Cattura ILLEGAL: La mafia cinese si occupa delle vesciche natatorie dei pesci, i pescatori messicani sono costretti ad attività criminali e la polizia è terrorizzata.

Filosofo. Critico letterario permanente in TEMPI MODERNI. Translator.
E-mail: andersdunker.contact@gmail.com
Pubblicato: 2020-01-30
Sea of ​​Shadows

Richard Ladkani (STATI UNITI D'AMERICA)

In un'anteprima di Sea of ​​Shadows alla Soho House di West Hollywood, incontriamo l'equipaggio della nave "Sea Shepherd" insieme ad altri personaggi del documentario, tra cui gli investigatori Andrea Crosta e l'ex ufficiale della CIA e dell'FBI Mark Davis. Combattono tutti contro l'intrappolamento illegale. L'organizzazione di Crosta e Davis, Earth League International (precedentemente Elephant Action League), ha precedentemente collaborato con il regista Richard Ladkani nel film candidato all'Oscar Il gioco d'Avorio (2016).

Reti criminali

L'obiettivo di Crosta è quello di cacciare e rompere le reti criminali internazionali che praticano il traffico illecito, la quarta forma più grande di traffico illegale oggi. "Da un lato ci siamo concentrati su cecchini e cacciatori illegali e gli acquirenti dall'altro lato", afferma nell'introduzione. "Le persone dietro queste reti illegali non si preoccupano di nessuna delle parti: non si preoccupano di confische, arresti o campagne di sensibilizzazione inefficaci. La loro attività procede senza intoppi e nessuno sta cercando di ottenerli. "

La prima scena in Sea of ​​Shadows si svolge di notte, in mare, in una caccia selvaggia in barca in cui bracconieri armati, pronti ad attaccare, cercano di scrollarsi di dosso gli ambientalisti. Più tardi, vediamo i pescatori che sparano ai droni degli attivisti e perdiamo l'immagine - e, come loro, vengono lasciati nel buio della notte e uno schermo nero.

Il pesce è "cocaina del mare"

Il Mare di Corte, che gli attivisti stanno cercando di proteggere, si trova sulla costa del Pacifico messicana. Il regista e documentarista subacqueo francese, Jacques Cousteau, ha definito l'area oceanica "l'acquario del mondo". Come altre preziose aree del pianeta, questa area oceanica - con i suoi delfini, squali balena e centinaia di specie di pesci - è sull'orlo della distruzione e può affrontare un collasso biologico in pochi anni. Il problema principale non è la pesca eccessiva, ma l'attività delle reti criminali globali.

Le vesciche natatorie dei pesci totoaba sono vendute per somme astronomiche in Cina

Sponsorizzati da intermediari con collegamenti all'estero, i pescatori locali acquistano reti a maglia larga che si adattano perfettamente alla cattura di pesci totoaba, la "cocaina del mare". ...

Abbonamento NOK 195 / trimestre


Caro lettore. Hai già letto i 4 articoli gratuiti del mese. Che ne dici di supportare i TEMPI MODERNI disegnando una corsa online Abbonamento per libero accesso a tutti gli articoli?


Lascia un commento

(Usiamo Akismet per ridurre lo spam.)