Ordina qui l'edizione estiva

Guerra culturale in Arabia Saudita

Perché l'Arabia Saudita può distruggere i monumenti culturali della Mecca e Medina in pace e tranquillità?

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Il 95 per cento degli edifici più di mille anni nella città santa musulmana della Mecca sono stati rasi al suolo negli ultimi 20 anni, secondo il think tank americano indipendente Gulf Institute. Rimangono solo 20 edifici dell'epoca del profeta Maometto e persino il luogo di nascita di Maometto sta per diventare cibo per i bulldozer. "Stiamo assistendo agli ultimi giorni della Mecca e di Medina", afferma l'architetto Sami Angawi a The Independent. Allora dove diventeranno le proteste norvegesi contro il vandalismo culturale?

Nel 2000, c'è stata una costernazione globale quando il regime talebano in Afghanistan ha fatto saltare in aria le statue di Buddha di quasi 2000 anni a Bamiyan. Personaggi politici e religiosi in Egitto, Pakistan e Iran hanno protestato e la comunità mondiale, guidata dall'organizzazione delle Nazioni Unite UNESCO, ha fatto del suo meglio per fermare la distruzione, ma senza successo. È la delusione di non essere stati in grado di fermare i talebani che ha portato il regime in Arabia Saudita a portare avanti la distruzione culturale che fa sembrare i crimini dei talebani come una rotta schiacciante? O è la posizione dell'Arabia Saudita come superpotenza petrolifera e alleato degli Stati Uniti che porta al silenzio clamoroso?

L'ampia distruzione dell'Arabia Saudita è stata compiuta in un'alleanza empia tra i fondamentalisti musulmani, l'industria del turismo, l'industria delle costruzioni e gli affari. I fondamentalisti vogliono demolire tutti gli edifici storici e religiosi ei luoghi che possono promuovere l'idolatria e il "politeismo", mentre il business si mette in fila per riempire i vuoti con nuovi alberghi, centri commerciali, parcheggi e grattacieli. Qui troviamo la spiegazione del motivo per cui il re Fahd recentemente scomparso fece demolire la casa del nipote di Maometto, Ali-Oraid. Non doveva certo diventare meta di pellegrinaggi. Paradossalmente, una delle forze trainanti dietro la distruzione è l'ampio pellegrinaggio turistico dei musulmani alla Mecca, che porta a un'enorme domanda di nuovi hotel e altri alloggi temporanei.

Dobbiamo risalire al 1744 per trovare le radici di questa estrema paura dell'idolatria. Quindi l'antenato di re Fahd, Mohammed bin Saud, fece un accordo con il riformista religioso Mohamed ibn Abdul-Wahab. La famiglia Saud ottenne una maggiore influenza sotto il dominio ottomano, mentre i "wahhabiti" ottennero maggiori opportunità di diffondere la loro ideologia religiosa. Ma fu solo dopo che l'Arabia Saudita divenne uno stato indipendente nel 1932 che il wahhabismo divenne la religione di stato. Da allora, il movimento non ha mostrato alcuna comprensione di tutto ciò che potrebbe assomigliare a idoli, icone e adorazione di più dei. Sulla carta c'è ancora la pena di morte per idolatria in Arabia Saudita.

La dottrina contro l'idolatria è la spiegazione del motivo per cui il re Fahd fu sepolto in una tomba anonima, e il pensiero va così lontano che persino i modelli sui manifesti pubblicitari nel paese sono dotati di difetti deliberati come un occhio mancante o un piede sovraverniciato. I wahhabiti dell'Arabia Saudita hanno finanziato il regime talebano e anche Osama bin Laden era un fedele wahhabita. “Il wahhabismo è la fonte dell'intero problema. Hanno un enorme complesso verso l'idolatria e tutto ciò che è connesso con il profeta Maometto", dice l'architetto Angawi a The Independent.

Perché allora la Norvegia e il resto della comunità internazionale protestano a gran voce contro il vandalismo? L'Arabia Saudita è anche una dittatura corrotta che dovrà affrontare grandi cambiamenti nei prossimi anni. Le richieste di maggiore uguaglianza e democratizzazione sono quasi destinate a crescere quando due terzi della popolazione ha meno di 25 anni, la classe media è solo in crescita e il 58 per cento degli studenti sono donne. Ma c'è una quantità estremamente grande di denaro e prestigio per la Norvegia nell'essere in buoni rapporti con il regime della superpotenza dell'OPEC. Il principe ereditario Haakon e il ministro del petrolio e dell'energia Torhild Widvey sono stati recentemente nel paese per porgere le loro condoglianze al re Abdullah per la morte del re Fahd. Quest'estate, Kjell Inge Røkke e Aker Kværner hanno avuto il loro grande successo nel regno, quando la società ha firmato una lettera di intenti che potrebbe significare incarichi di ingegneria e servizi di acquisto per un valore di 2,7 miliardi. I visitatori norvegesi difficilmente hanno avuto il tempo di parlare di archeologia e distruzione di monumenti culturali, perché la Norvegia è al sicuro dietro la mano protettiva militare e politica degli Stati Uniti sull'Arabia Saudita. Anche il vasto vandalismo culturale non sembra cambiare il rapporto di cortesia.

Potrebbe piacerti anche