Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Adesione appiccicosa

"Iskyss" avrebbe potuto avvicinarci alla risposta al motivo per cui Gunvor Galtung Haavik è diventato una spia del KGB. Ciò che otteniamo sono stereotipi di genere e strumenti appiccicosi.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

È assolutamente impossibile guardare Iskyss senza che la femminista in te venga provocata. Il punto di partenza è uno dei più grandi scandali di spionaggio della storia norvegese, in cui una piccola donna bionda ha ingannato il Ministero degli Affari Esteri per quasi 30 anni. Gunvor Galtung Haavik – la cui storia è basata sul film – era una spia del KGB e forniva regolarmente informazioni riservate ai russi. Era anche attiva nel reclutamento di altre spie e riceveva doni dai suoi datori di lavoro russi sotto forma di qualsiasi cosa, dal denaro a costose esperienze culturali. Fu reclutata nel KGB nel 1950 e smascherata a Oslo 27 anni dopo. Allora era una signorina anziana che aveva incontrato il suo datore di lavoro del KGB più di 550 volte.

Relazioni segrete

La domanda è sempre stata: perché ha fatto questo?. La stessa Haavik morì prima di potersi spiegare, e solo quando il giornalista Alf R. Jacobsen iniziò a scavare nel caso negli anni Novanta emerse una spiegazione. La spia non sposata era innamorata. Durante la guerra ebbe una relazione con un giovane prigioniero di guerra russo, Vladimir Kozlov, relazione che riprese quando, dopo la guerra, divenne segretaria e interprete presso l'ambasciata norvegese a Mosca.

Quindi il punto di partenza per Knut Erik Jensen difficilmente avrebbe potuto essere migliore. Questo è un grande pezzo di vero dramma che poteva raccontare esattamente come lui stesso lo vedeva meglio. Allora è così incredibilmente triste che esci dal cinema e ti chiedi se Jensen sia diventato cieco? O forse un po' innamorata di lui? Entrambi con mezzi appiccicosi, stereotipi di genere, musica classica e sguardi desiderosi.

Intimità imbarazzante

Un presunto amore non è altro che un'affermazione. Due belle facce che lo affermano in russo non lo rendono più credibile. È quasi incredibile dover dire a un regista che è meglio mostrare che raccontare, perché la lettura di vecchie lettere d'amore piuttosto private, sì quasi imbarazzanti, non è una testimonianza commovente. E quando il film ha trascorso un'ora nel suo frammentario salto nel tempo e nello spazio, e finalmente riusciamo a vedere come questi due si sono davvero innamorati l'uno dell'altro, allora è carico di musica intensa mentre fanno l'amore con tanta attenzione.

Non intendo affermare di sapere meglio come o perché Gunvor, alias Vera, sia diventata una spia. Ma neanche questo film ci fornisce una buona spiegazione, solo una zuccherata storia d'amore troppo tipica per catturare davvero lo spettatore. Vera – alias Ellen Dorrit Petersen – è troppo carina. Vladimir Kozlov – alias Alexander Bukharov – ha gli occhi troppo tristi e, non ultimo, tanto amore e destino vengono raccontati meglio in film come Il dottor Zivago o in Lili Marleen di Reiner Fassbinder.

Quest'ultimo in particolare funziona bene come base di confronto. Perché Willie di Fassbinder è anche una bionda un po' ingenua che sta solo cercando di avviare la sua carriera di cantante mentre il mondo è in guerra intorno a lei. Ma a causa di una tempestosa cotta per un giovane ebreo, tradisce il suo popolo tedesco e aiuta a far uscire gli ebrei dalla Germania nazista. A differenza di Jensen, Fassbinder mostra le scene emozionanti che sono una parte naturale dell'essere una spia, ma la cosa migliore è che mostra anche Willie che si gode il lusso che la sua carriera di cantante le offre.

Immagine femminile arcaica

Perché nella sua ricerca di mezzi poetici e di distanza dalla cronologia o da altri punti di riferimento tipici del cinema, Jensen ha dimenticato di introdurci alla Vera umana. Ci presenta solo a un angelo. Un angelo femminile amorevole, che rimanda ancora una volta ad un'immagine femminile arcaica del romanticismo, e che quindi non ci cattura. Dov'è il flirt con gli agenti del KGB, dov'è la seduzione – e non parlo in senso fisico – degli altri agenti, dov'è il fascino per i doni ricevuti? Dov'è l'incertezza sul prossimo incarico, l'aggressività per la propria situazione? Perché solo i dolci ricordi? Perché solo la musica del soprano e correre nella neve dietro alla persona amata? È questo ciò che Jensen pensa sia l'unica cosa che Vera ricorda sul letto di morte? Non osa guardare altri aspetti della sua vita? Tutto ciò che guardiamo indietro in un momento simile diventa roseo e bello? E se ora la risposta a quest'ultima domanda dovesse essere "sì", allora purtroppo non sarà necessariamente interessante per tutti noi che più o meno volontariamente dobbiamo prendere parte a questi ricordi privati.

Potrebbe piacerti anche