Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Le democrazie successive dei signori della guerra

Signori della guerra democratici in Africa
Forfatter: Anders Themnér (red.)
Forlag: Zed Books (UK)
In che modo i leader ribelli africani hanno successo politicamente dopo che i conflitti si sono placati? Dieci ricercatori africani hanno esaminato la questione.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Nel novembre 1999 ero seduto a casa di Foday Sankoh, il leader del Fronte Unito Rivoluzionario (RUF) in Sierra Leone. Sankoh si sedette in soggiorno e pianse per i bambini a cui i suoi soldati ribelli avevano tagliato le mani con i machete. "Maniche corte o maniche lunghe?" era la domanda. Se hai risposto "lungo", ti è appena stata tagliata la mano; hai risposto "breve", hanno tagliato più a lungo.

Lo ricordo come se fosse ieri. Io, che allora lavoravo per Church's Aid, insieme ad un antropologo britannico e ad uno specialista sudafricano in pace e riconciliazione, avrei dovuto parlare con diverse fazioni della guerra civile in Sierra Leone, mentre era ancora in vigore l'accordo di pace di luglio. Con noi abbiamo ricevuto promesse di milioni di dollari in aiuti ad attori che pensavamo avrebbero contribuito a una pace duratura nel paese. La tregua fu rotta e la guerra civile ricominciò poche settimane dopo che avevamo lasciato Freetown.

Manca la critica. Foday Sankoh era il più noto di tutti i leader ribelli del paese. Ora sedeva qui e piangeva; non voleva che i suoi uomini mutilassero bambini innocenti, disse. Ora c'è stato un cessate il fuoco e la comunità internazionale sperava, insieme alla popolazione civile della Sierra Leone, nella pace. Sankoh ci ha chiesto se avessimo un suggerimento per il nome del partito politico che avrebbe fondato. Non l'avevamo, ma gli abbiamo fortemente consigliato di scegliere qualcosa che non potesse essere associato al RUF. Ciononostante le elezioni sono cadute sul "partito RUF". Nel 2006, quando il film Diamante di sangue - con Leonardo DiCaprio nel ruolo principale di un subdolo contrabbandiere di diamanti in Sierra Leone – è stato un grande successo, il mondo ha conosciuto meglio il RUF e il loro utilizzo di bambini soldato e bambini lavoratori nelle miniere di diamanti del paese.

Il capitolo sulla Sierra Leone, scritto da M.S. Kovacs e I. Bangura, tratta esattamente di questo. Tra le altre cose, gli autori hanno intervistato Eldred Collins, il portavoce del RUF durante la guerra civile del 1991-2002, sia nel 2012 che nel 2013. È ovviamente emozionante far parlare persone così importanti, ma allo stesso tempo triste che il gli autori danno per scontate le affermazioni di Collins; qui mancano riflessioni critiche sulla fonte sia sulla selezione che sulla post-razionalizzazione delle azioni commesse 10-20 anni fa. Ma neanche il capitolo sulla Sierra Leone è tra i migliori del libro.

La democrazia non deve essere compromessa per creare stabilità in una situazione postbellica in Africa: la stabilità è spesso di breve durata.

Conflitto di etnia. Questo è invece il capitolo sul Sud Sudan, scritto da J. Borsché e K. Høglund. Qui gli autori utilizzano esplicitamente lo strumento di analisi che l'editore Themnér utilizza molto bene nell'introduzione di 40 pagine del libro. L'editore ha posto agli autori tre domande principali – seguite da una serie di sotto-domande – che guideranno l'analisi degli ex signori della guerra in tempo di pace: quale strategia elettorale hanno utilizzato per ottenere voti? Hanno contribuito i signori della guerra consolidare il processo di pace nei rispettivi paesi? E quale è stato l'atteggiamento della comunità internazionale e dei governi dei vari paesi nei confronti dell'utilizzo degli ex signori della guerra negli sforzi di riconciliazione?

Nel loro contributo, Brosché e Høglund analizzano le strategie di Riek Machar, leader ribelle e poi vicepresidente del Sud Sudan nel periodo 2005-luglio 2013, quando il presidente Salva Kiir depose l’intero governo. Descrivono come Machar ha cercato di conquistare sempre più potere e perché ciò ha portato alla guerra civile nel dicembre 2013. Marchar ha affermato che il presidente Kiir non aveva introdotto alcuna democrazia, ma una dinkacrazia [i Dinka sono un popolo del Sudan meridionale, ndr] nel Paese che allora aveva solo 2,5 anni e mezzo.

Lo stesso Marchar ha deliberatamente e attivamente giocato sulle differenze etniche derivanti dalla lunga guerra civile prima della divisione del Sudan, per sconfiggere Kiir. Ma oltre ad adottare la retorica della guerra civile, l’ex leader ribelle ha sfruttato gran parte della sua capacità militare. Nei paesi segnati da conflitti per un lungo periodo di tempo, quest’ultimo è qualcosa che conferisce potere e prestigio in tempo di pace; non sei mai del tutto sicuro di quanto durerà la pace.

Guerra e Pace. L'antologia di Anders Themnér contiene affascinanti analisi del passato signori della guerra che spesso hanno trasformato i loro gruppi ribelli in partiti politici e che, in misura maggiore o minore, sono diventati democratici, con o senza posizioni di potere. Oltre ai due già citati, conosciamo nel dettaglio Mbusa Nyamwisi nella Repubblica Democratica del Congo, Paul Kagame in Ruanda, Prince Johnson in Liberia, Alfonso Dhalakama in Mozambico e João Bernardo Vieira in Guinea-Bissau.

"Maniche corte o maniche lunghe?" era la domanda. Se hai risposto "lungo" ti hanno semplicemente tagliato la mano, se hai risposto "breve" ti hanno tagliato più in alto.

Non tutti i signori della guerra riescono a trasformare il loro apparato militare in un attore politico dopo la firma degli accordi di pace e l’avvento della democratizzazione. Foday Sankoh ed Eldred Collins della Sierra Leone, per esempio; Sankoh morì di emorragia cerebrale nel 2003, prima di essere processato per crimini di guerra, tortura e omicidio, mentre Collins non ottenne mai più del due per cento dei voti nelle elezioni a cui si candidò.

Riek Machar, invece, è riuscito a lasciare la sua posizione di potente benefattore – un cosiddetto grande uomo – diventare vicepresidente del Sud Sudan. Ma non si può dire esattamente che Machar sia diventato un pacificatore; dopo essere stato sostituito come vicepresidente, il conflitto nel paese si è intensificato e negli anni 10-000 sono state uccise più di 2014 persone.

Paul Kagame, che passò dalla guida del movimento ribelle al Fronte Patriottico Ruandese, ebbe più successo (RPF) diventerà presidente eletto del Ruanda per la terza volta nel 2017, con il 98,8% dei voti. E ancora la pace è preservata in Ruanda.

Suggerimenti. L'accurata introduzione del curatore Themnér costituisce poco meno di un quarto del libro e contiene, oltre alla presentazione del quadro analitico, una conclusione chiara e sintetizzante. Verso la fine offre consigli alle persone che lavorano nei processi di pace e riconciliazione in Africa: sulla base delle lezioni apprese dai sette esempi di paesi del libro, raccomanda vivamente di non compromettere la democrazia per creare stabilità in una situazione postbellica – la stabilità tende ad essere di durata molto breve. Questo è qualcosa che tutti i mediatori di pace in Africa dovrebbero notare.

 

Ketil Fred Hansen
Ketil Fred Hansen
Hansen è professore di studi sociali alla UiS e revisore regolare di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche