Ordina qui l'edizione estiva

Commercio completo

Il 21 luglio apre la Komplett.no Arena a Sandefjord. La Norvegia è uno dei paesi più intelligenti quando si tratta di adattarsi alla commercializzazione del calcio.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[calcio] – Il calcio vende una parte della sua anima quando vendi il nome della tua arena di casa, afferma l'esperta di calcio di TV2 Anita Rapp a Ny Tid.

Con l'apertura di Komplett.no Arena, otteniamo la quinta arena del paese con un nome di sponsor, questa volta dietro c'è il negozio online Komplett.no. Ny Tid ha esaminato l'elenco dei nomi degli stadi europei e ha scoperto che solo i club di calcio tedeschi sono davanti alla Norvegia in termini di sviluppo commerciale. In Germania, 2/3 di tutti gli stadi della massima divisione portano nomi di sponsor. Nei paesi nordici, la Svezia ha un solo stadio con il nome di uno sponsor, la Finlandia ne ha tre e anche la Danimarca ne ha cinque. Nella nazione calcistica inglese ce ne sono tre, mentre paesi come Italia, Francia e Spagna non hanno arene con nomi di sponsor. Il direttore del Norwegian Top Football, Kjetil Siem conferma la tendenza.

- La Norvegia è molto più avanti in Europa su questo punto, dice l'uomo che sarà il nuovo allenatore di calcio in Sud Africa da agosto.

Da associazione a azienda

Pubblicitario e fondatore della Dinamo, Ingebrigt Steen Jensen è stato l'iniziatore dell'investimento d'élite nello Stabæk Fotball all'inizio degli anni '1990, quando la squadra era in quarta divisione. Crede che la panoramica di Ny Tid dica principalmente qualcosa sul rapido ed enorme investimento nello sviluppo delle arene in Norvegia.

- Nota che i club vendono il nome del nuovo stadio, non cambi il nome delle arene stabilite, dice Steen Jensen.

Nessun altro sport può eguagliare il calcio in termini di forza finanziaria e spesa.

- Il calcio è diventato da tempo un'industria commerciale, è ingenuo pensare che il miglior calcio di oggi possa farcela senza sponsor, afferma Kjetil Siem.

Mentre ai vecchi tempi si parlava di associazioni sportive, oggi si può parlare di aziende. Il popolare commentatore di calcio di NRK, Arne Scheie, descrive la tendenza come parte di uno sviluppo che ha avuto luogo negli ultimi anni.

- Il calcio oggi è diventato una corsa sfrenata al denaro, dice Scheie a Ny Tid.

Il fascino scompare

Il calcio norvegese è nell'aria come mai prima d'ora e l'interesse stabilisce costantemente nuovi record. TV2 e Telenor hanno acquistato i diritti televisivi del calcio norvegese per un periodo di quattro anni per un miliardo di NOK nell'estate del 2005. In confronto, gli stessi diritti valevano 135 milioni di NOK nel 1997 e 300 milioni di NOK nel 2001. Entrambe le volte NRK e Telenor TV2 ha collaborato all'acquisto.

Non sono solo le aziende dei media a voler partecipare al girotondo economico. Gli sponsor vogliono essere resi più visibili, ma non è solo il mondo degli affari la colpa dello sviluppo, se si deve credere a Steen Jensen.

- I club sono indubbiamente desiderosi di vendere spazi pubblicitari, afferma l'uomo dietro alcune delle campagne pubblicitarie più discusse e di successo in Norvegia.

- Quando lo sviluppo è andato come è stato, capisco i club. Il reddito deve provenire da qualche parte, dice Arne Scheie.

Man mano che crescono il patriottismo e l'interesse, cresce anche il numero di aziende che vogliono essere associate al calcio. Ma c'è una tendenza verso l'esterno per gli sponsor ad accontentarsi di spazi pubblicitari tradizionali e modesti su magliette e pantaloncini.

- Il calcio norvegese è stato completamente sponsorizzato per molto tempo, afferma Ingebrigt Steen Jensen.

"Sig. Stabæk", come ama farsi chiamare Steen Jensen, indica che le divise sponsorizzate, i programmi delle partite e le tribune sono abbastanza comuni nel calcio di oggi, oltre alla pubblicità attraverso gli altoparlanti dello stadio.

Anita Rapp di TV2, ex vincitrice olimpica e giocatrice professionista negli Stati Uniti, crede che parte del fascino del calcio scompaia quando subentrano gli sponsor.

- È abbastanza chiaro che si tratta di uno sviluppo sfortunato, afferma Rapp, che, oltre al suo lavoro in TV2, ha recentemente completato un master in scienze politiche presso l'Università di Oslo.

"E qui alla Komplett.no Arena di Sandefjord lo è

la posizione per la pausa...”

- È una forte tendenza nel marketing che gli sponsor cerchino di trovare nuovi luoghi di incontro con il pubblico, in questo senso la sponsorizzazione dello stadio è l'ideale, afferma Ingebrigt Steen Jensen, il quale sottolinea che questo è comune negli Stati Uniti da diversi anni .

Il più grande negozio online della regione nordica, Komplett.no, è l'ultima società che vuole essere strettamente associata al calcio norvegese. Sandefjord ottiene così la prima arena al mondo che prende il nome da un indirizzo Internet.

- Stai chiamando per saperne di più su questo orribile nome di stadio, sì, ride l'amministratore delegato Eric Sandtrø quando chiama Ny Tid.

Sandtrø è l'imprenditore dietro Sandefjordbedriften, che ha acquistato i diritti sul nome dello stadio per il nuovo stadio per dieci anni, per la bella somma di 15 milioni di NOK.

- Abbiamo una tradizione a Sandefjord per questo con nomi un po' strani per lo stadio, Sandtrø ridacchia ancora, e si riferisce all'ex campo di casa chiamato Storstadion, nonostante fosse tra i più piccoli del Tippeliga.

Quando nel 2005 apparve sulla scrivania di Sandtrø la richiesta di contribuire con fondi per un nuovo stadio, ci fu grande scetticismo.

- Il mio primo pensiero è stato un chiaro no, ma gradualmente pensiamo che l'idea di Komplett.no Arena fosse molto buona.

Alla domanda sul motivo per cui il negozio online ha scelto di acquistare il nome dello stadio, Sandtrø afferma che è stato sia per motivi patriottici locali che commerciali.

- Ovviamente lo facciamo con la speranza di raggiungere un gruppo di clienti più ampio a livello nazionale, afferma Sandtrø, che non sorprende che affermi che il gruppo target è principalmente costituito da clienti giovani, preferibilmente uomini più giovani.

Il fondatore, che ha guadagnato bene vendendo elettronica via Internet, è preparato ai commenti negativi dei nostalgici che non amano lo sviluppo.

- Ovviamente ci sono molti nomi alternativi che sarebbero anche fantastici, ammette onestamente Sandtrø.

Dice anche che si aspetta molti titoli divertenti dai redattori dei giornali del paese.

- Ma lo prenderemo con un sorriso e buon umore, assicura Sandtrø, che ha già notato alcuni post negativi sugli innumerevoli forum di dibattito del paese.

- Ma le persone nell'ambiente locale sono positive.

Il leader del club dei tifosi Blåhvalene, Finn Roger Graneng, conferma che non ci sono stati molti commenti negativi sul nome dello stadio.

- Sono rimasto un po' sorpreso la prima volta che l'ho sentito, ma alla fine ci siamo tutti abituati al nome, dice Graneng.

- È diventato vero che sono i fondi di sponsorizzazione e il denaro a governare il calcio, dice il tifoso manager, che vede il nome della nuova arena come parte di uno sviluppo naturale.

- In un mondo ideale, probabilmente avrei preferito lo stadio Sandefjord, ma quando lo sviluppo è così, sono contento che i tifosi locali si alzino, dice il leader dei 600 tifosi organizzati di Sandefjord.

- Abbiamo scelto il nome esclusivamente sulla base di interessi commerciali, afferma il direttore generale di Sandefjord Fotball, Øystein Ulsnæs.

Sottolinea che sarebbe stato impossibile per il club finanziare uno stadio nuovo e moderno senza il supporto di attori del mondo degli affari.

Compagnia aerea o campo da calcio?

- Probabilmente ci sono più norvegesi che sanno che Emirates è la sede dell'Arsenal piuttosto che una compagnia aerea, dice un'impegnata Ingebrigt Steen Jensen, che crede che l'esempio illustri il potere di questo tipo di comunicazione.

L'Arsenal inglese e il Bayern Monaco tedesco sono i club più famosi d'Europa con stadi che portano nomi di sponsor. Mentre i tedeschi costruirono lo stadio per la finale dei Mondiali nel 2006 con il supporto del colosso bancario e assicurativo Allianz, nel 2004 il club londinese vendette il nome del suo nuovo stadio per 1 miliardi di corone norvegesi a Emirates Airlines. Lo stadio Emirates, con una capienza di 2 spettatori, è stato inaugurato nell'autunno del 60.000 e porterà il nome della compagnia aerea di Dubai fino al 2006. Poi il contratto scadrà e il nome potrà essere eventualmente rivenduto.

Il caporedattore della rivista dei soci del club dei tifosi norvegesi dell'Arsenal, Bård Heggset, afferma che il nome ha ricevuto un'accoglienza mista tra i tifosi.

- Alcune persone pensano che abbia venduto una parte della loro anima, dice Heggset, che ha ricevuto diverse reazioni critiche dai fan dell'Arsenal norvegese

Parla di tifosi che avrebbero preferito vedere la nuova struttura che prende il nome dall'area in cui si trova la pista, Ashburton Grove.

"Ehi ehi, sali, SCS bet-at-home.com!"

- Non è facile trovare una risposta su come evitare che lo sviluppo con la sponsorizzazione venga rallentato, afferma Anita Rapp di TV2.

Kjetil Siem ritiene che ci siano dei limiti a ciò che una squadra di calcio può vendere agli sponsor senza oltrepassare alcun confine.

- Il nome del club ne è un esempio.

L'Austria è spesso citata come un esempio horror nella sponsorizzazione del calcio. Non è insolito che la Bundesliga nel paese abbia T-Mobile come sponsor principale. Ma uno sguardo alla classifica del paese rivela una tendenza in cui i club negli ultimi anni hanno incorporato attivamente i nomi degli sponsor nel nome e nel logo del club. Con ciò, i club tradizionali Austria Salzburg e Austria Wien sono diventati rispettivamente Red Bull Salzburg e FK Austria Magna, quest'ultimo intitolato alla società di tecnologia automobilistica Magna. Il club Sturm Graz, che in precedenza ha partecipato alla Champions League, è oggi denominato Puntigamer Sturm Graz, dal nome di un produttore di birra.

Al club Altach è stato aggiunto oggi il nome della società di scommesse Cashpoint, mentre SV Ried si chiama ora SV Josko Fenster Ried, dopo che lo sponsor principale è un produttore di finestre. Per completare la confusione, l'FC Superfund, squadra della Bundesliga dell'anno scorso, ha terminato il suo accordo con l'omonima società finanziaria, e quindi sia il nome che il logo hanno dovuto essere sostituiti. L'FC Superfund si chiama quindi FK Austria Kärnten oggi, e quindi si va nella direzione opposta dello sviluppo, nominando la squadra in base alla regione in cui gioca. Il peggio, tuttavia, si trova nella divisione sottostante. Il club sportivo con il bellissimo nome Schwanenstadt si chiama oggi "SCS bet-at-home.com", dal nome di una società di scommesse su Internet.

Ingebrigt Steen Jensen afferma che i sostenitori si trovano in molte sponsorizzazioni. Non esclude che lo Stabæk possa vendere a uno sponsor il nome dell'arena in programma a Fornebu.

- Potrebbe essere rilevante, sì, conferma Steen Jensen, che crede che il limite per la sponsorizzazione nel calcio dipenda da due cose.

- Il confine va cambiando il nome del club, e cambiando i colori delle divise. Se Stabæk dovesse mai pensare di farlo, al contrario metterò fine al mio coinvolgimento nel club!, dice Steen Jensen con gravità.

Potrebbe piacerti anche