La protesta può costarti la vita

Chi ha ucciso Berta Cáceres?
Autore: Nina Lakhani
Editore: Verso, Regno Unito

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Berta Cáceres (1971–2016) è stata un'attivista ambientale honduregna, leader indigena e co-fondatrice del Council of Popular and Indigenous Organizations of Honduras (COPINH) insieme al suo allora marito Salvador Zúñiga. La coppia ha avuto quattro figli e, sebbene abbiano divorziato nel 2000, hanno continuato a guidare l'organizzazione insieme.

Dopo diversi anni di minacce di morte e solo un anno dopo aver ricevuto un premio ambientale, Cáceres è stata colpita e uccisa da assassini nella sua stessa casa il 2 marzo 2016. Un altro attivista, Gustavo Castro, è stato ferito durante l'attacco. Cáceres ha compiuto 44 anni.

L'omicidio di Berta Cáceres nel 2016 ha scatenato un'indignazione internazionale, ma l'indignazione non ha fermato la carneficina.

L'autrice Nina Lakhani lavora come giornalista per il quotidiano The Guardian negli Stati Uniti. Nel libro, esamina i legami tra funzionari governativi corrotti e criminalità organizzata attraverso conversazioni con i familiari di Cáceres e altre figure politiche che conoscevano l'attivista ambientale.

Lakhani scrive che lei stessa è finita sulla linea di fuoco grazie al suo lavoro con il libro, ma che questo è un rischio che è disposta a correre, poiché crede che sia importante trovare gli assassini e i colpevoli di Berta Cáceres.

La guerriglia

- annuncio pubblicitario -

Cáceres apparteneva agli indigeni Lenca di La Esperanza nell'Honduras sudoccidentale.
. . .

Caro lettore. Hai letto oltre 15 articoli gratuiti, possiamo quindi chiederti di iscriverti Abbonamento? Quindi puoi leggere tutto (comprese le riviste) per 5 euro.

Pinar Ciftci
Ciftci è giornalista e attore.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?