Ordina qui l'edizione estiva

Richiede il lavaggio

- Il Ministero degli Affari Esteri deve entrare in possesso dei documenti, chiede Kåre Willoch.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[canale oslo] L'ex primo ministro Kåre Willoch trova sorprendente che non ci siano documenti negli archivi del ministero degli Esteri dai negoziati segreti tra Israele e l'OLP nel 1993.

- Va da sé che il Ministero degli Affari Esteri si è messo in moto per colmare le lacune dell'archivio. Presumo che vengano presi contatti con le persone coinvolte per ottenere i documenti, dice Willoch.

Non ha alcun senso dei suggerimenti di Terje Rød-Larsen e Mona Juul nel Ny Tid della scorsa settimana secondo cui la coppia si siede solo su documenti privati.

- Dovresti parlare seriamente con loro per dire loro cosa è privato e cosa non lo è. Ci sono molti miti sul processo di Oslo. È quindi importante ottenere la massima chiarezza sul motivo per cui è andato così male, afferma l'ex leader del Partito conservatore.

Due degli attori del canale di Oslo, Jan Egeland e Thorvald Stoltenberg, sono sorpresi dalle scoperte di Ny Tid nel caso.

- Mi è incomprensibile che nell'archivio del Ministero degli Affari Esteri non ci sia più, soprattutto dall'ultima fase in poi

Il canale di Oslo dove si sono svolti lo scambio reciproco di lettere di riconoscimento e la diplomazia molto pubblica di Johan Jørgen Holst. Chi ha archiviato cosa e dove non lo so. Non ero coinvolto in questo, dice Egeland.

- Ho iniziato il mio lavoro per l'ONU nei Balcani il 1 maggio 1993. Allo stesso tempo ho interrotto i miei contatti con il processo di Oslo. Non ho quindi idea di come archiviare i documenti del processo di Oslo. Ma mi stupisco che non ci sia nulla nell'archivio del ministero degli Affari esteri, dice Stoltenberg.

LEGGI DI PIÙ SU QUESTO NELL'EDIZIONE CARTACEA DI MODERN TIMES N. 5 – 2006. Può essere acquistato nella maggior parte dei chioschi, negozi di alimentari e distributori di benzina.

Potrebbe piacerti anche