La cima di un iceberg

IMPOSTA: Panama Papers, Paradise Papers, LuxLeaks e FinCEN forniscono un indizio sulla portata globale della "pianificazione fiscale".

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

La pianificazione fiscale aggressiva nelle società internazionali private non è necessariamente illegale, ma non è etica e profondamente problematica, in quanto significa la perdita di grandi entrate che avrebbero dovuto avvantaggiare la comunità.

Transparency International EU ha appena pubblicato un rapporto che mostra come alcune delle più grandi banche dell'UE e Storbritannia cerca di evitare tasse elevate nei rispettivi paesi d'origine spostando la registrazione in giurisdizioni con tasse basse o nulle – paradisi fiscali.

I risultati più importanti del rapporto sono che 31 banche su 39 utilizzano tali giurisdizioni e 29 di queste ottengono profitti elevati in paesi in cui non hanno dipendenti. UniCredit, HSBC e Société Genérále sono in cima alla lista per questo modo di organizzare la loro attività, con Isole Cayman e Malta che sono le due giurisdizioni più utilizzate.

I profitti delle banche spagnole all'estero sono 18 volte superiori rispetto a
Paese d'origine.

Esistono grandi differenze tra i ricavi delle sedi centrali delle banche e le loro operazioni estere. Ad esempio, i profitti delle banche spagnole all'estero sono 18 volte superiori a quelli nazionali. Tali operazioni segrete possono indicare che le banche speculano nel registrare parti della loro attività all'estero per evitare di pagare le tasse. Il rapporto formula riserve sulle conclusioni che si possono trarre a causa della mancanza di trasparenza sulle operazioni delle banche in questi paesi. Potrebbero esserci motivi legittimi per organizzare l'attività in questo modo.

La trasparenza è forse lo strumento più importante per prevenire e individuare la criminalità economica e le pratiche non etiche. Nuovi standard di trasparenza e legislazione hanno permesso di seguire più da vicino le aziende. Inoltre, le principali rivelazioni di documenti negli ultimi anni, come Panama Papers, Paradiso Papers, LuxLeaks e più di recente FinCEN, sono stati importanti nel puntare i riflettori sul segreto finanziario e nel fornire un puntatore alla portata globale.

Tracker delle imposte sulle società

Dal 2015, le banche dell'UE sono obbligate per legge a dichiarare reddito, tasse e numero di dipendenti paese per paese. Pertanto, è diventato possibile raccogliere dati su società che in precedenza erano state coperte da molta segretezza. I ricercatori hanno esaminato tali dati negli ultimi cinque anni e hanno stabilito una panoramica sul portale Tracker delle imposte sulle società. Il portale mostra in modo chiaro quanto guadagnano le banche e quanto pagano in tasse nei paesi in cui operano. Ma questa ricerca mostra anche che un certo numero di paesi non applica la rendicontazione paese per paese. Inoltre, solo le banche e le industrie estrattive sono soggette a queste normative.

Pertanto, i risultati del rapporto sulle banche europee potrebbero mostrare solo la punta dell'iceberg, e questo potrebbe essere un'indicazione di un problema molto più ampio legato alla pianificazione fiscale aggressiva non solo nel settore bancario ma anche in altri settori.

Punti deboli nella legislazione

L'analisi dei rapporti paese per paese mostra debolezze nella legislazione in quanto non è richiesto un formato standardizzato per la rendicontazione delle società, né è sempre facile da trovare nei rapporti stessi. Un altro punto debole è che le cifre delle banche variano. Non è sempre chiaro quale periodo di tempo coprono le cifre e alcune banche non dividono le cifre per giurisdizione come richiesto. In questo modo la rendicontazione non diventa confrontabile, né la trasparenza diventa significativa.

È necessario correggere queste debolezze affinché la rendicontazione paese per paese costituisca una buona base per le analisi dei rischi e le statistiche.

La Norvegia ha introdotto requisiti legali per la rendicontazione paese per paese nel 2017 con un sistema di rendicontazione più standardizzato rispetto all'UE. I rapporti in Norvegia contengono informazioni sul reddito e sulle imposte per paese e descrivono l'attività in ogni singolo paese in cui opera la società. La legislazione norvegese dovrebbe essere estesa a tutti i settori e rafforzata chiudendo la possibilità di spostare i profitti fuori da un paese prima che venga tassato?

- auto-pubblicità -
Gro Skaaren-Fystro
Skaaren-Fystro è consulente speciale di Transparency International Norvegia.

Commenti recenti:

Persone nelle piccole città

USA:  Quali erano le possibilità di rielezione di Trump a novembre? Un ampio lavoro sul campo fornisce informazioni utili sul segmento comunemente percepito come i suoi elettori principali.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il paese riceve aspre critiche internazionali per l'ampio uso della tortura da parte della polizia e della guardia civile, che non viene mai perseguito. I ribelli del regime sono imprigionati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

La cima di un iceberg

IMPOSTA: Panama Papers, Paradise Papers, LuxLeaks e FinCEN forniscono un indizio sulla portata globale della "pianificazione fiscale".

Incredibile!

COMMENTO: L'esercitazione Joint Viking 2021 è una forza trainante in una «nuova guerra fredda».