Ordina qui l'edizione estiva

"Crocifisso per la sua razza"

Reno, Nevada, 14 luglio 1910: Jim "Iron Man" Jaffries si era ritirato imbattuto. Ora ha fatto una rimonta contro il primo campione nero dei pesi massimi, Jack Johnson.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[cronaca] Nel suo articolo molto interessante "Io sono il più grande" su Ny Tid quest'inverno, Kjetil Mygland descrive gli sforzi del leggendario pugile americano dei pesi massimi Muhammad Ali, sia nella lotta di liberazione dei neri degli anni '1960 che nel movimento contro la guerra nel STATI UNITI D'AMERICA. Si è opposto alle molestie delle autorità, all'esclusione dalla boxe e così via. Fino a quando non è salito di nuovo sul ring, ha riconquistato il titolo e ha celebrato i più grandi trionfi. E nel 1996 a tutti gli Stati Uniti è stato dato il grande onore di accendere la fiamma olimpica ad Atlanta. Mygland menziona anche che Ali è considerato il "più grande pugile da combattimento che abbia mai visto".

Posare le fondamenta. Nel leggere questo entusiastico omaggio a un grande pugile, mi mancano due nomi: Jack Johnson e Joe Louis. Entrambi compagni di gara, campioni del mondo e connazionali di Ali. Ma soprattutto: precursori significativi. I loro sforzi avevano in molti modi contribuito a creare un clima in cui un uomo come Ali potesse essere pienamente apprezzato.

Nel 1878, Jack Johnson (1946-1908) vinse il titolo dal canadese, campione del mondo bianco Tommy Burns, per KO tecnico nel 14° round a Sydney, in Australia. Johnson ha quindi lottato a lungo per ottenere una partita di Coppa del Mondo. L'ex campione James J. Jeffries ha rifiutato di salire sul ring con un uomo di colore. Johnson ha dovuto viaggiare per il mondo per incontrare il suo successore Tommy Burns.

Mentre i giornali colorati negli Stati Uniti hanno accolto Johnson con grande entusiasmo, la notizia è stata accolta con rabbia e grande ansia tra i bianchi. Solo gli uomini bianchi, secondo l'opinione dell'epoca, dovevano governare la corona dei pesi massimi. Nelle classi più leggere, i maestri di colore potevano essere accettati più facilmente.

"La grande speranza bianca". Jack London ha arbitrato la partita per il New York Herald. Ha affermato che Johnson aveva giocato con Burns come se fosse "un bambino cattivo". Non solo: come Ali in seguito, Johnson ha schernito il suo avversario con osservazioni crude e sarcastiche durante l'incontro.

Uno dei giornali ha scritto che nessun evento negli ultimi 40 anni aveva dato tanta gioia tra la gente di colore come questo trionfo nero. L'ex campione, "Iron Man" Jim Jaffries (che in precedenza si era ritirato imbattuto), era ora diventato la "grande speranza bianca". Ha dichiarato che si sarebbe preso cura dei nuovi arrivati ​​al trono dei pesi massimi con facilità.

Si incontrarono il 14 luglio 1910 nella città del gioco d'azzardo di Reno, in Nevada. Qui, Jeffries ha dovuto mordere l'erba nel 15° round, mentre gli spettatori bianchi piangevano. Scoppiarono grandi rivolte razziali. Si stima che siano morte 26 persone, quasi tutte di colore. Nessun evento dall'emancipazione degli schiavi 45 anni prima aveva portato a tali calamità.

Johnson era una persona incredibilmente colorata, che fin dall'inizio ha rifiutato di piegarsi alle norme razziste della società. Nel suo libro Unforgivable Blackness... (2004), GC Ward fornisce un ritratto vivido e profondamente arato del primo campione nero dei pesi massimi, che, grazie alle sue numerose vittorie convincenti e al suo comportamento fuori dal ring, divenne un eroe per un grande numero dei suoi compagni di razza.

La pubblicità e i soldi. Alla maggior parte dei bianchi, il comportamento di Johnson sembrava troppo impegnativo. Non ultima la sua associazione – e matrimonio – con donne bianche. Anche altri maestri avevano coltivato donne di razze diverse senza che ciò fosse usato contro di loro. Johnson è stato molestato dalle autorità e tra l'altro ha dovuto scontare un anno di prigione. Si diceva che fosse semplicemente "crocifisso per la sua razza".

Come campione del mondo, Johnson ha raggiunto una fama che nessun'altra persona di colore aveva raggiunto. L'autrice Joyce Carol Oates scrive che Johnson, a differenza di Ali, non era particolarmente interessato alla boxe. Erano la pubblicità e il denaro che contavano. Tuttavia, era, come Ali in seguito, un eminente pugile difensivo, un rappresentante del "boxe scientifico".

Johnson aveva dimostrato che non era più possibile escludere le persone di colore dall'arena sociale rappresentata dallo sport. Molti lo considereranno anche uno dei tre più grandi, forse il più grande, dei pugili del mondo, insieme ad Ali e Joe Louis.

L'esperto di boxe Nat Fleischer, editore di lunga data della rinomata rivista The Ring, ha sostenuto fino alla sua morte nel 1972 che Johnson avrebbe sconfitto ogni campione dei pesi massimi nel corso degli anni.

Lo stesso Joe "The Brown Bomber" Louis credeva che avrebbe chiaramente dominato Ali: "Non sa nulla di combattere 'alle corde'", ha detto. "Sarebbe decisivo in una partita tra di noi". Sebbene negli anni '1930 Louis non fosse mai stato così fortemente coinvolto come Ali in azioni antirazziste, i suoi sforzi ebbero un grande significato per il rispetto di sé e l'orgoglio delle persone di colore. Nel mio articolo su Ny Tid n. 51, 2006, "Schmeling vs. Joe Louis", sottolineo che sia per i neri che per i bianchi Louis era diventato un simbolo importante della lotta delle forze democratiche contro le nazioni autoritarie e razziste in Europa (Germania nazista, Italia e altre). Se si fosse comportato come Ali negli anni '1930, forse non avrebbe mai creato tanta eccitazione e gioia tra i suoi compagni di razza attraverso la boxe.

Si può aggiungere che Jack Johnson ha avuto 113 partite, 79 vittorie, dodici pareggi, otto sconfitte e 14 "nessuna decisione". Perse la "corona dei pesi massimi" nel 1915, quando fu messo fuori combattimento dall'enorme cowboy Jess Willard, che fu poi messo fuori combattimento da Jack Dempsey. Louis ha avuto 70 partite, 67 vittorie e tre sconfitte, mentre Ali ha avuto 61 partite, 56 vittorie e cinque sconfitte. ■

Potrebbe piacerti anche