Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Intelligenza artificiale

Totalitario? Al Partnerforum di Oslo, abbiamo sentito che Orwell si sbagliava.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Per identificare i bambini come potenziali kamikaze, i ricercatori dell'Università Federale di Lokoja in Nigeria stanno lavorando con l'intelligenza artificiale rendendo le macchine ad autoapprendimento.

Benvenuti nel 2018, l'anno in cui l'intelligenza artificiale, o intelligenza artificiale, prende il posto dei "big data". Consentitemi di citare alcuni esempi: il Donders Institute nei Paesi Bassi ha presentato un sistema in grado di scansionare il vostro cervello per ricostruire facilmente le immagini dei volti che avete visto. Ma la maggior parte di noi utilizza già, più o meno consapevolmente, l'intelligenza artificiale tramite, ad esempio, Siri di Apple e Gmail di Google. Quest'ultimo legge la tua email ed è felice di suggerirti opzioni di risposta. Google tiene traccia delle tue ricerche e ti invia annunci pertinenti. E aziende come Amazon e Netflix monitorano le nostre preferenze e suggeriscono prodotti adatti da acquistare o serie/film da guardare.

Totalitario? A Oslo, al Partnerforum di dicembre, il direttore del Norwegian Technology Council, Tore Tennøe, ha fatto un punto – durante un dibattito sul libro di George Orwell 1984 Soluzioni che Orwell aveva torto riguardo all’origine del sistema sociale totalitario del futuro. Quindi non è l'Unione Sovietica, ma gli Stati Uniti, più precisamente la San Francisco degli hippy, che hanno creato la nuova sorveglianza di oggi: Facebook, Google e altri sulla costa occidentale.

The Economist mostra che gli investimenti annuali nell’intelligenza artificiale sono aumentati di ben 26 volte dal 2015 al 2017, fino a superare ora i 180 miliardi di corone norvegesi. I giganti comprano quelli piccoli e promettenti startup, si confronti l'acquisizione da parte di Google nel 2014 della piccola società inglese di intelligenza artificiale Deepmind per 4 miliardi di corone norvegesi. Dieci anni fa ExxonMobil e General Electric erano le più grandi aziende del mondo; ora Google, Apple, Facebook e Microsoft sono le più grandi.

Molti di noi diventano dipendenti da Google.

E Google? Molti di noi diventano dipendenti dal motore di ricerca di Google, dal sistema di posta (Gmail), dallo smartphone (il loro Android), dal sito web di video (YouTube) e presto da GoogleFoto (che scansiona e raggruppa i volti), dal sistema di pagamento (GooglePay) – e forse un giorno da Google ( Alphabet) auto a guida autonoma Waymo.

Tornando al Partnerforum, intitolato "Lunch with Bernt": il professor Bernt Hagtvedt continua a dire: quanto è davvero ironico? – che gli studenti di oggi sono sconsiderati e spiritualmente pigri. Ha sottolineato che il totalitario Orwell ha descritto, beh, che molto cambia le tue abitudini di pensiero, al di là della sorveglianza e del controllo. Se non esattamente al punto che 2+2=5, come nel romanzo, ma i “big data” combinati con l’intelligenza artificiale forniranno opportunità di gestione in cui sia le forze commerciali che quelle politiche avranno un forte interesse. Perché con la nuova tecnologia di monitoraggio arriva anche una nuova legislazione. Come ha detto al pubblico presente in sala Bjørn Erik Thon dell'autorità norvegese per la protezione dei dati: PST ora vuole raccogliere dati in grandi quantità per poter presumibilmente prevenire attività criminali Uomo è pianificato. Sì, per spostare la linea del crimine in modo che sia pari pensare in modo sbagliato diventa illegale, somiglia poco a ciò che Orwell predisse riguardo al futuro nel 1949.

Ma con un maggiore monitoraggio ne arriva uno effetto rinfrescante: Le persone hanno paura di parlare apertamente al telefono e via e-mail. Secondo Thon, gli studi statistici hanno confermato questo effetto dopo le rivelazioni di Snowden sulla sorveglianza massiccia della propria popolazione da parte degli Stati Uniti. In Europa, un intervento così diffuso nella vita privata viola ancora i diritti umani: l’idea è che se ti senti costantemente monitorato, ciò influisce sulla tua capacità di pensare in modo indipendente. Ciò si traduce in un deficit democratico.

A Berkeley a San Francisco, durante i miei studi negli anni '1990, le "reti neurali" erano qualcosa di completamente nuovo nell'intelligenza artificiale. I ricercatori nel campo delle scienze cognitive e della filosofia hanno cercato di imitare il modo di pensare umano. Il mio insegnante di filosofia – non più hippie, guidava una Porsche – aveva una teoria del machine learning basata su spazi e caratteri cinesi, di schemi e programmi che si seguivano ma senza capire né disegnare.

All'epoca la conferenza intitolata "Neural Information Processing Systems" attirò alcune centinaia di persone: nel dicembre 2017 si presentarono ben 8000 ascoltatori, tra cui numerosi investitori e talent scout. Google era dietro la conferenza, che ha presentato diverse centinaia di sondaggi.

Ma oggi la previsione dell’Economist è che i cinesi prenderanno il posto degli hippy. La Cina sta investendo enormemente nell’intelligenza artificiale, ad esempio in aziende come Alibaba e Baibu. Oggi in Cina due milioni di persone lavorano con la sorveglianza e si classificano pubblicamente  cittadini in base al loro comportamento sia online che in pubblico. In altre parole, la società perversa della sorveglianza di Orwell è una realtà da tempo.

Ma la nostra intelligenza umana si lascerà controllare da quella artificiale? Dan Nixon della Banca d'Inghilterra documenta almeno l'uso di smart
telefoni e nuovi social media portano a distrazione che riduce la tua capacità lavorativa del 10%. E con un controllo medio del telefono e del web ogni tre minuti, le continue interruzioni creano un’abitudine – o addirittura un desiderio – di distrazione. Perdiamo la capacità di rimanere concentrati e pensare chiaramente.

Il "machine learning" può applicarsi anche a noi esseri umani.

Trulli mentono
Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi i precedenti articoli di Lie i Le Monde diplomatique (2003–2013) e morgenbladet (1993-2003) Vedi anche par lavoro video di Lie qui.

Potrebbe piacerti anche