Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

L'importanza dei leader

Ny Tid ha scelto di parlare con tre persone della leadership al Festival Internazionale di Letteratura di Bergen. Una leadership basata su finanze, paura o autocrazia?

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Il Festival Internazionale della Letteratura di Bergen ha avuto un totale di 69 eventi a febbraio. Sul palco hanno partecipato 75 scrittori provenienti da 20 nazioni. Il tema variava da "Identità e populismo" (Carsten Jensen / Thomas Hylland Eriksen) a "Ballar, galline e mogli" (Helene Uri). Anche eventi come "Poetic punk gala", i discorsi notturni di Siss Vik con Thomas Espedal o lo spettacolo di apertura con Hissa Hilal dall'Arabia Saudita erano pieni.

Sulla base di ciò, Ny Tid ha scelto di parlare a tre persone della leadership al Festival della letteratura di Bergen. Mentre Tomm Kristiansen di NRK crede che l'Africa meridionale stia affrontando un futuro luminoso, Ina Tin di Amnesty International vede il futuro del Medio Oriente nell'oscurità. E il sociologo Heinz Bude crede che la società sia guidata dalla paura (vedi studio). Kristiansen ha scritto diversi libri sull'Africa, ha pubblicato Tin Arabia Saudita. La spada e le voci (2018).

Capi di stato estremi

Tomm Kristiansen è noto come corrispondente NRK in Zimbabwe e Sud Africa. È stato anche consigliere del presidente del Sud Sudan. Riguardo al partito sudafricano ANC dalla caduta del regime dell'apartheid, Kristiansen dice a Ny Tid: "L'ANC ha avuto così tanto potere che non hanno dovuto combattere i loro casi in parlamento. Sono stati in grado di controllare la politica dall'ufficio del partito. L'errore è stato che le persone hanno scelto le persone sbagliate per governare. Penso sia a Zuma che a Mbeki, che hanno negato l'esistenza dell'AIDS. Con tali leader, molto va storto ".

"Il potere reale in Arabia Saudita è mantenuto attraverso il petrolio". Lattina

Ina Tin di Amnesty ha partecipato a un dibattito con Tomm Kristiansen sui leader statali estremi. A Ny Tid, sottolinea lo sviluppo in Arabia Saudita: "Il principe ereditario saudita è un giocatore pericoloso in Medio Oriente. I suoi soci in affari in Occidente devono puntare i piedi. Le sue politiche aggressive potrebbero sfociare in uno scontro militare con l'Iran. Quindi la regione potrebbe affrontare una grande guerra tra due delle più grandi nazioni militari lì ".

- annuncio pubblicitario -

Kristiansen ha incontrato più volte Nelson Mandela: "Mandela è il capo di stato più comprensivo che abbia mai incontrato. Potrebbe non aver realizzato il mondo intero, ma a volte devi misurare la storia in base a ciò che non è accaduto invece di guardare a ciò che è successo. Per il Sud Africa tenuto insieme – non c'era guerra tra xhosa e zulu, tra il partito inkatha e l'ANC. Come giornalista, puoi trovare corruzione e un'economia debole. Ma dobbiamo anche vedere quante persone hanno l'elettricità, quante nelle zone rurali hanno servizi sanitari e quante hanno accesso all'acqua pulita ".

Riguardo al regime chiuso del principe ereditario Mohammed bin Salman, Tin ha detto a Ny Tid: "L'Arabia Saudita ha un'economia totalmente dipendente dal petrolio. Il potere autocratico del re nel paese è mantenuto con l'aiuto del petrolio. Sotto bin Salman, l'Arabia Saudita è più che mai un regime brutale. Persegue la sua stessa gente e rafforza la libertà di espressione – questo colpisce i leader religiosi, i difensori dei diritti umani e le attiviste. Il principe ereditario è anche dietro la guerra contro lo Yemen, che è una guerra per procura contro l'Iran, poiché si dice che la milizia hothi abbia ricevuto sostegno dal regime iraniano. La guerra è un disastro per il popolo dello Yemen ".

"L'ANC è stata in grado di controllare la politica dall'ufficio del partito". Kristiansen

Kristiansen sottolinea che la multiculturalità in Sud Africa funziona meglio di molto altro là: “Oggi ci sono pochi conflitti etnici; la maggior parte sono piuttosto politici. Le persone si sposano continuamente al di là dei confini etnici ". Si è sposato nella township di Khayelitshai.

Allo stesso tempo, Kristiansen sottolinea che il Sudafrica ha ancora molta strada da fare, preferibilmente un paio di generazioni. Dopo il ben venduto Madre Africa (1994) era a Bergen per parlare del suo ultimo libro, Quando Dio ha cambiato idea (2018). Kristiansen menziona due paesi africani in progresso. Ad esempio, i sudafricani si recano in vacanza in Mozambico: “Il Mozambico ha avuto successo. Alcuni degli agricoltori bianchi dello Zimbabwe stanno andando molto bene lì. Sono stati i benvenuti in Mozambico. Le spiagge sono state deserte a causa della guerra civile, ma ora c'è un grosso investimento lì ". E gli sviluppi in Zimbabwe sono migliorati da quando Mugabe si è dimesso. Il presidente Mnangagwa accoglie infatti la stampa internazionale e sono tornati diversi contadini bianchi espulsi da Mugabe.

Nepotismo o apertura

Torna alla gestione. Il presidente Trump rifiuta di prendere le distanze in linea di principio dall'assassinio del giornalista saudita Khashoggi. Ha affermato di essere più preoccupato di avere un buon rapporto con l'Arabia Saudita – e di vendere loro armi – che di stabilire una tale politica. Il consigliere senior di Amnesty Tin aggiunge: "Anche in Norvegia c'è spazio per un certo esame di coscienza quando si parla di Arabia Saudita. Il ministro degli Esteri Søreide dovrebbe chiedere che le attiviste arrestate in Arabia Saudita siano rilasciate immediatamente e senza condizioni. Lei non. "

Tin non è mai stata in Arabia Saudita e non pensa mai di poterci andare. "Amnesty International è considerata un'organizzazione terroristica dall'Arabia Saudita. Inoltre, le mie fonti potrebbero essere messe in pericolo solo parlando con me. "

nilsvermund@gmail.com
Gjerstad è un giornalista freelance.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Una condanna a morte per lo Stato siriano

SIRIA: Uno stato multiselettrico, multireligioso, multilingue e multietnico dilaniato dal partito Ba'ath, estremisti, milizie e superpotenze rivali, che chiedono la loro parte del Paese.

Il neoliberismo come arte di governo più indiretta?

GESTIONE: Questo è un libro su cos'è il neoliberismo, anche come un'arte di governo più indiretta

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.