Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

"La nostra cultura è costituita da pezzi di pietra rotti, ma la luce del sole del presente cade costantemente su di essi, e in ciò risiede la speranza."

Hakan Sandell
Håkan Sandell
Sandell è ora critico di poesia regolare di MODERN TIMES. È un poeta e critico letterario svedese. Ora è un critico di poesia regolare in TEMPI MODERNI. Sandell ha pubblicato circa 30 libri e per diversi decenni ha anche lavorato come scrittore di cultura per il giornale mattutino svedese Sydsvenskan. Il suo ultimo libro è la raccolta di poesie Il mondo apre i cancelli (2023).
POESIA / TEMPI MODERNI presenta qui il filippino Cirilo F. Bautista. È un internazionalista, influenzato dall'alto modernismo europeo e americano. Per Bautista, non c’è altro modo per comprendere la politica filippina contemporanea se non raccontandone la storia.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il poeta più riconosciuto nelle Filippine, Cirilo F. Bautista (1941–2018), è sconosciuto qui al nord. Può essere collocato accanto al principale poeta contemporaneo tailandese, il culturalmente conservatore Angkarn Kalayanapong (vedi il numero invernale di MODERN TIMES), e al principale poeta della Corea del Sud, Ko Un, che è costantemente in corsa per il Premio Nobel. Ma laddove questi due hanno il loro punto di partenza nella religione del loro paese d'origine, Bautista è un internazionalista, influenzato dall'alto modernismo europeo e americano (Eliot ecc.), che può essere collegato alla storia delle Filippine, come colonia spagnola e come protettorato americano. Come la maggior parte delle classi istruite nelle Filippine, scrive sia in inglese che in tagalog. (Il tagalog, che è influenzato dal vocabolario e dalla grammatica spagnola, è spesso chiamato "filippino".)

Come il premio Nobel per la letteratura dell'India occidentale Derek Walcott, Bautista – oltre all'oppressione coloniale e al suo danno sociale – vede tuttavia nel linguaggio coloniale una liberazione, un'appartenenza al mondo. Come scrive nella poesia "Geografia del terzo mondo": "Un paese senza miracoli / siede pesantemente sulla mappa". E come nel caso di Kalayanapong, in Bautista i valori radicali e nazionali sono vicini, ma qui nel senso che il suo compito è "servire il suo povero Paese", come ha affermato in un'intervista. Agli occhi del poeta non c'è altro modo di intenderlo filippinoe politica del presente che raccontandone la storia.

La 'Scoperta' delle Filippine

Tale prospettiva storica è adottata nell'opera principale di Bautista, Il Trilogia di San Lazzaro#, che a dieci anni di distanza ha ricevuto la sua terza e ultima parte Luce solare sulle pietre rotte, pubblicato nel 2000 (un'edizione raccolta nel 2012). La trilogia è solo parzialmente storicamente cronologica, ma inizia con la 'scoperta' delle Isole Filippine da parte di Magellano, per poi soffermarsi a lungo sul romanzo letterario sotto il dominio spagnolo. Ma per tutto il tempo con risonanza nelle Filippine contemporanee. Più che la storia, il desiderio che sta dietro al poema epico è quello di dare un ritratto della mentalità filippina e – come dice il poeta – di un “destino filippino”. Scrive anche in modo sorprendentemente positivo di questa "scoperta" delle Filippine come di qualcosa che ha dato al paese "un'autocoscienza della sua posizione geografica".

Una poesia che, nella sua densità di immagini, può altre volte avvicinarsi al surrealismo o ai suoi successori latinoamericani come Neruda.

Con il titolo Luce solare sulle pietre rotte Bautista commenta che "la nostra cultura è costituita da pezzi di pietra rotti, ma la luce del sole del presente cade costantemente su di essi, e qui sta la speranza". Molti i riferimenti alla realtà e alla politica filippina. Ma nella trilogia, scritta durante la presidenza di diversi dittatori, il poeta si limita a dichiarazioni politiche dirette. Ciononostante si tratta di un lungo poema fieramente espressivo quello di cui si parla qui, dove una "marea di plastica" si riversa sulle isole, e dove "dei bruni abbandonati" guardano dall'alto in basso "polvere da sparo e paradiso", e le "chimere giocolerie" del paese. . Il tutto solidale con il suo popolo filippino: "Se l'amore tradisse tutto?" chiede il poeta, ma la risposta la dà lui stesso: "riparatori di strade, spaccatori di bambù, venditori ambulanti. / L’amore non deve tradirli, né il silenzio del cimitero.”

"Per il bene del mio Paese"

Ne dà uno poesia che nella sua densità pittorica può altre volte avvicinarsi al Surrealismo o ai suoi successori latinoamericani Neruda. Bautista è pienamente consapevole – lo si evince anche dalle interviste – che il grande pubblico difficilmente lo legge, e come dice lui della situazione del 'poeta': "non porta dentro / i turisti".

Ma è un poeta della gente semplice. Lo sfondo delle poesie è quello della spedizione Manila – come in un tranquillo decadimento, le mattine in cui aprono i piccoli negozi, e dove le scatole di sardine sono "la compagnia dei solitari". Lo stesso Bautista è cresciuto nei quartieri poveri di Manila, in una zona squallida con edifici e vicoli bassi (Balic-Balic in Sampaloc). Crescendo, ha lavorato come fattorino di giornali e lustrascarpe, mentre suo padre era impiegato in una fabbrica di tabacco. Quando gli è stato chiesto perché scrive, ha risposto: “Per il bene del mio Paese, desiderio di cambiamento persone – nella gente.”

In molti modi

Bautista considera le sue poesie come un'opera unitaria e vede tutta la sua produzione poetica "come un'unica poesia". A volte riutilizza anche brani di libri precedenti in nuovi contesti, in una sorta di campionamento, e riscrive. Ciò è visibile fino alla sua ultima raccolta di poesie, In molti modi (2017, Casa editrice dell’Università di Santo Tomas), dell’anno prima della sua scomparsa silenziosa a causa di una malattia muscolare. Raccoglie poesie degli ultimi cinque anni, molte in forma rilegata, e include, tra le altre cose, una magnifica suite di sonetti liberi – "A Salt Crown". Questo è un motivo che collega Filippines posizione tra la terra (in pericolo dal punto di vista climatico) e il mare circostante, entrambe le parti coronate da questa "corona di sale", e quindi: "Il sale è cibo per i morti o per i vivi".

«Il sale è cibo per i morti e per i vivi.»

In una poesia precedente, durante viaggi di studio in Europa, alle fontane barocche di Villa D'Este nella Tivoli italiana, il pensiero torna anche qui alle Filippine, con tutta questa ricchezza d'acqua; «Era questo ciò che / pensava, colui che progettò il giardino della sua mente, / per congelare quello splendore?» E, Bautista aggiunge, con una critica discreta, al cardinale che fece costruire il parco delle fontane: "come se fosse suo l'oceano".

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Un accordo di pace ideale che metta fine alla guerra una volta per tutte

FRED: Trecento anni dopo la nascita di Immanuel Kant, gli argomenti del filosofo prussiano a favore di un pacifismo razionale e lungimirante sono più attuali che mai. L’Europa è recentemente diventata un luogo in cui l’opposizione tra bene e male viene regolarmente invocata per giustificare una brutalità irresponsabile e dove i tamburi di guerra suonano sempre più forte. Kant è conosciuto come l'autore di uno dei saggi contro la guerra più famosi della storia della filosofia: La pace eterna. Il cosmopolitismo di Kant si fonda sul possesso originario e comune della terra da parte dell'uomo e implica il riconoscimento del “diritto” a visitare tutti i luoghi senza essere trattati con ostilità.

Dov’è la certezza giuridica?

COMMENTO: Dall'11 febbraio 2023 Ilaria Salis è detenuta a Budapest per il tentato omicidio di due militanti neonazisti. Si dichiara non colpevole. L'accusa ha chiesto 11 anni di reclusione, 24 anni se non confessa. E l'Ungheria?

Il linguaggio della donna maledetta

SESSISMO: Quando morì di cancro l'anno scorso, all'età di 51 anni, Michela Murgia era diventata un'icona femminista in Italia. Come scrittrice e drammaturga, ha vinto premi di alto profilo negli anni 00 prima di iniziare a vedere la scrittura come uno strumento di attivismo. Come giornalista e femminista, ha veramente compreso il potere della simbiosi tra suono e scrittura. Le parole contano, possono dividere e possono contagiare.

Politica estera femminista – teoria e pratica

FEMMINISMO: In Why the Future of Foreign Policy is Feminist, Kristina Lunz cerca di dare un contenuto concreto alla politica estera femminista. Svezia, Canada, Germania, Francia e Messico hanno introdotto le proprie politiche estere femministe. Ma non esiste un legame automatico tra l’aumento della rappresentanza femminile e il miglioramento delle condizioni delle donne in generale.

Un patrimonio di conoscenza spudorato

RIVISTA: Le riviste in quanto parte del pubblico letterario rischiano di essere cancellate? La critica indagatrice, quella che osa essere letteratura indipendente, osa essere autoreferenziale, introspettiva e autoimplicativa.

Dag Hammarskjöld era gay?

FILM: L'umorismo, il dramma, il calore, l'azionismo, la rabbia, l'ironia, gli incontri con la stampa e i giovani di Hammarskjöld, le sue riflessioni spirituali e piene di sentimento formano possibilità infinitamente ricche e affascinanti che il regista Per Fly tocca solo eccezionalmente in questo nuovo film.

Postcoloniale e critico nei confronti del potere

VINCITORE DEL PREMIO HOLBERG: I libri di Achille Mbembe ruotano tutti attorno al modo in cui le persone negli stati postcoloniali vengono tenute a freno ed emarginate. Ma anche di come la democrazia oggi non funzioni perché minacce, violenze e omicidi tengono le persone lontane dalla sfera pubblica, dai dibattiti, dal poter dire quello che si pensa per paura di perdere il lavoro, di essere messi in prigione o uccisi.

L’orrore a Gaza sta facendo impazzire la gente

RAPPORTO: Rapporti di MODERN TIMES dall'interno di Gaza. E cosa pensa Hamas di quanto accaduto?

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.