Israele, né l'India né il Pakistan hanno firmato il Trattato di non proliferazione, ma sentiamo poche critiche da parte del governo norvegese contro questo. Né Støre si lamenta in modo significativo del fatto che sia gli Stati Uniti che altri paesi occidentali rompano regolarmente l'accordo. Mentre le potenze nucleari al potere continuano a rinnovare i loro programmi di armi nucleari ea costruire inoltre difese missilistiche negli Stati Uniti e in Europa, c'è motivo di temere le conseguenze che ciò potrebbe avere per il Trattato di non proliferazione. La continua pressione irragionevole sull'Iran potrebbe avere conseguenze diverse da quelle che vorremmo. Quando il paese viene trattato in modo diverso da tutti gli altri paesi, le argomentazioni di Ahmadinejad diventano solo più forti.

Potrebbe piacerti anche