Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

L'arte dall'altra parte

È possibile costruire una società nuova e completamente diversa da quella che manca di empatia? L'anno scorso abbiamo perso una voce unica nel panorama artistico norvegese, che ci parlava da una realtà alternativa.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

"Sii casto e puro", sembra dire la cultura azteca dalla sua tomba, e "sii anche vergine". Tali parole non risuonano bene tra le persone progressiste oggi. Se le parole risuonano comunque con qualcuno – nella misura in cui si vede la necessità di una svolta per se stessi e per gli altri – allora una possibile chiamata è opt-out. Semplicemente perforando questo mondo e strisciando fuori da esso, trovando un'altra espressione di vita; guarda che l'erba dall'altra parte è molto più verde e spostati lì prima che la nostra erba scompaia.
Bisogna prendersi la libertà, come viene educatamente chiamata, di passare dall'altra parte, con i sacrifici e il dolore che seguono a seguito di tale mossa. Al di là, l'altro aspetta, quello che mi fa sapere che non sono io a decidere, ma che qualcuno, o qualcosa, sta calcolando i miei passi sulla Terra. Lì, dall'altra parte, c'è anche l'arte, che non ha mai tollerato l'ingerenza umana. Chi si abbassa sarà esaltato, è detto nel Vangelo di Tommaso. Pertanto il ricorso dovrà essere: Disconnettersi; l'abbiamo già sentito prima, e le cose importanti non vengono mai dette troppo spesso. (Isidore Ducasse: "Dici cose importanti quando non cerchi di dire niente di straordinario"). Giovani e anziani: iscrivetevi. Quando è troppo è troppo. "Sii casto, puro e vergine": questa è la via. Quindi una sorta di modo regressivo di esplorare la realtà, e quindi inaccessibile nel sistema di pensiero del moderno cittadino del mondo. Correggere i passi indietro per andare avanti richiede un atteggiamento aperto verso le cose.
Circa un anno fa, in primavera, morì un originale e recluso, che viveva in un edificio di legno autocostruito ai piedi di Munkerudveien, a Nordstrand. Per circa 50 anni, l'uomo era stato una figura ben nota e in parte famigerata a Nordstrand – il terrore di tutti i bambini che crescevano – ma che, invece di causare problemi a un gatto, quasi sollevava questo animale come se fosse il grande consolatore e redentore. Questo riguarda davvero lui, perché ha rinunciato. La sua opposizione alla macchina sociale portò, tra le altre cose, a cambiare nome, passando da Ole-Bjørn Magnussen a Torbjørn Hangårsta. La nostra conoscenza è iniziata quando ha ricevuto da noi un gattino dopo aver letto la nostra pubblicità su un palo del telefono a Sæterkrysset.

L’arte non ha mai tollerato l’ingerenza umana.

Senza compromessi. Ole-Bjørn ha cambiato nome in segno di protesta contro la realtà conformista in cui viviamo ("diventa testardo"). Il compromesso non faceva parte del suo vocabolario. Si oppose fermamente alla maggioranza dei dogmatici all’interno dei servizi sanitari e sociali e della magistratura. La libertà che cercava conteneva un’espiazione, le scuse di coloro che avevano ferito le persone a lui più vicine. Non l'ha mai capito. L’apparato di potere raramente ammette errori. La storia è che nel 1943, durante una vacanza tanto attesa con i suoi due figli minorenni nel sud della Norvegia, sua madre calpestò una mina e le venne amputata una gamba. Alla sua domanda se la zona fosse sicura per trasferirsi, aveva ricevuto una risposta positiva da un ufficiale tedesco. I bambini aspettavano nella vicina camera d'albergo: i tedeschi l'avevano messa a disposizione in cambio della cucitura delle uniformi da parte della madre. Ole-Bjørn avrebbe poi trascorso molti anni chiedendo risarcimenti sia allo Stato tedesco che alle autorità norvegesi. Il caso è arrivato fino alla Corte europea dei diritti dell'uomo dell'Aia.
A differenza della maggior parte delle persone che si rassegnano e accettano la situazione, Ole-Bjørn ha costruito un’alternativa rara e originale a una società che sentiva priva di empatia. Partendo dalla sua residenza, costruita con materiali da costruzione di scarto in fondo a Munkerudveien sul Nordstrand, a soli 100 metri dalla casa della sua infanzia, ha creato una realtà diversa. Qui si applicano principi diversi rispetto al resto delle regole della società. È stato creato un ritmo diverso. Il lavoro mutevole, i soggiorni in prigione e l'ozio furono sostituiti dall'immersione nell'attività artistica. Le tele furono tese e i quaderni pieni di bozze di romanzi e poesie. Ben presto la casa dovette essere ampliata; furono costruiti piccoli e grandi ampliamenti, che dovevano ospitare atelier e depositi per le opere d'arte. Senza alcuna forma di istruzione, andò a lavorare. Non c'era niente di sbagliato nel contenuto delle opere, una vita ai margini dell'esistenza umana formulava opinioni che valeva la pena rendere visibili, immagini che potessero espandere la consapevolezza della diversità umana. Molto di ciò che Ole-Bjørn ha scritto e dipinto racconta anche di una solitudine intrinseca. L'arte è diventata un'amica e una consolatrice, accanto al gatto che lo ha sempre circondato.

Ole-Bjørn ha costruito un'alternativa rara e originale a una società priva di empatia.

La posizione dell'artista. Cos'è un artista, fino a che punto si estende la definizione? Qualcosa che probabilmente chiediamo all'artista, oltre alla maestria artigianale, è che esprima una verità in una realtà sociale che richiede bugie se si vuole arrivare da qualche parte. Si capisce così che la condizione dell'artista nella società è messa a dura prova. La distanza di Ole-Bjørn dalla zona di comfort sicuro che la maggior parte delle persone cerca gli ha permesso di vedere la vita più chiaramente. Niente poteva essere usato per spiegare il dolore causato dallo shock che aveva vissuto in giovane età. È da qui che ci segnala; attraverso le sue immagini e i suoi testi, con il suo appello a non accettare il disinteresse della società per il dolore umano. Ci parla non attraverso opere tecnicamente brillanti, ma con una saggezza che fa sì che ciò che è espresso su carta e tela debba comunque essere preso sul serio. È naturale paragonarlo al pittore Bendik Riis (1911–1988), la cui importanza è oggi sempre più apprezzata. A differenza di Ole-Bjørn, Riis ha avuto un'educazione artistica, ma i loro destini e le loro attività creative hanno molte caratteristiche sovrapposte: attraverso immagini e testi, cercano di trasmettere aspetti della vita umana con cui una macchina sociale dogmaticamente egocentrica non simpatizza. Entrambi sperimentano il fatto di diventare degli outsider nel loro tempo, con le conseguenze sociali associate.
La grande arte ha sempre avuto contatti con l’alchimia. Il semplice metallo si è trasformato in oro. Qui si possono menzionare molti destini che oggi restano forti nella storia dell'arte. Ole-Bjørn non arriva così lontano; finché non ci saranno troppo pochi lavori e troppa poca documentazione. Eppure è imparentato con loro. La casa di materiali da costruzione logori al piano più basso di Nordstrand era forse in realtà un castello: un pezzo di poesia.
Una volta comprai un suo dipinto quando scesi dove viveva. Ha menzionato il prezzo, 1000 NOK. Supponevo che ci fosse in giro qualcosa del genere e avevo i soldi pronti. Rimase immobile a lungo e guardò il biglietto che aveva in mano, prima di voltarsi bruscamente ed entrare in un'altra stanza. Quando è tornato, abbiamo condiviso un semplice panino e della vendita non è stata menzionata una parola. Oggi il quadro è appeso nel mio teatro. Mostra due figure comunicanti, ciascuna seduta su un collare sacerdotale. Dietro di loro si vedono montagne e valli, dal colore è chiaramente una limpida giornata estiva. Presumibilmente si può vedere la fattoria di famiglia della madre di Ole-Bjørn a Valdres.

Lars Øyno
Lars Øyno
Regista e scrittore teatrale. Guarda anche Teatro della crudeltà o wikipedia

Potrebbe piacerti anche