Ordina qui l'edizione estiva

Chiede un punto fermo agli aerei della CIA

Amnesty International e politici norvegesi chiedono alle autorità norvegesi di chiarire che la Norvegia non accetta trasporti segreti di prigionieri.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

- La mia reazione immediata è che non dovremmo aprire lo spazio aereo norvegese per tali trasporti di prigionieri, afferma il rappresentante di Storting Trine Skei Grande.

Il vice leader del Partito Liberale pensa che non sia così strano che le autorità norvegesi non sappiano che questo tipo di trasporto avviene nello spazio aereo norvegese, poiché la CIA utilizza compagnie aeree private. In ogni caso, ritiene che sia necessaria una reazione agli americani:

- Se ciò che Ny Tid propone è corretto, il governo deve lasciare un segno nei confronti degli Stati Uniti, il che è naturale in un caso del genere, afferma Skei Grande.

Hallgeir Langeland di SV afferma di non accettare che lo spazio aereo e gli aeroporti norvegesi siano utilizzati da aerei in cattività che agiscono con il pretesto di essere normali aerei civili.

- Dobbiamo avere piena visibilità sul carico o sui passeggeri di tutti gli aerei che atterreranno in Norvegia o utilizzeranno lo spazio aereo norvegese, afferma Langeland.

Esige apertura e rispetto delle normative che esistono a livello internazionale.

- La segretezza e la violazione della Convenzione di Chicago non possono essere accettate. Gli Stati Uniti tengono prigionieri senza processo nella base di Guantanamo da diversi anni. C'è anche motivo di sospettare che gli Stati Uniti trasferiscano prigionieri in tutto il mondo. Tali schemi non possono essere accettati dalla Norvegia e gli Stati Uniti devono rispettarci e astenersi dall'utilizzare il territorio norvegese per infrangere le convenzioni e le regole internazionali, afferma Langeland.

Dice che questa è una questione che sarà ovviamente affrontata nelle discussioni nel nuovo governo. Langeland afferma che esamineranno ciò che la Norvegia può fare agli Stati Uniti e la loro violazione delle convenzioni, delle leggi e dei regolamenti internazionali.

- In SV, ci occupiamo dell'uguaglianza davanti alla legge, e questo vale per tutti, compresi gli Stati Uniti.

Dai agli Stati Uniti un messaggio chiaro

Morten Høglund del Partito del progresso, membro della commissione per gli affari esteri nella precedente legislatura e rieletto per quattro nuovi anni, reagisce principalmente al fatto che le autorità norvegesi non sono a conoscenza del trasporto.

- È preoccupante se le autorità non sanno che è in corso un trasporto di prigionieri nello spazio aereo norvegese, allora deve essere chiarito. Dovrebbe essere una politica consapevole consentire agli americani di utilizzare il nostro spazio aereo per il trasporto di prigionieri, afferma Høglund.

Finn Martin Vallersnes di Høyre, anch'egli da tempo in Commissione Affari Esteri e rieletto allo Storting, è molto reticente sui commenti immediati alla rivelazione di Ny Tid.

- Vedremo che tipo di documentazione tira fuori Ny Tid. Poi dobbiamo decidere se vogliamo chiedere una spiegazione, dice Vallersnes.

Violazione del diritto internazionale

Amnesty International è da tempo preoccupata per i prigionieri di Guantanamo e per le violazioni che gli Stati Uniti hanno commesso contro la Convenzione di Ginevra non riconoscendo i prigionieri come prigionieri di guerra. Il capo di Amney International in Norvegia, Petter Eide, ritiene che le autorità norvegesi dovrebbero sfruttare ogni occasione per dire agli americani che non accettano ciò che sta accadendo a Guantanamo. Amnesty si è generalmente occupata degli aerei segreti della CIA, ma Petter Eide afferma che non era loro noto che questi aerei si trovassero nello spazio aereo norvegese.

- Le autorità norvegesi dovrebbero rifiutare a questi aerei di atterrare o utilizzare lo spazio aereo norvegese se gli aerei hanno prigionieri che non sono trattati secondo la Convenzione di Ginevra. Il governo dovrebbe sfruttare ogni occasione per far sapere agli Stati Uniti che la Norvegia non accetta o approva il trattamento dei prigionieri che ricevono in particolare i prigionieri di Guantanamo. Le informazioni su questi aerei sono una buona opportunità per fare proprio questo, afferma Petter Eide.

Sottolinea che il ministro degli Esteri Jan Petersen ha detto che quanto sta accadendo a Guantanamo non può essere accettato, proprio perché questi prigionieri non sono coperti dalla Convenzione di Ginevra.

- Riteniamo che ciò che sta accadendo a questi prigionieri sia una violazione del diritto internazionale, e questo di per sé è un motivo per sollevare la questione con gli americani. E possiamo evidenziarlo dicendo agli americani che non sono autorizzati a utilizzare lo spazio aereo norvegese o gli aeroporti norvegesi per questi trasporti.

Potrebbe piacerti anche