"La nostra esistenza dipende dal cambiamento delle nostre abitudini di crescita e consumo"

DONNE DEL CAMBIAMENTO: TEMPI MODERNI questa volta parla con Sandrine Dixson-Declève della crescita sostenibile e dello sviluppo verde. Ora è leader del gruppo di esperti della Commissione europea per la ricerca e l'innovazione.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

La francese-belga Sandrine Dixson-Declève (54) ha trent'anni di esperienza in politica, gestione aziendale e strategia europea e internazionale. È difficile darle un titolo professionale; è un'attivista, una consigliera speciale, esperta e politica – ed è interessata ad argomenti come EU, il cambiamento climatico, crescita verde e sviluppo sostenibile, energia e finanza.

Dixson-Declève è riconosciuto da GreenBiz come una delle trenta donne più influenti al mondo che guida i cambiamenti nell'economia a basse emissioni di carbonio. Nell'ambiente politico, è conosciuta come "leader leader d'opinione europea", secondo l'esperto europeo Paal Frisvold. "Grazie per quel titolo, anche se non l'ho mai considerato da solo. Faccio solo quello che ritengo giusto e adatto alla mia visione sostenibile sviluppo ", afferma nel nostro incontro di Bruxelles.

Il mio motto di vita è assicurarmi di avere influenza come esseri umani, di fare ciò che è giusto entro i confini dei confini del pianeta.

Si definisce un'agente del cambiamento: “Il mio motto di vita è assicurarmi di avere influenza come esseri umani, di fare la cosa giusta entro i confini dei confini del pianeta e di vivere in modo sincrono con pianeti e l'altro. Penso che devi essere il leader che vuoi vedere, e vorrei che avessimo più leader che volessero rompere i confini. "

La famiglia emigrò da Bruxelles in California quando aveva tre anni. Il movimento hippy e il movimento climatico scoraggiante la plasmarono in larga misura, ma era nel primo negozio di alimentari biologico in California ha ricevuto un risveglio ecologico: “Quando ho visto le etichette che indicavano che i produttori di alimenti erano responsabili a livello sociale e ambientale, sono diventato consapevole di come possiamo avere un impatto positivo e sostenibile sul pianeta modificando le nostre abitudini di consumo. È diventata la mia prima vera educazione nelle materie di cui continuerei a occuparmi per il resto della mia vita. "

Crescita verde e finanziamenti

- annuncio pubblicitario -

Cinque anni fa, ha contribuito a creare La piattaforma di crescita verde insieme ai ministri del clima e dell'ambiente dei governi britannico e svedese rispettivamente. Lo scopo della piattaforma è discutere la crescita verde. Dixson-Declève è ancora fidanzato e anche la Norvegia è attivamente coinvolta. Dixson-Declève è anche membro del gruppo di esperti tecnici della Commissione europea in materia di finanza sostenibile e dirige anche il settore manifatturiero per sostenibilità.
- Come possiamo rendere l'economia verde?

"In questo momento sto cercando di influenzare La Banca europea per gli investimenti (BEI) per ritirarsi dagli investimenti nei combustibili fossili entro il 2020. Dobbiamo ora bloccare nuovi investimenti nelle infrastrutture del gas e del petrolio, perché è lì che si trovano le emissioni più elevate.

La Norvegia deve ridurre il recupero di energia fossile accesso. Ma ovviamente è difficile, dal momento che il modello economico norvegese si basa su petrolio e gas, che ha permesso al paese di mantenere lo stato sociale. Il positivo è che la Norvegia investe in energie rinnovabili, in modo che il centro di gravità economico venga trasferito da petrolio e gas.

Faditoon
Ill.: Faditoon, vedi www.libex.eu

Dobbiamo fermare i sussidi per l'energia fossile accesso. L'energia fossile è troppo economica! Lo spostamento del 17 percento dei sussidi globali dal settore petrolifero e del gas ammonterebbe a oltre 500 miliardi di euro di entrate. Il denaro può essere destinato alle energie rinnovabili e all'efficienza energetica, che avranno un enorme impatto positivo sulla società. Dobbiamo fermare gli investimenti in infrastrutture in gas e petrolio accesso, perché sarà impossibile cambiare in seguito. Detto questo: sono orgoglioso degli sforzi dell'UE per guardare direttamente alla necessità di capitale e passare a tecnologie a basse emissioni di carbonio. Ci stiamo muovendo nella giusta direzione con un accordo della BEI per spostare gli investimenti dai combustibili fossili energi dal prossimo anno.

Stiamo discutendo dell'istituzione di una tassonomia che definirà quali investimenti sono verdi, al fine di creare un mercato dei capitali che incoraggi il finanziamento di attività economiche che contribuiscono alla decarbonizzazione.

Christine Lagarde, la nuova presidente della BEI, ha indicato di voler porre il clima al centro della sua nuova revisione del bilancio. Questo è enorme! Ciò significa che noi, sia i singoli Stati membri sia l'UE a livello globale, stiamo finalmente mettendo in atto i meccanismi per il finanziamento verde ", afferma Dixson-Declève.

Legislazione progressiva

Nei suoi molti anni di impegno per l'ambiente, ha fatto molta strada. Dopo aver completato il suo master, ha lavorato con società di ingegneria e ambientali per ripulire i terreni contaminati per vedere quali sistemi erano necessari sul posto, sia in Belgio che nel resto d'Europa: per vedere come possiamo ripulire il carburante. L'esperienza mi ha dato un'indicazione di prima mano di come ha funzionato la collaborazione tra politica europea, produzione, raffinazione di carburanti e case automobilistiche. "

È diventata consigliere speciale di Heidi Hautala, attuale vicepresidente finlandese di Parlamento UE (e la prossima donna in questa serie di interviste), lavorando sulla legislazione sul carburante: “È stata un'esperienza incredibile. L'Europa ha introdotto per la prima volta una legislazione progressiva! Abbiamo abbassato il livello di zolfo da 500 ppm a 50 ppm, e infine a 10 ppm, e abbiamo anche vietato l'uso del piombo. Puoi vederlo in tutte le stazioni di servizio Europa.
Abbiamo cambiato i carburanti e migliorato la qualità dell'aria. avvelenamento da piombo e danni ai nervi per bambini e adulti che vivevano vicino a molte aree trasporto og inquinamento, era molto diffuso prima di affrontare il problema. Successivamente sono stato assunto come esperto di qualità del carburante e dell'aria nell'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC), tra cui Arabia Saudita, Brasile e Vietnam, che mi ha insegnato che stabilendo standard qui in Europa, il resto del mondo segue dopo ".

LE DONNE DELL'EUROPA

Think tank globale

Dixson-Declève è stato eletto copresidente nel 2018 con la dott.ssa Mamphela Ramphele a Il club di Roma, un think tank globale composto da burocrati, politici, scienziati ed economisti delle Nazioni Unite attuali ed ex. Sono le prime donne presidenti del think tank e Dixson-Declève è il presidente più giovane di sempre: “Qui discutiamo della comprensione intellettuale di cinquant'anni di I limiti alla crescita, i nuovi modelli economici, politici e finanziari, il finanziamento del cambiamento, i cambiamenti del finanziamento e il modo in cui stiamo affrontando i cambiamenti possono "emergere dall'emergenza". "

Dobbiamo fermare i sussidi per l'energia fossile ora. L'energia fossile è troppo economica.

Il Club di Roma ha pubblicato il suo Piano di emergenza climatica nell'autunno del 2018, contemporaneamente alle prime manifestazioni sul clima con Greta Thunberg al timone: “Cinque anni fa, le persone non erano preparate a parlare del cambiamento climatico come un'emergenza, poiché pensavano che avrebbe creato panico. Nel nostro Piano di emergenza per il clima presentiamo dieci azioni fondamentali å uscire dall'emergenza in cui ci troviamo, qualcosa che abbiamo un decennio da fare.

Innanzitutto, dobbiamo smettere di estrarre e utilizzare l'energia fossile, ma dobbiamo anche adottare misure per garantire che l'uso delle risorse non sia più ad alta intensità di carbonio e non influenzi la biodiversità. Dobbiamo creare un'agricoltura rinnovabile, fermare la massiccia deforestazione e perforare nell'Artico, proteggere i poli nord e sud e impedire lo scioglimento del ghiaccio.

Dobbiamo trasmettere il messaggio che siamo in una situazione di emergenza, ma se agiamo ora, possiamo avere un impatto sempre più forte ", afferma Dixson-Declève.

Chiedo perché siamo arrivati ​​al punto in cui si trova ora o mai più:

"Io e molti altri che abbiamo lavorato con il clima e la sostenibilità negli ultimi trenta anni e quelli che fanno parte del Club di Roma negli ultimi cinquant'anni, abbiamo sempre parlato di colpire un muro a meno che non agiamo più in grande cautela. Il problema era che ci era stato detto che eravamo profeti condannati, che avevamo torto, che le persone potevano continuare a consumare nel quadro di un'economia dell'energia fossile senza che fosse un problema, che avremmo trovato altre soluzioni e che stavamo solo andando nel panico.

I limiti alla crescita già nel 1972 predisse i punti di svolta del clima e degli ecosistemi e la crisi esistenziale che affligge l'umanità. Il problema più grande oggi è che l'uomo si è posto al centro dell'universo; qualcosa che non siamo! L'universo è il centro; ne siamo solo una piccola parte. Il nostro ruolo attuale nell'universo ha portato a una tale distruzione che ci colpirà. Con la mancanza di leadership e azione da parte di alcuni leader e governi di spicco in importanti paesi, come gli Stati Uniti e il Brasile, dobbiamo trovare altri modi per andare avanti, altrimenti non raggiungeremo mai gli obiettivi dell'Accordo di Parigi. Sebbene abbiamo già oltre 1000 dichiarazioni di crisi climatiche in tutto il mondo, queste sono troppo poche e ora dobbiamo trasformare queste dichiarazioni in qualcosa di concreto. ”

Affare verde

A proposito del Green Deal europeo del presidente Ursula von der Leyen, Dixson-Dècleve afferma: “Penso che sia molto promettente. Spero che Leyen abbia fatto diverse cose che mi hanno davvero colpito. Il primo è l'inclusione di rivali politici nella presidenza, il che dimostra che lei vuole lavorare tra diversi partiti, incluso il fatto che al Vice Presidente Frans Timmermans sia stata affidata la responsabilità del Green Deal. Poiché Timmermans è da sempre impegnato nel rafforzamento dei diritti sociali, ciò potrebbe avere forti implicazioni sociali.

Questa è la prima presidenza equilibrata per genere che integrerà il pensiero sulla sostenibilità tra i vari servizi della Commissione. La commissione di von der Leyen avrà una diversa struttura governativa, in cui il potere è assegnato a un certo numero di vice presidenti. Sono pronto a sostenere lei e la sua commissione per garantire che abbiamo un Green Deal ambizioso che renderà l'Europa competitiva, assicurerà l'economia, i posti di lavoro e proteggerà i nostri confini naturali.

Credo nel futuro dell'Europa. La politica europea del sistema di welfare è di dare uguali diritti a tutti e non solo all'élite, come negli Stati Uniti. Il rispetto per le persone deve essere tradotto nel rispetto per il pianeta. Sono molto entusiasta che l'Europa stia prendendo sul serio il cambiamento climatico. Ci sono pochissimi negazionisti qui nella nostra parte del mondo. Ora i leader europei devono mostrare come le persone possono contribuire. Questo può essere il momento più emozionante della storia dell'Europa. Siamo in grado di ripristinare completamente l'economia, creare nuovi posti di lavoro e allo stesso tempo proteggere il nostro pianeta ", afferma Dixson-Dècleve.

È preoccupata per il futuro dell'Europa se le persone non si uniranno:

“Il futuro è verde. Dobbiamo coinvolgere tutti fornendo informazioni convincenti sul fatto che essere verdi fa parte della linea di fondo economica.

L'ultimo rapporto speciale delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e sul paese (IPCC 1.5 ° C) conferma che stiamo affrontando la più grande crisi esistenziale di sempre. La nostra esistenza dipende dal cambiamento delle nostre abitudini di crescita e consumo e dal modo in cui vediamo il mondo. Dobbiamo creare corridoi di trasporto non inquinanti e funzionali tra le comunità agricole e urbane e sbarazzarci del consumo eccessivo che rende le persone fisicamente e mentalmente malate. esso è il messaggio che dobbiamo trasmettere alla gente ", conclude Dixson-Dècleve.

  1. I limiti alla crescita (1972) scritto da Donella H. Meadows, Dennis L. Meadows, Jørgen Randers e William W. Behrens, è un rapporto sulla simulazione dei dati di crescita economica esponenziale e crescita della popolazione con accesso limitato alle risorse.
Pinar Ciftci
Ciftci è giornalista e attore.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?