La disperazione è più forte del previsto

OTTIMISMO: Prendendo le idee positive più seriamente, possiamo dare loro la stessa attenzione che le ideologie tossiche ricevono oggi.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Non importa dove, sia nei media, nella retorica dei politici o nelle discussioni su Internet – si trova un pregiudizio contro cattivi ideali e idee. Non intendo implicare che la maggior parte di noi sostenga razzismo, misoginia o omofobia, ma diamo loro effetto. Crediamo che gli ideali estremisti debbano essere combattuti perché li consideriamo implicitamente abbastanza forti da attrarre nuovi seguaci e abbastanza contagiosi da diffondersi.

Allo stesso tempo, tendiamo a prendere le idee positive meno sul serio, crediamo istintivamente che non sia possibile fare buoni progressi verso un economia zero carbon o per colmare il divario di ricchezza tra ricchi e poveri. Le politiche proposte per raggiungere tali obiettivi etici sono considerate irrealistiche. I politici che sostengono una tale politica sono visti con diffidenza o rifiutati. Il nostro pregiudizio ci fa attribuire ai cattivi il potere motivante dell'idealismo invece di sfruttarlo per il nostro bene comune.

Polvere magica

Durante le elezioni in NuovoNella Zelanda nel 2017, molti commentatori hanno criticato la visione ottimistica del leader laburista Jacinda Ardern e l'hanno chiamata "polvere magica".

Quando la senatrice democratica degli Stati Uniti Dianne Feinstein è stata contattata da studenti che volevano che sostenesse la legislazione del "Green New Deal", ha respinto l'affermazione come irrealistica: "La risoluzione non sarà mai approvata da senato, e lo puoi dire a chi ti ha mandato qui ", fu la risposta.

Crediamo che gli ideali estremisti debbano essere combattuti perché implicitamente li consideriamo abbastanza forti da attirare nuovi seguaci e che sono abbastanza contagiosi da diffondersi.

Pensa al nazionalista bianco che ha ucciso 51 persone nella moschea di Christchurch, in Nuova Zelanda, nel marzo dello scorso anno: il suo obiettivo dichiarato era di invertire la "Grande sostituzione" (in cui gli europei bianchi sono sostituiti da africani e persone di Medio Oriente)inoltre, ha affermato che l'azione "salverebbe l'ambiente". Questo è chiaramente assurdo.

Tuttavia, quando un diciannovenne ha ucciso una persona e ne ha ferite altre tre nell'attacco a una sinagoga a California nell'aprile dello scorso anno, abbiamo attirato l'attenzione sul fatto che il diciannovenne potrebbe aver fatto riferimento al tiratore di Christchurch manifesto In linea. In entrambi i casi, riconosciamo apertamente che questi uomini sono i discendenti ideologici dell'assassino di massa Anders Behring Breivik.

Ideali estremisti

Ovviamente dobbiamo ancora preoccuparci della diffusione online degli ideali estremisti. Ma se vogliamo prendere sul serio il potere persuasivo di tali "influencer", dovremmo fare lo stesso con ideali positivi, anche se inizialmente sembrano assurdi.

Nella "polvere magica" di Arden c'era la speranza di cancellare il debito degli studenti e ridurlo la povertà infantile. Prendendo sul serio gli obiettivi, possiamo dare loro la stessa influenza che già attribuiamo alle ideologie tossiche. Se smettiamo di rifiutare immediatamente gli obiettivi, possiamo iniziare a pensare a come possono essere effettivamente raggiunti.

Non tutti gli ideali morali sono realizzabili. Immagina un giovane studente di medicina che sogna di curare il cancro. Verso la fine della sua carriera, è in prima linea in un trattamento rivoluzionario della leucemia acuta. Tecnicamente, il suo sogno non è stato realizzato – ma avrebbe contribuito tanto se non avesse abbracciato il sogno di curare il cancro?

All'inizio del suo mandato come primo ministro, Ardern ha promesso di dimezzare la povertà infantile in dieci anni. Il suo avversario, Bill English del Partito Nazionale al governo, ha respinto a lungo qualsiasi gol. la povertà infantile sulla base del fatto che era difficile da misurare. Alla fine, si è impegnato a raggiungere un obiettivo relativamente modesto.

Se Ardern manterrà la carica di primo ministro per i prossimi dieci anni, è improbabile che la povertà infantile venga dimezzata entro la fine del periodo. La sua promessa sarà infranta. Ma come il ricercatore sul cancro fallito, Ardern sarà in grado di guardare indietro a uno sforzo che ha fatto una differenza misurabile.

cooperazione

Quello per ridurre la povertà infantile o affrontare il cambiamento climatico richiede un'ampia cooperazione e, in una certa misura, sacrifici individuali. Il problema è che è più facile per noi immaginare una soluzione tecnologica a problemi complessi piuttosto che avere fiducia che politici e cittadini si uniranno per una causa comune. E poiché consideriamo le barriere tecnologiche superiori, abbiamo una maggiore determinazione e una tendenza a essere più tolleranti se qualcosa fallisce.

Ad esempio: sebbene gli astronauti siano attivi Apollo 1 – Edward H. White II, Virgil I. «Gus» Grissom e Roger B. Chaffee – morirono in un incendio, rispettarono NASA La scadenza di John F. Kennedy per atterrare sulla luna. Allo stesso modo, tifiamo silenziosamente per il capo di SpaceX Elon Musk mentre fantastica di colonizzare il pianeta Marte.

Dobbiamo concederci idee e fantasie ottimistiche – almeno di solito portano dei frutti.

Tuttavia, non possiamo contare su un generoso miliardario per svilupparne uno nuovo tecnologia che ci salverà dal cambiamento climatico. Solo una vera cooperazione può risolvere questi problemi.

Ideali comuni. Riunirsi attorno a ideali comuni può essere un motivatore efficace, indipendentemente dal contenuto morale dell'ideale. Molti nella prima generazione di rivoluzionari sovietici credevano sinceramente nella visione di un comunista #utopia, libera dallo sfruttamento umano. Hanno fatto i sacrifici personali necessari per realizzarlo.

Non molto tempo fa abbiamo percepito Neonazisti come irrimediabilmente perduto. Le loro sporadiche marce erano considerate comiche, presentate dai media con la stessa priorità del rapporto sul pensionato che aveva lasciato in eredità l'intera fortuna del suo gatto. Ora dobbiamo prendere sul serio i neonazisti; in realtà dobbiamo preoccuparci di quali sacrifici potrebbero considerare di portare per la loro causa malvagia.

Sfortunatamente, non abbiamo altra scelta che accettare che i loro ideali abbiano un effetto perverso, tuttavia né dovremmo ignorare il potere potenziale degli ideali positivi – come forza trainante per la cooperazione e il progresso morale. Dovremmo indulgere in alcune delle nostre idee e fantasie più ottimistiche – almeno di solito danno dei frutti. E un frutto è meglio di nessun frutto.

Traduzione di Iril Kolle

- auto-pubblicità -
nicholas@nytid.com
Nicholas Agar è un filosofo neozelandese. Il filosofo Agar viene dalla Nuova Zelanda e scrive molto sulle conseguenze della nuova tecnologia per l'uomo. Il suo ultimo libro è Come essere umani nell'economia digitale.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Commenti recenti:

Persone nelle piccole città

USA:  Quali erano le possibilità di rielezione di Trump a novembre? Un ampio lavoro sul campo fornisce informazioni utili sul segmento comunemente percepito come i suoi elettori principali.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il paese riceve aspre critiche internazionali per l'ampio uso della tortura da parte della polizia e della guardia civile, che non viene mai perseguito. I ribelli del regime sono imprigionati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

La cima di un iceberg

IMPOSTA: Panama Papers, Paradise Papers, LuxLeaks e FinCEN forniscono un indizio sulla portata globale della "pianificazione fiscale".

Incredibile!

COMMENTO: L'esercitazione Joint Viking 2021 è una forza trainante in una «nuova guerra fredda».