Teatro della crudeltà

Cronaca: Per come la vedo io

Venerdì scorso, l'autista dell'ambulanza Erik Schjenken ha raccontato alla rivista A di aver lasciato il padre di un bambino piccolo, Ali Farah, sanguinante in un parco il 6 agosto 2007. Ecco la risposta di Farah.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Scritto da Ali Farah.

Ciao, tu Erik Schjenken. Voglio dirti alcune cose: se sei così sconvolto (vedi storia principale in A-magasin di Aftenposten, 3 ottobre), mi aspetto che ti prenda il tempo di leggere i miei pensieri nel tempo trascorso dall'ultima volta che ci siamo incontrati. E che l'hai letto fino all'ultima frase.

Non ricordo nulla dell'episodio, quindi è stato strano vedere una tua foto. Sono piuttosto ridotto, ho molti mal di testa e grandi difficoltà di lettura e scrittura a causa dell'infortunio che ho subito.

Tuttavia, sento il bisogno di esprimere ciò che penso di te. Ecco perché mi sto chiedendo aiuto per scrivere questa lettera. Non ho più la forza di tenere bassi i sentimenti che provo per te, anche se ci ho provato da quando ho capito cosa è successo.

Per me, ti imbatti in un uomo egocentrico che gioca alla roulette russa con la vita di altre persone e famiglie. Ora che sei quasi in rete, stai cercando di apparire come la vittima?

Non sei l'unico che è un padre! E non credo che dopo dovremmo litigare sul trauma, qualunque cosa dica il tuo psichiatra.
Ma per spiegare perché io, sì, penso che tu sia un razzista in un contesto più ampio: non è perché non penso che tu non abbia fatto del bene a nessuno nella tua vita. Al contrario, gran parte dell'Occidente vive della miseria delle vecchie colonie.

Il periodo coloniale continua. Vivete come conti qui. Forse è naturale, ma anche voi vivete come conti in Africa e in Asia e ovunque andiate. Anche se raramente impari la lingua o ti integri nella cultura. È vero che anche alcuni neri vivono così. Alcuni cinesi, alcuni arabi, alcuni pakistani e così via, e che alcuni bianchi sono molto poveri...

Ma in relazione alla popolazione, vivi in ​​modo relativamente irragionevolmente avido, visto su scala mondiale. Coloro che sono poveri sono qui scusati, in quanto non hanno ricevuto nulla della torta che veniva presa in epoca coloniale e di cui le ex potenze coloniali ancora traggono profitto. Sei riuscito a negoziare una sorta di sciarada, promettendo libertà e felicità, ma seducendoti in contratti osceni e brutali per mantenere guerre e aiuti come un guanto.

E siccome sei riuscito a mantenere basse le generazioni, cerchi ancora di banalizzare i nostri sentimenti quando diciamo che i figli e le figlie delle vecchie colonie devono lottare più di quelli di identità e origine europea e nordamericana (leggi governi). Non c'è una differenza così grande come nella generazione dei nostri nonni, o nella generazione dei nostri genitori, ma è comunque una differenza troppo grande perché possiamo smettere di parlarne. E sembra necessario che chiamiamo ancora "razzismo" questa differenza e mancanza di rispetto.

La differenza e la mancanza di rispetto possono verificarsi in molte varietà. Non sempre, ma in molti luoghi e molto spesso, i discendenti di ex cosiddetti coloniali sono osteggiati e diffidati. Onorevoli padri di famiglia, madri accoglienti, zie gentili, zii divertenti, sorelle simpatiche e fratelli buoni: sono stati vessati e manipolati dalle autorità pubbliche e dai privati. È un'umiliazione per tutti noi ogni volta che succede.

Ora molti di loro sono diventati quelli che io chiamo razzisti. Non riescono a vedere i bianchi come individui. Proprio come una massa grigia. Criticano la massa grigia per averci resi eternamente sottomessi senza amore. La "democrazia della spazzatura bianca" è un inferno di carta che tu chiami socialdemocrazia. Una socialdemocrazia che deve comportare la certezza del diritto. Ma come io e molti dei miei fratelli e sorelle sappiamo non si applica a noi.

Oppressione non scritta.
Dimmi quando un uomo di colore ha ottenuto un risarcimento da un uomo bianco che ha lanciato di proposito merda e maleducazione e ha usato la forza burocratica o fisica? Il fatto che non accada quasi mai sulla carta non significa che non accada nella realtà. Perché documenti solo ciò che ti interessa documentare. Questo è ciò che ha portato molti dei miei fratelli a diventare aggressivi con comportamenti completamente insensati.

Non si sentono sicuri che alcuna autorità li protegga se subiscono un'ingiustizia lieve, moderata o grave. Sperimentano una sorta di oppressione non scritta in cui non puoi ottenere la scuola o un lavoro perché stai aspettando la cittadinanza, che non ottieni la cittadinanza perché stai aspettando un passaporto, che non ottieni un passaporto perché non hai la carta, che non hai la carta perché potresti non essere nato in uno stato riconosciuto, essere dovuto fuggire o che la vita è stata abbastanza pericolosa da farti capire che devi trasferirti.

Se non hai la possibilità di ottenere un reddito ragionevolmente sicuro per mettere su famiglia, allora non c'è da stupirsi se cerchi sicurezza altrove. Quindi "vero originale" ha meno importanza. E se non ci fosse motivo più grande di quello, come i discendenti dei padroni coloniali, vogliono cercare la felicità nel mondo? Non abbiamo noi quanto te il diritto di cercare la felicità?

Quando i bianchi viaggiano per il mondo, amano essere serviti. Sono considerati brava gente in cerca di libertà, a cui piace bere il tè in giro per il quartiere. Mentre quando viaggiamo siamo visti come parassiti e criminali e raramente siamo invitati a una sola festa, a meno che tu non abbia bisogno di qualcuno che pulisca i tuoi pavimenti o cucini il tuo cibo. Anche quando sediamo in pace e mangiamo il nostro cibo, corriamo il rischio di cagare.

Ora forse tu pensi, Schjenken, che non dovrei criticare queste cose, poiché lo stato di diritto in Somalia non è migliore. Sono completamente d'accordo sul fatto che, anche se le circostanze sono quelle che sono, anche i discendenti coloniali devono sforzarsi di riuscire a lavorare insieme per un sistema vitale. Tuttavia, spero che tu capisca che c'è una piccola differenza tra costruire un buon sistema, con buone scuole e università, quando la popolazione non può nutrirsi da sola o quando recentemente c'è stata una guerra. Rispetto alla Norvegia, che ha una propria costituzione da 194 anni, la pace da oltre 100 anni!

La Norvegia ha denaro più che sufficiente per nutrire la propria nazione. Tuttavia, hai creato un sistema che rende difficile prenderti cura dei tuoi cari e scegli di mettere i tuoi anziani in un mucchio di rottami che chiami case di riposo.

Stanchi del razzismo? La nostra visione della connessione è che attraverso la produzione, la distribuzione, il riciclaggio di denaro e la capitalizzazione delle armi, ti assicuri di avere il controllo su ciò che viene prodotto, distribuito, reso più efficiente, ma non verbalizzato. Crei linee guida e guadagni da crisi e guerre che ancora organizzi e finanzi in Asia e in Africa. Impiegatevi nella NATO, ONU, UE e SEE – milioni di burocrati e corrispondenti per mantenere questo sistema.

Nascondersi con gli aiuti, le organizzazioni umanitarie, la Croce Rossa e altro ancora. Non che questo non sia buono in sé, ma copre ciò che deve venire alla luce. E così mantieni la convinzione che l'uomo bianco sia più gentile e di buon cuore di noi africani. Sì, capita che in un dipartimento o nell'altro impieghi qualche discendente coloniale occasionale in questo tuo enorme apparato. Ma nella maggior parte delle posizioni, e almeno in quelle importanti, ti assumi.

E ora tu e i tuoi amici siete stanchi di noi che parliamo di razzismo e colonializzazione? Non ho problemi a immaginare che tu abbia giocato fino in Afghanistan e in Libano.

Ho molti fratelli e sorelle bianchi. Voglio dire, posso vedere i bianchi come individui. E non ho niente contro i bianchi. Ma non mi piaci tu che sei grigia. Tu che cerchi di tenerci sotto controllo e che approfitti ciecamente del sistema che stai cercando di proteggere con pelle e capelli. Tu che diffidi sempre di noi e proteggi solo l'un l'altro, ma mai noi, indipendentemente dall'ingiustizia sottostante.

Questa è una strategia che non ci avvantaggia. Questo contrasta o assicura in vari modi che coloro che commettono illeciti contro di noi non siano puniti allo stesso modo di quando i miei fratelli commettono illeciti contro di voi. I miei fratelli e sorelle bianchi vedono da soli come questo sistema controlla le persone come me nell'ultima fila. Vedono chiaramente come il sistema trattiene i figli e le figlie dell'Africa e dell'Asia e, in larga misura, del Sud America (in parte a seconda del colore della pelle), come cittadini di seconda e terza classe sia nel proprio paese che in quello di qualcun altro.

Fino a 18 anni ero senza documenti, nessuno mi proteggeva da niente. Diverse volte potevo essere prelevato dalla strada alla stazione di polizia, senza che fosse altro che un controllo di routine. I norvegesi etnici mi hanno calunniato e quando è arrivata la polizia, sono stato io ad essere ammanettato e gettato in una cella. Spesso potevo essere preso in disparte alla dogana per aspettare due o tre ore prima che mi fosse permesso di continuare.

Il mio passaporto somalo non valeva niente da nessuna parte. Capisci quanto tempo ho impiegato, e quanto ho dovuto rinunciare, per ottenere un passaporto norvegese? Quando avevo 29 anni, finalmente è arrivato.

Chi è la vittima? Per la prima volta sperimenti cosa vuol dire essere calpestato dalle autorità pubbliche e molestato dai media. In misura maggiore o minore, l'ho sperimentato molte volte, senza aver fatto nulla di male. E a nessuno dovrebbe importare se mi sono ucciso a causa di questo trattamento. Penso che riusciremo ad alzare una bandiera il giorno in cui qualcuno dell'ospedale di Ullevål sarebbe dovuto uscire e difendermi pubblicamente, cosa che non è accaduta fino ad oggi.

Al contrario, ora sei ritratto come se fossi la vittima, supportato da psicologi e medici da lì, nonostante tu sia quello che butta merda e mi abbandona quando sono più debole.

Le persone come te non devono riflettere sul fatto che ci deve essere una connessione quando i neri vengono sempre incolpati se si verifica uno scontro tra una persona nera e una bianca? E che se si scopre che la colpa è stata dell'uomo di colore, sarà multato, sospeso e/o imprigionato? Nei casi in cui si scopre che la colpa era della persona bianca, gli è permesso di andare libero o, nel peggiore dei casi, gli viene dato un avvertimento?

Pensavo che uno stato di diritto significasse che fintanto che ti sei comportato bene, dovresti ottenere lo stesso tipo di rispetto e considerazione dallo stato, e che i furfanti bianchi fossero trattati come i furfanti neri? Ma avete tutti uno zio, un amico, genitori e fratelli che lavorano o conoscono qualcuno nel sistema, oppure lavorate voi stessi nel sistema.

Perché altrimenti come potresti cavartela rifiutandoti di portarmi in ambulanza quando sto morendo per l'amore della mia vita e per mia figlia appena nata? Non ti preoccupi di ascoltare né le infermiere né Kohinoor. Inoltre, stai schioccando il labbro perché pensi che abbia cercato di farti incazzare senza averti mai visto prima?

Come diavolo hai fatto a superare l'esame? Nemmeno dopo che sono stato operato per un'emorragia cerebrale pericolosa per la vita, ti pentiresti di non avermi preso. Sai quanti fratelli ho, che sono stati in prigione per molti meno misfatti di quello che hai fatto a me?

Considerando che ogni volta che sei quasi catturato, sei pazzo al momento del crimine, sei stato esposto a molto stress o ti è stato dichiarato di avere diagnosi con cui te la caverai volontariamente. Hai avuto un disturbo da stress post-traumatico? Lo so, Insh Allah, non cosa significa, ma carissimo: mi dispiace per questo!

La mia soluzione. Il tuo psichiatra non può aiutarti a trovare un nuovo lavoro o almeno l'assistenza sociale? Se il governo ci paga, posso portare una squadra con me e insegnare a te e ai capi grigi e torbidi le usanze e le abilità sociali. Competenza sociale che deve essere acquisita se si vuole cavarsela da soli senza la protezione di questo sistema.

Insegnarti che la vera umanità riguarda tutto tranne l'egocentrismo, l'avidità, le soap opera e le lacrime di coccodrillo. Ti do una possibilità fraterna di mostrare "una certa mentalità da strada" e non solo "brutalità boi viziata". E con questo ti dirò:

Invece di lamentarti di essere chiamato razzista, ammetti a te stesso e a tutti gli altri che non solo hai commesso un errore, ma sii abbastanza uomo da capire che ti sei comportato molto male quel giorno. Che hai commesso diversi errori fatali, che avrebbero potuto costarmi la vita. Che quanto si può ascoltare sul registro audio (vedi www.tv2.no) è del tutto inaccettabile. Inoltre, devi offrire delle scuse sincere. Questo giorno deve essere un punto di svolta nei tuoi atteggiamenti.

Se vuoi che dimentichiamo il più rapidamente possibile, allora dobbiamo avere la certezza che questo non potrà MAI accadere ai nostri figli e che i responsabili se la caveranno con una dura pressione mediatica e un avvertimento. E possiamo esserne sicuri solo se dimostri di capirlo! Se capisci questo, lo capiranno anche gli altri. Solo allora questo evento può portare a qualcosa di buono. Non solo per noi, ma anche per le mie sorelle, fratelli e figli.

Comprendiamo che ci vogliono forza e intuizione sociale per mostrare umiltà e scuse sincere. Ma non importa quanto i tuoi dottori ti dicano, Erik Schjenken, non può essere la nostra famiglia a chiederti scusa o essere accusata di essere intransigente senza che tu abbia capito.

Siamo abituati a essere incolpati, ma da qualche parte la linea deve essere oltrepassata!

Potrebbe piacerti anche