Ordina qui l'edizione estiva

Le megalopoli futuristiche della Cina

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Dì "metropoli cinese" e la maggior parte delle persone pensa allo skyline simile a un'astronave di Shanghai (nella foto sopra). E in effetti, Shanghai ha la popolazione più numerosa di tutte le città cinesi ed è la centrale elettrica di un gruppo di 18 grandi città nella parte inferiore del Delta del Chang, che ospita quasi 100 milioni di persone. Ma la maggior parte dei norvegesi non ha quasi mai sentito parlare di posti come Tianjin, Chengdu e Shenzhen. Nonostante ora abbiano tutti più di dieci milioni di abitanti, quella che ora è il criterio per essere chiamata megalopoli. Nel 1980 Shenzhen, nel sud della Cina, era una città di pescatori con 310.000 abitanti.

Ora dieci milioni di persone vivono in città, in un paesaggio futuristico di grattacieli, autostrade, 19.700 fabbriche e un campo da golf in

classe mondiale. Dal 1978, il grado di urbanizzazione in Cina è passato dal 17% nel 1978 al 42% nel 2005.

La migrazione dalle campagne è veloce. Ma non è caotico. Shanghai e

altre megalopoli cinesi non hanno enormi baraccopoli, come in India. Il sistema hukou, un sistema di registrazione del censimento che in precedenza escludeva i contadini dalle città, è stato notevolmente ammorbidito, ma rimane un'efficace barriera discriminando coloro che non vivono nelle città. Il Partito Comunista ha anche una maggiore opportunità rispetto, ad esempio, ai politici brasiliani di demolire gli slum: in Brasile dipendono dai voti dei poveri.

Secondo il nuovo piano quinquennale, gli agricoltori saranno incoraggiati a trasferirsi nelle città più piccole. Le megalopoli devono cambiare la loro struttura economica lontano dal lavoro

industria intensiva a basso costo, in modo che il villaggio

la popolazione non dovrebbe candidarsi lì.

Potrebbe piacerti anche