Teatro della crudeltà

L'amore nell'era del fondamentalismo

Ultime notizie: anche le donne musulmane pensano al sesso.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[islam] Irshad Manji ha gridato al diritto delle donne musulmane di pensare da sole, sfidare il potere della religione ed essere lesbiche allo stesso tempo nel libro Cosa c'è che non va nell'Islam?. Ayaan Hirsi Ali ha gridato ancora più forte sul diritto delle donne musulmane all'uguaglianza e all'uguaglianza nel libro Reclama il tuo diritto!. Entrambi alla fine hanno ricevuto più minacce di morte rispetto ai cataloghi pubblicitari nella cassetta delle lettere, ma i libri hanno venduto milioni in tutto il mondo.

E all'improvviso le donne dell'Islam erano sulla bocca di tutti. Gli americani volevano salvarli. Gli europei volevano aiutarli. Noi norvegesi volevamo davvero integrarli e probabilmente siamo ancora lì. Il dibattito continua, a volte in avanti, a volte all’indietro, e molto spesso in tondo. L’impressione principale paradossale, vista in relazione al fatto che sia Manji che Hirsi Ali sono donne di origine musulmana, può forse essere riassunta come segue: le donne musulmane sono vittime mute in una società dominata da patriarchi incalliti e abiti modesti. In alternativa, gli esseri esotici ed erotici sono pieni di sessualità repressa.

Ma possiamo ancora fare affidamento sulla finzione per correggere un po’ il quadro. Tre romanzi scritti da tre donne musulmane provenienti da tre diverse parti del mondo sono consigliati a chi soffre della sindrome acuta della semplificazione: Mandelen dell'algerino Nedjma, Le ragazze di Riad dell'Arabia Saudita Rajaa al Sanie e La mia testa sembra grande in questo? dell'australiana Randa Abdel-Fattah.

Dallo stupro al piacere senza limiti.

Mandelen, recentemente pubblicato in norvegese, parla della musulmana Badra, che fugge dalla campagna marocchina e di un marito brutale. A 17 anni si sposa con il quarantenne Hmed, un uomo noto per aver fornito alle sue future mogli – Badra è la numero tre della fila – una dote adeguata e un matrimonio grandioso. È una delle feste più belle del paese, "desiderata dalle fanciulle sagge e dalle madri avide".

Ma non appena la festa è finita, rivela i suoi evidenti difetti di tenerezza coniugale. La prima notte di nozze porta più un tocco di stupro che di romanticismo. Sia la sorella che la suocera della sposa devono tenere le gambe divaricate della giovane sposa mentre il matrimonio sta per essere consumato, e per i successivi tre anni Badra vive in una rabbia silenziosa e contenuta. Finché un giorno ne ha abbastanza, prende in mano il suo destino e fugge a Tangeri dalla zia liberata. Lì si innamora selvaggiamente e sfrenatamente del playboy Driss, che nel corso di una notte cancella tutti i suoi pensieri sul sesso come un dovere senza gioia e li sostituisce con esperienze di piacere sconfinato. Ben presto, Badra ha intrapreso un viaggio divorante alla scoperta sessuale. Ed è così dettagliato che anche il norvegese più liberato deve trattenersi dall'arrossire.

Per la scrittrice Nedjma – pseudonimo che nessuno è ancora riuscito a rivelare – non ha solo alzato il velo, ma ha allontanato tutti i pettegolezzi. La riservatezza che così spesso associamo alle donne musulmane è completamente assente. Ecco scene di sesso senza un accenno di timidezza, senza il minimo accenno di timidezza o vergogna.

Tabù infranti.

Porno speculativo, dicono alcuni. Letterario stimolante, dicono altri. Quando l'autrice insiste anche sul fatto che il 40% del contenuto è autobiografico, e afferma che sarebbe lapidata se la sua vera identità venisse conosciuta, è quasi come se la sentissi cantare tabù infranti. Nel mondo musulmano il libro ha suscitato giubilo e indignazione, nel mondo occidentale altrettanto sconcerto. Allora le donne musulmane non lo fanno? E scriverne dopo?

Molte persone pensano la stessa cosa del libro dell'Arabia Saudita Rajaa al Sanie, The Girls of Ryiadh. È stato paragonato alla serie televisiva americana Sex and the Singles, un paragone finora impensabile in qualsiasi contesto che coinvolgesse l'Arabia Saudita. Poi il paragone alterna anche tra l'essere una parolaccia e l'applauso, a seconda di chi la usa. Il controverso romanzo non parla solo di cinque amiche dell'Arabia Saudita e del loro rapporto, tra le altre cose, con l'amore e l'alcol, ma racconta anche degli adolescenti gay e dell'amore lesbico in uno dei paesi più conservatori del mondo.

Incinta, divorziata e caduta in disgrazia.

Il libro prende la forma di una serie di e-mail in cui il narratore aggiorna i lettori sulla vita degli amici Qamra, Sadeem, Mashael e Lamis. L'azione inizia con il sontuoso matrimonio di Qamra: sua madre le ha consigliato in anticipo di non consumare il matrimonio la prima notte di nozze, per non essere etichettata come accomodante. La coppia appena sposata si trasferisce negli Stati Uniti, dove diventa presto evidente che il marito ha sposato lei – e non la donna giapponese che ama davvero – solo per evitare le storie dei suoi genitori.

Incinta, divorziata e caduta in disgrazia, Qamra viene rimandata a casa dai suoi genitori, che per proteggere l'onore della famiglia la tengono lontana sia dall'istruzione universitaria che dai buoni amici.

Nel frattempo, Sadeem commette l'errore di fare sesso con il suo nuovo marito prima che lei vada a vivere con lui, dopodiché, scioccato dal suo interesse sessuale, divorzia da lei. La vergogna di essere una donna divorziata le offre poche opportunità sul mercato matrimoniale e finisce per sposare un cugino.

Mashael è per metà americana ed è la più audace delle donne. Nonostante il divieto che impedisce alle donne saudite di guidare, si traveste da uomo e va in città con le sue amiche. In un centro commerciale incontra un giovane di cui si innamora, ma la sua famiglia vieta loro di sposarsi perché non vogliono una nuora mezza americana.

Lamis è l'unica delle amiche che ottiene un matrimonio felice, perché ha lasciato che fosse il suo cervello a governare nella scelta di un marito, non solo il suo cuore.

Vocternes morali dannose.

Molti hanno ipotizzato se le cinque amiche del libro siano basate su amiche dell'autrice stessa. Rajaa al Sanie non ha mai affermato altro se non che il libro è pura finzione. Ma le storie dei cinque sono così comuni nell’Arabia Saudita di oggi che potrebbero anche essere vere. Le donne hanno poche o nessuna reale opportunità di acquisire esperienza nella loro vita amorosa prima del matrimonio, che è quasi sempre combinato. Una grande quantità di energia, sia familiare che politica, viene spesa per impedire ai ragazzi e alle ragazze di incontrarsi.

Ciò che ha causato la più grande indignazione tra i guardiani della moralità saudita sono le descrizioni di al Sanie di giovani donne saudite che in realtà desiderano il contatto con giovani uomini, nonostante tutte le barriere sociali che insistono diversamente. In un episodio del libro, il gruppo di amici segue un gruppo di ragazzi, che si fermano davanti a un centro commerciale. Uno dei ragazzi offre loro 1000 riyal per poter entrare con loro come membro della famiglia. Sono debitamente scioccati, ma accettano senza esitazione.

Quando il libro viene paragonato a Sesso e vita da single, lo fa con gli standard dell'Arabia Saudita come premessa. Al Sanie non scrive di sesso, ma di sentimenti. Ma la conseguenza è più o meno la stessa: mentre Sex and Single Life è stato pionieristico negli Stati Uniti quando si è trattato di descrivere il rapporto delle donne con il sesso in modo diretto e quotidiano, The Girls of Riyadh è pionieristico quando si tratta di descrivere i pensieri delle donne dell'Arabia Saudita. e sentimenti riguardo all'innamoramento, all'amore e al matrimonio. Questo è già abbastanza difficile in un paese in cui gli appuntamenti sono inauditi, l'innamoramento è scandaloso e alle donne non è permesso uscire all'aperto senza un membro maschio della famiglia come forma di decenza.

La stessa autrice ha dichiarato in un'intervista che non ha mai avuto intenzione di scrivere un libro con un messaggio politico, ma che spera che possa essere l'inizio di un cambiamento verso una società saudita più aperta.

Al mercato nero.

Come previsto, il Regno ha bandito il libro, senza che ciò abbia avuto alcun effetto negativo sulla domanda. Piuttosto il contrario. Da quando è stato pubblicato in Libano un anno fa, Le ragazze di Riad è stato in cima alle classifiche dei bestseller ed è stato invaso da ogni fiera del libro del Medio Oriente. La quarta edizione è già andata in stampa. Per i sauditi che non hanno la possibilità di acquistare il libro all'estero, su Internet si trovano copie piratate e sul mercato nero saudita il libro viene venduto a dieci volte il prezzo al dettaglio.

La 25enne ex studentessa di odontoiatria ha dovuto sopportare massicce critiche e condanne per il suo controverso romanzo, ma riceve anche sostegno da molti ambienti, alcuni dei quali piuttosto inaspettati: Ghazi al Qusaibi, un famoso scrittore dell'Arabia Saudita e il lavoratore del paese ministro, scrive nella prefazione al romanzo che si tratta di "un'opera che merita di essere letta" e che si aspetta molto dall'autore per il futuro. Su Internet persone da tutto il mondo chiedono all'autore di tradurre il libro in diverse lingue. Per ora è disponibile solo in arabo, ma è in corso una traduzione americana.

Amici e genitori.

Se l'associazione con una serie tv americana è ovvia quando si parla di Le ragazze di Riyadh, nel libro dell'australiana Randa Abdel-Fattah Does My Head Look Big in This? viene servito con un cucchiaino. E questo nella primissima frase. La protagonista australiano-musulmano-palestinese del romanzo, la sedicenne Amal Mohamed Nasrullah

Abdel-Hakim, in un impeto di arroganza, si ispira a Rachel nella serie TV Friends e decide di indossare l'hijab a tempo pieno. "Giusto. Rachel di Friends mi ha ispirato. Gli sceicchi terranno conferenze di emergenza”.

Amal è una sedicenne australiana perfettamente normale, preoccupata per gli amici, la moda, il trucco, i compiti scolastici, gli insegnanti idioti, i compagni di classe ancora più idioti e, ovviamente, i ragazzi. Soprattutto Adamo. In effetti, questo libro è un romanzo per ragazzi abbastanza standard, con un'eccezione cruciale: il personaggio principale non si lamenta dell'acconciatura, ma dell'hijab.

I genitori di Amal sono scettici riguardo alla sua invenzione dell'hijab a tempo pieno. Le sconsigliano, contrariamente a quanto credono tutti intorno a lei: l'insegnante, il preside, i compagni di studio, i passanti casuali del centro commerciale. Quasi tutti sono sicuri che la povera Amal sia stata costretta a nascondersi da genitori severi e conservatori. E nel mezzo di tutto questo, le bombe esplodono a Bali, e l’Islam diventa improvvisamente un argomento che i giornali devono analizzare e dibattere, e qualcosa per cui Amal deve essere preparata.

Duro in faccia.

Randa Abdel-Fattah ha scelto di rendere la protagonista Amal forte, sicura di sé e, a volte, piuttosto dura. Allo stesso tempo, è vulnerabile, insicura e goffa come la maggior parte degli adolescenti, religiosa o meno: ti innamori comunque. Amal non ha difficoltà ad ammirare Adam da lontano durante la lezione di chimica, né a sbavare segretamente per lui quando i due diventano buoni amici. È solo quando la sua grande cotta cerca di baciarla che tutto va storto ed è terribilmente difficile da spiegare.

Anche le amiche di Amal hanno la loro parte di difficoltà: la pressione per perdere peso, la pressione per prendere voti e la pressione per sposarsi sono problemi che questo romanzo tratta con lo stesso tono leggero e umoristico delle riflessioni religiose di Amal. Qui non vengono fornite soluzioni, l'autore evidenzia solo le gioie e i dolori di un adolescente musulmano e ci chiede di osservarli un po' più da vicino. Assomigliano stranamente a quelli di qualsiasi adolescente di qualsiasi religione. L'unica cosa unica è che nessuno ha mai scritto prima un romanzo facile da leggere, divertente e avvincente su un'adolescente musulmana occidentale.

Delitto d'onore?

La mia testa sembra grande in questo? è vagamente basato sulle esperienze dell'autrice Randa Abdel-Fattah come adolescente musulmana australiana. Come Amal, ha sperimentato il razzismo e la discriminazione da adolescente perché indossava l'hijab. Le è stato detto di "andare a casa", come se non potesse essere australiana e indossare l'hijab allo stesso tempo. All'età di diciassette anni, decise di togliersi lo scialle perché vide come i suoi amici lottavano per trovare un lavoro finché indossavano l'hijab.

La mia testa sembra grande in questo? è diventato un bestseller in Australia e ha vinto due premi letterari nel suo paese d'origine. Durante l'autunno è prevista la pubblicazione, tra gli altri, in Norvegia, Svezia, Finlandia e Germania.

Quando Abdel-Fattah cercò di vendere la sceneggiatura ad agenti letterari, la domanda standard era se si trattasse di delitti d'onore. Ma il suo scopo era quello di scrivere un libro su un’adolescente musulmana del tutto normale, che potesse scuotere la percezione stereotipata delle donne musulmane in Occidente. Non un altro libro in cui le donne musulmane vengono descritte come vittime silenziose e sofferenti dei talebani o di altri estremisti religiosi.

Sessualità quotidiana.

Mandelen, Le ragazze di Riyadh e La mia testa sembra grande in questo? offre al lettore un'immagine diversa e più generosa delle donne musulmane. Un'immagine da cui è più facile riconoscere che da cui prendere le distanze. I critici di Mandelen sostengono che Nedjma si inserisce perfettamente in una visione orientalista classica delle donne, dove le fantasie sessuali fioriscono appena sotto un velo erotico.

Ma si può altrettanto facilmente dichiarare che il libro è un testo di battaglia femminista che utilizza il risveglio della sessualità femminile come mezzo – non come fine – nella lotta per la libertà, l’indipendenza e l’uguaglianza. Ciò che i tre libri hanno in comune è che trattano la sessualità e la vita emotiva delle donne musulmane in modo particolarmente quotidiano. Le protagoniste femminili non sono né particolarmente esotiche né diverse. Sono principalmente donne. Il musulmano è solo un'informazione aggiuntiva.

Potrebbe piacerti anche