Direttori della parte della Faire Anne Reijniers, Rob Jacobs, Nizar Saleh e Paul Shemisi
Direttori della parte della Faire Anne Reijniers, Rob Jacobs, Nizar Saleh e Paul Shemisi

Il "teatro perpetuo" di Kinshasa


CONGO: Quattro cineasti trovano nuovi modi per raccontare la storia di Kinshasa. Guardano gli artisti della performance della città, che si capovolgono dopo l'era coloniale.

Gray è un critico cinematografico regolare in MODERN TIMES.
E-mail: carmengray@gmail.com
Pubblicato: 2020-01-04

Faire-Part è un film sulla capitale del Congo, Kinshasa, e sugli artisti della performance della città, che usano la capitale come spazio di opportunità per confrontarsi e riscrivere la sua storia. Prendono in mano la situazione e si rifiutano di lasciare che l'eredità dei tempi coloniali e il colonialismo distorcano la verità o ottengano l'ultima parola quando si tratta di definire l'identità dei cittadini.

Gli avvincenti e poliedrici interventi degli artisti sono documentati da quattro cineasti: due congolesi (Paul Shemisi e Nizar Saleh) e due belgi (Anne Reijniers e Rob Jacobs). Insieme, stanno lavorando per trovare un nuovo modo di presentare Kinshasa. Hanno "un passato comune", si dice, "e quindi anche un presente comune". Le loro diverse prospettive sul Congo come ex colonia belga forniscono una nuova base per l'interpretazione della storia. Esplorano metodi innovativi di messa in scena di Kinshasa, precedentemente ridotti a una "città affamata, sporca e piangente" in innumerevoli ritratti stereotipati. Il formato è vagamente episodico ed è caratterizzato da un atteggiamento fai-da-te, prove ed errori. Si adatta bene a un film che abbraccia il gioco e la sperimentazione come un modo per ricostruire narrazioni, ma anche con l'idea che la storia collettiva di una città sia un processo attivo e dinamico.

Direttori della parte della Faire Anne Reijniers, Rob Jacobs, Nizar Saleh e Paul Shemisi
Direttori della parte della Faire Anne Reijniers, Rob Jacobs, Nizar Saleh e Paul Shemisi

Il teatro di strada come intervento

"L'uomo della scatola di latta è qui!" Un uomo urla per strada mentre una creatura sensazionale, completamente coperta di scatole di soda, scuote il suo corpo a un ritmo di batteria. Un costume da preservativo che un artista dello spettacolo indossa in una delle aree della prostituzione della città e un abito con parti di cellulare sono altri esempi impressionanti di abiti politici realizzati in pubblico. Insieme, gli artisti si concentrano sulle sfide legate alla salute, al consumo e all'utilizzo delle risorse. Le bandiere dei paesi che drenano l'Africa per le risorse minerarie, tra cui il Regno Unito e l'UE, vengono lavate in una grande vasca da un artista di grande levatura prima di sventolare le bandiere di fronte alla folla che si è raccolta. Lo spettacolo è una sorta di pulizia simbolica della corruzione rappresentata dai paesi. Gli artisti combattono anche per ...


Caro lettore. Hai già letto i 4 articoli gratuiti del mese. Che ne dici di supportare i TEMPI MODERNI disegnando una corsa online Abbonamento per libero accesso a tutti gli articoli?

Abbonamento semestrale NOK 450

Lascia un commento

(Usiamo Akismet per ridurre lo spam.)