Ordina qui l'edizione estiva

contrabbando culturale

In Norvegia manca una politica della letteratura per i testi digitali in grado di proteggere le condizioni di lavoro degli autori.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Scritto da: Hans Marius Graasvold, consulente legale di NFF, hmg@advokatredet.no

e Kjell Lars Berge, presidente della Norwegian Nonfiction Writers and Translators Association (NFF)

[cronaca] Il punto di partenza per mettere in discussione il valore del diritto d'autore è dovuto ai cambiamenti radicali nelle condizioni del quadro tecnologico per la produzione e la pubblicazione di testo, immagini e musica.

Lo sviluppo ha portato diversi dibattiti nella società norvegese a credere che le espressioni su Internet non possano essere coperte dalla tradizionale legislazione sul copyright. Alcuni sostengono che il copyright aiuti a recintare la comunità della conoscenza (Tage Wester e Sebastian Gjerding, Ny Tid 12 gennaio 2007). Tali punti di vista non sono stati rivendicati solo da individui ai margini del pubblico norvegese, ma anche da alcune organizzazioni politiche giovanili e dai principali partiti dello Storting.

Addio al diritto d'autore? Guidata da Trond Giske, la maggioranza dello Storting ha affermato durante l'elaborazione del Copyright Act nella primavera del 2005 che gli autori che avevano scelto di pubblicare i propri testi su Internet dovevano accettare che i testi fossero oggetto di libero utilizzo all'interno del settore pubblico. In qualità di ministro della Cultura, Giske è ora un sostenitore di una visione completamente diversa. I gruppi di utenti centrali come l'Unione centrale dei comuni ora accettano che il pagamento debba essere effettuato per la maggior parte delle stampe Internet utilizzate dai dipendenti nei comuni. Ma sentiamo ancora che i politici affermano opinioni che in pratica significano un addio al diritto d'autore.

L'assemblea nazionale di Venstre ha recentemente deciso che il partito vuole depenalizzare il file sharing. Con questo, il tradizionale partito culturale esprime l'opinione che dovrebbe essere legale comprare e vendere beni rubati, a condizione che i beni rubati siano proprietà intellettuale. E qual è la motivazione? La sinistra non pensa che la letteratura, la musica ei film siano resi disponibili in modo rapido ed economico. Pertanto, gli autori devono essere posti in amministrazione controllata e privati ​​del diritto di autopubblicare le proprie opere.

Il ministro dell'Istruzione Øystein Djupedal questa primavera ha concesso 15 milioni di NOK al progetto congiunto del consiglio di contea National Digital Learning Arena (NDLA). L'NDLA creerà e diffonderà materiale didattico gratuito per l'istruzione secondaria superiore. I materiali didattici devono essere sviluppati da una piccola redazione centralizzata sulla base di singoli testi acquistati da autori, editori e altri che devono rinunciare a qualsiasi diritto di esercitare un controllo sull'ulteriore diffusione e sviluppo delle loro opere intellettuali. I comuni della contea ovviamente si aspetteranno di ottenere l'accesso a materiale didattico gratuito dall'NDLA, ad esclusione del materiale didattico degli editori di materiale didattico stabiliti. Questo crea un monopolio sui sussidi didattici finanziati dai contribuenti.

Tecnologia digitale. Non ci aspettiamo che gli alunni delle scuole svolgano ricerche accademiche approfondite nella scelta tra sussidi didattici gratuiti o costosi, o che il comune condivisore di file rifletta sulle conseguenze politico-culturali di ogni file che invia ai suoi "amici" in linea. In una certa misura, la maggior parte delle persone ha motivo di essere insoddisfatta di un'industria culturale che non ha ancora adattato i propri modelli di business alla tecnologia digitale. Ma ai nostri delegati di primo piano dovremmo esigere riflessioni qualificate sulle conseguenze di un indebolimento delle condizioni quadro per lo sviluppo professionale della cultura e della conoscenza. Bisognerebbe esigere dai politici una politica della cultura e della conoscenza dei testi creati e diffusi su internet.

Cosa rende il diritto d'autore così importante e degno di protezione? Internet e altre comunicazioni basate sul web sono una delle arene più importanti per il contatto tra le persone. È su Internet che visiteremo le istituzioni pubbliche per porre domande e aiutare sui diritti e sul sostegno finanziario. È su Internet che faremo acquisti, acquisiremo conoscenze e ci divertiremo, ed è su Internet che discuteremo e affermeremo opinioni. Ma Internet è anche un luogo in cui le persone possono incontrarsi in privato, sia attraverso blog in cui pubblichiamo post senza censure sui nostri pregiudizi su Dio e su tutti, sia attraverso l'autopromozione esibizionistica su YouTube.com o Deiligst.no.

Garanzia di qualità. Per un autore – e soprattutto un autore di saggistica – Internet sarà l'arena più importante per essere conosciuto e letto – e per essere venduto. Se un autore deve essere letto nella società di domani, quella persona deve essere trovata online in una forma facilmente accessibile e accattivante. Tuttavia, agli scrittori deve essere rimasto qualcosa per il lavoro che svolgono. Deve essere possibile guadagnarsi da vivere con la scrittura basata su Internet se si vuole che Internet diventi un luogo in cui i lettori possano acquisire una conoscenza buona, diversificata e corretta. Le considerazioni di politica culturale, della conoscenza e dell'istruzione sono forse le ragioni più ovvie per preservare il diritto d'autore anche per i testi di Internet. In questo modo vengono presi accordi anche per la garanzia della qualità sia dal punto di vista etico che professionale. Chiunque scriva su Internet può essere ritenuto responsabile di ciò che scrive. Come nel tradizionale mondo cartaceo di libri, riviste e giornali, si svilupperanno accordi che ci consentiranno di fidarci di chiunque parli. In questi giorni, la comunità degli insegnanti è digitalizzata, sia nelle scuole primarie che secondarie, nei college e nelle università. Le scuole e le università si preoccupano che la conoscenza che creano debba essere comunicata in modo sicuro. Il diritto d'autore è uno strumento necessario per garantire un'offerta ampia e qualificata di contenuti culturali e conoscitivi.

Per la società norvegese, questa garanzia di qualità è ancora più impegnativa perché le dichiarazioni sono scritte in una lingua che pochissime persone padroneggiano. Non c'è dubbio che Internet stimola lo sviluppo dell'inglese come lingua più importante del mondo. È tanto più importante per i norvegesi sviluppare la lingua norvegese su Internet. L'analogia con gli autori di lingua inglese che guadagnano ingenti somme di denaro regalando i loro testi online non è trasferibile all'area norvegese, dove il mercato si esaurisce molto più velocemente che nella maggior parte delle altre aree linguistiche.

L'NFF ha a lungo chiesto ai politici una politica della letteratura chiara ea lungo termine. La politica della letteratura norvegese dovrebbe includere anche i testi digitali. Dovrebbe riflettersi nell'ulteriore sviluppo e applicazione dei diritti d'autore. Essendo la più grande organizzazione di scrittori del paese, la NFF ha la grande responsabilità di garantire che gli autori esercitino i propri diritti in modo da avvantaggiare sia se stessi che i lettori. Riconosciamo che il diritto d'autore non è sempre esercitato al meglio garantendo il maggior reddito possibile. Quelli dei nostri membri che desiderano offrire i loro testi gratuitamente, o consentire ad altri di sviluppare ulteriormente i testi liberamente e senza la supervisione dell'autore, dovrebbero poterlo fare. Ma deve essere un punto di partenza invariabile che spetti all'originatore, a nessun altro, decidere se, quando e come un'opera intellettuale debba essere divulgata. ■

Potrebbe piacerti anche