Ordina qui l'edizione estiva

Leader: Il quadro della libertà

Jan Egeland è una minaccia per la ricerca libera?

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Quando Terje Tvedt ha ricevuto il premio Fritt Ord martedì, il discorso di accettazione è stata una forte prova che se lo meritava. Il professore, dissidente e mediatore è noto soprattutto per le sue critiche alla politica degli aiuti norvegese. Tvedt è riuscito a illustrare gran parte del suo progetto indicando una persona come esempio del nocciolo dei problemi con la politica degli aiuti norvegese.

Questa volta non è diventato ministro degli esteri, ma è stato segretario di stato per la maggior parte degli anni '1990. In qualità di leader delle Nazioni Unite, è stato a lungo tra gli uomini più potenti del mondo e, in qualità di segretario generale della Croce Rossa norvegese, è stato uno dei più importanti fornitori di locali e praticanti della politica umanitaria norvegese. Jan Egeland è tra i pochissimi norvegesi sovraqualificati per quasi tutti i lavori. Come nuovo direttore del Norwegian Foreign Policy Institute, Nupi, appare come un bastardo.

Ma tutti coloro che hanno ascoltato il discorso di Terje Tvedt hanno capito che avrebbero dovuto riflettere ulteriormente. Come impavido critico del "regime di benevolenza nazionale", Tvedt ha dedicato il suo tempo a portare alla luce quante più prove empiriche possibili su come funziona il sistema politico meridionale. Ha trovato un sistema incapace di autocriticarsi. Quando i legami tra politica, ricerca, burocrazia e vita organizzativa sono così stretti che le stesse persone si ripetono in funzioni apicali nei vari ambiti, nessuno diventa veramente indipendente. Le stesse persone fanno la politica, distribuiscono i soldi, attuano gli aiuti e li valutano loro stessi.

Il progetto dichiarato di Jan Egeland per Nupi è quello di avere un rapporto critico con qualsiasi governo. Egli "suggerirà come migliorare la politica e come realizzarla". Così Egeland presenta un progetto di ricerca libera, indipendente e critica. Ma questo illustra anche il problema che Nupi può diventare politicamente responsabile della politica estera norvegese. Egeland continua come consigliere speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite e continua le sue ambizioni politiche attraverso il suo lavoro alla Nupi. La domanda che Tvedt pone è se Nupi possa svolgere una ricerca critica sulla politica estera norvegese, quando dovrebbero fornire le premesse per la stessa politica.

Tvedt ovviamente non crede che il problema sia proprio Egeland. Come individuo, non può essere incolpato del sistema, ed è inutile moralizzare sugli individui che si alternano tra questi lavori.

Ma il presidente Francis Sejersted ha riassunto semplicemente l'etica di Tvedt: meno etica delle disposizioni e più etica delle conseguenze. Non basta che un'azione sia ben intenzionata, se porta a danno e non a guarigione. Pertanto, forse non è sufficiente che Egeland sia abile e ben intenzionato.

Potrebbe piacerti anche