Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

La parola libera – Socialismo e libertà parte III

Portiamo qui la terza e ultima parte della serie di articoli di Jens Bjørnebo Socialism and Freedom
>
(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

La libertà di parola ha, oltre ad essere la nostra unica garanzia di certezza del diritto, un altro aspetto che è di grande importanza per noi come individui. Lo trovo quasi meglio articolato da Erich Fromm, oggi all'Università di New York City – e probabilmente uno dei più importanti psicologi socialmente orientati al mondo. Fromm sceglie un esempio di situazione che crea malattie, e stranamente sceglie la seguente immagine: Un autore di talento ha accettato una nuova posizione. Gli porta molti soldi, ma lo costringe a rappresentare opinioni con cui non può identificarsi. Comincia a soffrire di gravi disturbi nervosi.
La solita terapia di adattamento proverebbe a curare i suoi sintomi nevrotici considerando un adattamento alla posizione redditizia come un segno di salute – "un sano adattamento alla nostra cultura".

Fromm dice il contrario: si appellerebbe al potere morale del paziente, alla sua coscienza, alla sua indipendenza spirituale e intellettuale: solo esprimendo autonomamente la propria opinione il paziente può ottenere ciò che è necessario, per riguadagnare coscienza e autostima.
Questo vale per tutte le persone, ma si applica in particolare a scienziati, scrittori e scrittori: uno scrittore può svolgere il suo compito umano e sociale solo quando è completamente e senza riserve onesto. Solo quando dice la verità che solo lui può dire, anche quando si discosta totalmente dal funzionario, solo allora si serve a nulla. E un uomo che non sa che in qualche modo sta facendo un lavoro utile difficilmente può mantenere la sua autostima e quindi la sua vera salute interiore.

Questo è il motivo che così tanti scrittori nel corso del tempo sono finiti in tribunale e in prigione, nel migliore dei casi in esilio. Polizia, tribunali, carceri ed emigrazione corrono come un filo conduttore nella storia letteraria del mondo. Sempre di pari passo con l'obbligo di censura dei creatori da parte delle autorità.
Ho cercato di trovare un esempio che alcune autorità hanno mai usato per usare la censura, la polizia e la violenza contro la parola scritta. Non ho trovato un caso. Sono sempre state le opinioni represse che alla fine ne hanno tratto beneficio.
Hitler creò una fiorente letteratura di emigranti tedeschi. Non ne ha tratto beneficio. Non dovrebbe essere rifatto da nessun regime.

Sopprimere un'opinione critica o indesiderata è come stringere una palla di gomma in mano.

Tutta la cultura cristiana è nata in questo modo. Il suo fondatore è stato giustiziato, su basi terrene sostenibili. E uno non ha aiutato. Il suo successore, l'eminente scrittore l'apostolo Paolo, fu decapitato, Pietro fu crocifisso. Non ha aiutato. È andata così per molto tempo. La chiesa ha preso il sopravvento. Ha bruciato Bruno in fiamme. Non ha aiutato. Ha costretto Galileo al silenzio. Non ha aiutato. Gli esempi sono innumerevoli: non ha mai aiutato. Sopprimere un'opinione critica o indesiderata è come stringere una palla di gomma in mano. Per un po 'puoi tenerlo compresso, quindi la palla di gomma diventa la più forte. Maggiore è la forza utilizzata, maggiore è la pressione all'interno della sfera di gomma. Ed è una pressione che non diminuisce mai.

- annuncio pubblicitario -

Se un'idea non è vero, quindi cade da solo. Se una critica non colpisce, se la satira non contiene in tutta la sua esagerazione la verità centrale, allora tutti possono vedere che non è vera – e cade da sola. Ma se è vero, allora è come la palla di gomma. Non puoi spremerne la vita.
Uno degli argomenti comuni a favore della censura è che una letteratura non è sana: è negativa, morbosa, sporca, sporca, bassa e soprattutto malata. È contagioso e ai minori va risparmiato. I giovani in particolare devono essere risparmiati dall'umiltà, dalla perversità, dalla negatività e dalla malattia.
C'è molto in esso. E allo stesso tempo non ha senso.
Non i libri di testo ufficiali, ma la storia culturale dal punto di vista medico, mostrano:
La verità è che l'intera cultura, l'intera cultura europea è creata da criminali, bevitori, sifilitici, pazzi, epilettici, tossicodipendenti, omosessuali o almeno psicopatici seri, nevrotici e almeno la tubercolosi. Non sono le cosiddette forze sane che creano una cultura. Non sono gli sciatori e gli insegnanti di ginnastica a creare una cultura. Eppure, nella maggior parte dei casi, questa malattia è più sana della solita robusta "salute". Shakespeare usa già il termine "salute malata".

Con questo non si vuole porre la questione in primo piano, anche se si possono trovare delle eccezioni. E non si applica solo all'arte o alla poesia, ma si applica anche in larga misura alla filosofia e alla scienza. Faccio un esempio.
Nel 1848, come è noto, fu pubblicato il Manifesto del comunismo. Nello stesso anno, una rivoluzione altrettanto violenta ha avuto luogo in un'altra area: la medicina, in particolare per la chirurgia. Quasi esattamente nello stesso momento, furono scoperti sia asettici che anestesia, gli asettici a Vienna di Ignaa Semmelweis, l'anestesia di tre americani. Insieme, queste tre persone hanno permesso di operare in futuro senza il dolore diabolico a cui era precedentemente associato l'intervento chirurgico, e anche senza l'enorme tasso di mortalità che accompagnava sia la febbre della maternità che la febbre della ferita.

Di questi tre Gli americani sono morti uno in manicomio, l'altro in depressione e povertà, il terzo, alcolizzato e tossicodipendente, ha ucciso una prostituta in un bordello di New York e gli ha tagliato la gola come un assassino in una cella di prigione. Semmelweis è morto all'ospedale psichiatrico di Vienna.
È un cattivo argomento chiedere una cultura "sana".
Come la vita stessa, la cultura richiede che si verifichi un po 'di impurità e un minimo di microbi, proprio come la riproduzione richiede da noi un po' di inutilità per continuare.
Non esiste una «cultura sana» e nessuna riproduzione casta, tranne in una società da incubo in cui i processi avvengono per inseminazione.

Solo i puri idioti hanno creduto che le condizioni in Russia o in qualsiasi altro paese della terra fossero perfette.

I due processi a Mosca finora hanno portato a una cosa sola, vale a dire che tre autori russi, prima relativamente sconosciuti, sono diventati famosi nel mondo in pochi giorni. Di per sé, questa è una cosa eccellente. Io stesso difficilmente avrei letto Sinjavski e Tarsis, se il processo non fosse avvenuto, ma oggi sono felice di averli scoperti. A mio parere, sono entrambi scrittori decisamente originali e profondamente onesti, che continuano una chiara e tipica tradizione russa.
Non credo che i libri di Sinjavski e Tarshish che ho letto possano aver danneggiato l'Unione Sovietica. Solo i puri idioti hanno creduto che le condizioni in Russia o in qualsiasi altro paese della terra fossero perfette. D'altra parte, le due pene detentive hanno danneggiato la reputazione della Russia sovietica in misura straordinaria. Hanno danneggiato il paese più di quanto qualsiasi libro avrebbe mai potuto fare. Sinjavski o Tarshish non sono innocui. Gli scrittori innocui sono in abbondanza. Ma rispetto alle raffigurazioni come. Baldwin o Wright o ad es. Il gene, solo per citarne alcuni, dà delle loro terre, i due russi sono puri ragazzi della scuola domenicale.

Non troppo tempo fa C'è stata una tempesta di processi alle streghe negli Stati Uniti. Tutte le persone pensanti possibili sono state accusate di "affari non americani". È stato un periodo molto brutto per l'America e fortunatamente gli Stati Uniti sono usciti da quel periodo. Tuttavia, è stato dannoso per la morale del paese internamente e per la sua reputazione esterna. Coloro che hanno danneggiato gli Stati Uniti sono stati i giudici di queste corti – ed erano i cattivi americani, erano i giudici che avrebbero dovuto essere condannati per "attività antiamericana".

Quanto a Sinjavski, Tarshish e questi tre che sono stati lacchè e aiutanti dei nemici dell'Unione Sovietica, è il vecchio giudice stalinista nel caso, tutti gli attori della tragicommedia, è la stessa corte che ha fornito argomenti ai veri nemici di Unione Sovietica. Sono ancora i giudici che avrebbero dovuto essere condannati.

Il vero socialismo ha qualcosa da temere dalla libertà di parola?

In linea di principio, ci si deve porre la domanda: il vero socialismo ha qualcosa da temere dalla libertà di parola?
Si può solo rispondere che se si ha la verità e il diritto dalla propria parte, allora si deve naturalmente avere anche la parola libera, l'illimitata libertà di espressione dalla propria parte.
Quando gridi alla polizia o ad atti di violenza per fermare un'espressione di opinione, allora è sempre perché sei intellettualmente incapace di confutarla con argomenti logici.
Il nostro futuro come esseri umani dipende da questo principio.
E il socialismo non ha nulla da temere dal lato della libertà di parola.
Voltaire ha formulato qui una volta per tutte la verità: "Sono fortemente in disaccordo con le sue opinioni, ma voglio mettere la testa sul blocco per il suo diritto di esprimerle!"
E Voltaire era un uomo saggio.

L'Unione Sovietica ha perso la simpatia, ha perso prestigio e stima, ha perso moralmente – secondo le due sentenze. L'unico modo per riconquistare la fiducia e il rispetto è far uscire le due condanne il prima possibile e liberare al più presto i due condannati.

GUARDA ANCHE: Prima parte di "Socialismo e libertà" | Seconda parte di "Socialismo e libertà"

Jens Bjørneboe
Autore. Ha scritto nel predecessore di Ny Tids Orientering.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Come l'effetto si è diffuso nel resto del mondo, gli autori, l'australiano Clive Hamilton e la tedesca Mareike Ohlberg, fanno luce nel libro.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
Filosofia / Filosofia politica del buon senso. Fascia 2, ... (di Oskar Negt)Oskar Negt chiede come sia nato il cittadino politico moderno sulla scia della Rivoluzione francese. Quando si tratta di terrore politico, è chiaro: non è politico.
Autoaiuto / Svernamento: il potere del riposo e della ritirata in tempi difficili (di Katherine May)Con Wintering, Katherine May ha proiettato un affascinante e saggistico libro di auto-aiuto sull'arte dello svernamento.
Cronaca / Non tenete conto dei danni che possono causare le turbine eoliche?Lo sviluppatore di energia eolica di Haramsøya ha gravemente trascurato? Questa è l'opinione del gruppo di risorse che dice no allo sviluppo locale delle turbine eoliche. Lo sviluppo può interferire con i segnali radar utilizzati nel traffico aereo.
La forza mimetica / Padronanza della non padronanza nell'era della fusione (di Michael Taussig)Imitare un altro è anche un modo per ottenere potere sulla persona ritratta. E quante volte vediamo un'imitazione del cosmo in un bar in una strada laterale buia?
Radiazione / La maledizione di Tesla (di Nina FitzPatrick)I ricercatori del romanzo trovano la prova definitiva che parti della tecnologia moderna stanno distruggendo la biologia neurologica umana?
Foto / Helmut Newton – Il cattivo e il bello (di Gero Von Boehm)Il controverso status di culto del fotografo Helmut Newton persiste molto tempo dopo la sua morte.
Notifica / La Svezia e l'Inghilterra erano democrazieIl trattamento di Julian Assange è un disastro legale iniziato in Svezia e continuato nel Regno Unito. Se gli Stati Uniti riusciranno a ottenere l'estradizione di Assange, potrebbero impedire la pubblicazione di informazioni sulla grande potenza in futuro.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato