Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

"Lentamente, parola per parola, se vuoi capire cosa sto dicendo."

ORA
Forfatter: Diverse
Forlag: (Norge)
GIORNO SOLSTAD / Ora ci sono oltre 400 pagine di interpretazione critica e analisi della letteratura romanzesca di Dag Solstad – dalla rivista filosofica Agora.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

La rivista AgoràJornal per la speculazione metafisica è ora uscito con un numero speciale con nuovi saggi scritti su Dag Solstadletteratura

Circa 15 diversi contributori, la maggior parte con temi scelti da sé, possono divertirsi nel loro sport preferito in oltre 400 pagine: interpretazione critica e analisi dei romanzi di Dag Solstad. Con pesanti nomi accademici come Eivind Tjønneland ed Erik Bjerck Hagen al timone, questo potrebbe rapidamente diventare un esercizio interno, ma non lo sarà. Gli elementi freschi, giovani e non da ultimo marcatamente extra-accademici contribuiscono a rendere questa performance piuttosto spettacolare. Si consiglia di leggere gli articoli come richiesto da Solstad per il romanzo di Telemark: "Lentamente, parola per parola, se vuoi capire cosa sto dicendo". La pubblicazione mostra un'ampiezza impressionante, con contributi rilevanti, e invita il lettore a un viaggio educativo guidato da un entusiasmo contagioso.

"Dag Solstad è, all'età di 81 anni, il romanziere norvegese più ammirato della sua generazione. Nonostante il suo pronunciato atteggiamento ostile al lettore {...}, Solstad è stato letto, discusso e apprezzato da lettori, critici, ricercatori letterari e colleghi autori per oltre cinquant'anni. È così che l'editore Frode Helmich Pedersen scrive della popolarità a lungo termine e internazionale di Solstad nella sua introduzione al numero speciale.

Lo scopo del libro è, tra l'altro, descrivere le ragioni impenetrabili per cui Solstad ha raggiunto la sua posizione unica. Possibili approcci sono le eminenti interpretazioni dell'autore dello zeitgeist, le sue iconiche contro-immagini della resistenza degli anni '68 al decadimento pubblico degli anni '90 – che includono meme come l'ombrello di Rukla e la sedia a rotelle di Bjørn Hansen.

Da Asnes all'esistenzialismo

Un testo che occupa un posto speciale nel corpus testuale è il secondo romanzo di Solstad, Arild Asnes 1970, che descrive lo sviluppo da intellettuale indipendente a comunista. Altre opere chiave degli anni '70 sono Piazza 25 settembre e la trilogia della guerra (Tradimento. Anni prebellici, Guerra. 1940 og Pane e armi). La maggior parte delle opere analizzate sono degli anni '1970 e '80.

Esistenzialismo, che motiva il gioco di ruolo già nel libro d'esordio Pazzo! Verde!, è di natura permanente a Solstad. Nella trilogia di Bjørn Hansen (1992-2019), la riflessione sull’esistenza diventa sempre più introspettiva.

Detto questo, questa pubblicazione di Agora tratta una serie di altri aspetti della letteratura di Solstad. Ecco saggi e articoli sul calcio negli scritti di Solstad, su Proust e l'amore, sui rapporti paterni e Thomas Mann, sul modernismo e il realismo e sul romanzo storico. Ci sono tre articoli in particolare che voglio toccare, con riferimenti l'uno all'altro, nonché alla paternità più in generale.

Lo scopo del libro è, tra le altre cose, descrivere le ragioni impenetrabili per cui Solstad ha raggiunto la sua posizione unica

Eivind Tjønneland scrive di sentimentalismo e sogni impossibili basandosi principalmente su un'opera, Araldo Asnes#, 1970. Anche Kjersti Irene Aarstein menziona Asnes, ma nella sua analisi della pedagogia, che è diametralmente diversa dalla psicologia del profondo di Tjønneland, è romano 1987 l'opera centrale. Aarstein solleva anche domande che influenzano direttamente o indirettamente la possibilità di una "letteratura della realtà" realistica. Entrambi gli articoli possono essere utilmente integrati dalla lettura di un terzo articolo, di Even Giusto.

Arild Asnes – un miserabile sentimentalismo

Nel saggio critico "Oh, sogno impossibile delle masse!" Eivind Tjønneland mira a mostrare come il crudo rapporto di amore-odio di Asnes con le masse sostenga e caratterizzi inconsciamente il suo intero progetto marxista-leninista.

La cosa importante da vedere è che sia il punto di partenza che quello di fine della storia è il modo in cui il personaggio principale si relaziona emotivamente con la folla, mentre la dimensione intellettuale gioca un ruolo molto minore rispetto a un tipico romanzo di Solstad. Asnes estetizza la politica nel miglior stile di Benjamin. Si nutre, secondo Tjønneland, di un sentimento di disastro, di un doppio rapporto in cui il personaggio sogna allo stesso tempo di essere inghiottito dalla massa e teme di esserne consumato. Al “treno” – sia come mezzo di trasporto sia come quello che parte solo il 1° maggio – è legato un rapporto ambivalente con la donna, proiettato sulla massa. Una metafora centrale è il "fiume" e la famosa nuotata di Mao come simbolo di rinascita. Arild Asnes è guidato da un ottuso sentimentalismo, che impedisce un impegno genuinamente intellettuale e ponderato. La motivazione si concretizza in un'enorme nostalgia per la massa o per il popolo, un progetto impossibile, poiché l'artista intellettuale libero è per definizione dall'altra parte della barricata.

Non è chiaro se la critica di Tjønneland si riferisca sia al narratore (Asnes) che all'autore Solstad, senza che ciò renda effettivamente il saggio meno interessante. In ogni caso, la critica può essere trasferita per includere lo stesso movimento ML come fenomeno psicologico.

Fjord – personaggio astuto

Kjersti Arstein assume nel suo articolo ben scritto una prospettiva completamente diversa sui "libri del pentimento" di Solstad. Inizialmente sceglie di guardare romano 1987 come progetto pedagogico-didattico, messo in bocca al protagonista del romanzo, Fjord, divenuto docente universitario. Nella pedagogia negativa di Fjord, lo sguardo sulla storia gioca un ruolo di primo piano, e in una versione ben riconoscibile nel successivo Solstad. Non dobbiamo riconoscerci nella narrazione, non dobbiamo pensare di poter comprendere gli eventi storici confrontandoli con il nostro tempo.

Per Fjord, questa visione ha dato vita a una forma distintiva di didatticismo, che riecheggia sia il messaggio indiretto di Søren Kierkegaard sia la "pausa dell'illusione" di Bertolt Brecht, un metodo che impedisce al pubblico di lasciarsi coinvolgere dai personaggi teatrali e lascia che le emozioni prendano il sopravvento sul pensiero. . Fjord appare quindi nell'illuminazione di Aarstein come un personaggio astuto e intellettuale, in contrasto con il sentimentale Asnes di Tjønneland.

Letteratura della realtà

L'ultimo argomento che accennerò brevemente è il posizionamento di Solstad rispetto alla cosiddetta letteratura della realtà. L'argomento è discusso principalmente in un articolo di Inga H. Undheim, dove, sulla base del libro di Øyvind Pålshaugen su come dovrebbe essere letto Solstad, chiede come si colloca la visione di Solstad sulla scrittura di romanzi e sulla lettura della sua letteratura nel dibattito sulla vita reale.

Solstad, scrive Undheim, ha costantemente descritto la distanza assoluta tra persona e opera, più recentemente nel suo saggio Il viaggio lontano da Sandejord, eseguito in occasione del 75° anniversario dell'autore. Mantenere una separazione così rigorosa è necessario per Solstad per diversi motivi, almeno uno dei quali è personale.

Solstad dice, tra l'altro, in questo Sandefjords-saggio che ".le esperienze che Dag Solstad ha fatto da solo, non toccato da una mano umana diversa dalla sua, per così dire, non contano quando Dag Solstad deve esprimere l'unica cosa che conta per lui, il romanzo , l'elemento epico indissolubile".

Ancora una volta, per Solstad, si tratta dell'elemento epico impenetrabile, che ha incorporato nel titolo del suo cosiddetto romanzo Telemarks dal titolo altrettanto impenetrabile, del 2013. Se questa affermazione deve essere generalizzata, per come la vedo io, potrebbe essere interpretato come una poetica – una ricetta normativa su come la letteratura dovrebbe essere scritta. Al centro della discussione viene posto l'"elemento", che in realtà è un criterio per stabilire se qualcosa può essere chiamato finzione. In altre parole: se non si distingue tra biografia e narrativa, non sarà letteratura. Undheim è critico sul fatto che la pratica di Solstad sia in linea con questa teoria e se non sia minata dall'energia frenetica che l'autore mostra quando si tratta di influenzare il pubblico e i critici a leggere i suoi libri nel modo giusto. Il saggio in questione fa effettivamente parte di tale strategia ed è stato originariamente presentato durante un seminario a Sandejord, dove il tema della serata era proprio il modo in cui Solstad avrebbe consigliato ai lettori di leggere i suoi libri.

La ricerca del significato

In sintesi, gli scritti di Solstad possono essere letti come un'esplorazione parallela delle condizioni storiche prevalenti contrapposte alle indagini esistenziali dell'esistenza umana – espresse attraverso i tipici dilemmi situazionali che sorgono all'intersezione tra loro. Questa capacità di presentare i dilemmi esistenziali e le situazioni chiave dei suoi personaggi in modo iconico sembra, a mio avviso, una caratteristica di Solstad. L'azione di solito si svolge attorno a temi contemporanei con rilevanza politica o sociale. , la paternità insiste continuamente nella ricerca di significato e scopo in un mondo apparentemente assurdo e inospitale.

Vedi anche primavera generato dalla macchina Articolo di Solstad qui.

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Il futuro è già qui

COMUNITÀ: Cosa succede quando c’è un’ulteriore pressione sul calo dei tassi di profitto causata da prodotti più economici per i consumatori, innescata da una maggiore concorrenza? E con una sorta di controllo statale intensificato praticamente su tutti gli aspetti socioeconomici della vita?

Bilderberg sotto la copertura del Watergate

POTENZA: La vita di milioni di persone è influenzata da ciò che è stato architettato in un covo di ladri come la Lega Bilderberg, ma dalle decisioni non emerge nulla. Solo una sintesi: "La crisi energetica e le questioni di sicurezza sono stati gli argomenti di conversazione più importanti" – la gente non ha bisogno di saperne di più.

Intelligenza oltre l'umano

ECOLOGIA: Un groviglio di vita interconnessa. Gli sviluppi nel campo dell’ecologia e della tecnologia annunciano una nuova rivoluzione copernicana: anche il linguaggio, baluardo della presunta superiorità umana, appartiene alla natura e alle macchine. Può una definizione ampliata di intelligenza migliorare la nostra relazione con gli altri esseri?

Un orizzonte postcapitalista

SOLIDARIETÀ: Per una ricetta per una rivoluzione ecologica manca il soggetto che possa costituire la forza sociale attiva in grado di muovere la società verso un futuro radicalmente diverso. I futurismi radicali sono qui un nuovo pensiero per ciò che potrebbe venire.

Senza vergogna nella vita

VERGOGNA: L’attivista ambientale svedese Greta Thunberg ha nobili motivazioni per le sue invettiva contro l’establishment, ma fa anche parte di una tendenza moderna in cui la vergogna e il disonore sono diventati parte della politica quotidiana e del dibattito spesso distopico sui social media. Questo libro esamina più da vicino la vergogna.

La scelta di Sophie: "Non essere cattivo" o "Non essere buono"

INTELLIGENZA ARTIFICIALE: In questo libro, Robert Leib teme che la nostra fiducia nell’intelligenza artificiale possa ritorcersi contro di noi. "Sophie" è una coscienza collettiva, una "tra tante".

Una sorta di grido primordiale creativo

USA: Cosa significa essere americano? Chi sono, come sono arrivati ​​dove sono oggi, dove hanno lasciato tracce culturali? Qui vediamo le voci del movimento per i diritti civili che ha ispirato gli hippy negli anni '70, paladini dei diritti dei gay e femministe per diverse generazioni.

Per leggere e decodificare i segni della natura

SOSTENIBILE: Un nuovo movimento all'interno dell'agricoltura che si basa sui cosiddetti principi rigenerativi lavora per aumentare il contenuto di humus, la vita microbiologica nel suolo e coltivare la capacità del suolo di legare la CO2.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.