Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Catechismo sulla morte

Il libro dei filosofi morti
Forfatter: Simon Critchley
Forlag: Klim, Danmark

Il necrologio di Simon Critchley è una dimostrazione di ignoranza socratica e può essere un pensiero per molti.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Con questo libro, Simon Critchley approfondisce la tradizione in cui la filosofia non è solo un metodo di comprensione, ma anche uno strumento che i suoi professionisti possono usare per cambiare se stessi creando una nuova relazione con il mondo, per la conoscenza, per verità e storia. Esempi ben noti sono quelli dell'Imperatore Aurelio Pensieri a se stesso; Seneca La brevità della vita; Montaigne Saggi, nonché di Villy Sørensen Seneca. The Humanist presso Neros Hof.

 

Il libro è un'alternativa al "buddismo europeo", dove coltiviamo il nostro potenziale interiore rimanendo apolitici, non coinvolti e infelici.

La vita e il pensiero sono collegati e capiamo perché una "vita irriflessiva non vale la pena di essere vissuta" (Socrate). Il libro della morte di Critchley non parla di dire: "Corri in giro e ti siedi nella ruota del criceto perché sei spaventato a morte, fermati ora". D'altra parte, l'autore mostra che esiste una connessione tra vivere una vita irriflessiva e vivere una vita vuota e falsa. Come rivolgersi al primo? La risposta di Critchley è attraverso la consapevolezza della morte o di tutto ciò che circonda la morte. La sua presa è l'uso dell'esempio concreto di vita in pensatori di ogni tipo. Non una rappresentazione di santi (agiografia) men en dossografia
(descrizione filosofica), dove l'esemplare non sta nella santità del pensatore, ma nel «modo in cui presentano le proprie debolezze e forze».

Credi nei tuoi limiti

Per Critchley, la religione ci insegnava qualcosa che oggi abbiamo dimenticato: l'accettazione della nostra creatività, che dipendiamo da qualcosa al di fuori di noi stessi. Nella religione un Dio. Ma non è necessario andare alla religione per capirlo. Abbiamo la nostra mortalità. Il libro della morte di Critchley è una credenza per coloro che non credono in Dio, ma nella "limitazione dell'esistenza". In una vita riflessiva, scopriamo il buono e il creativo che in realtà ha come fonte la nostra debolezza e i nostri limiti. Di fronte a esami, oneri lavorativi, bambini e rifugiati, incontriamo ovunque le nostre inadeguatezze. L'etica concreta non riguarda innanzitutto le norme scritte, ma il fatto che siamo dipendenti gli uni dagli altri, che siamo deboli. Il libro dei filosofi morti non si tratta quindi di morte biologica, ma di come l'ombra della mortalità – dolore, invecchiamento, malattia, vulnerabilità e debolezza – ci insegna a pensare, vivere in modo meno falso, praticare la cura degli altri. Lo stesso Critchley definisce il suo libro un'alternativa al "Buddhismo europeo" e all'industria dell'auto-aiuto in cui coltiviamo noi stessi, la nostra solitudine e le nostre potenzialità interiori pur rimanendo apolitici, non impegnati e infelici.

Morte: un orizzonte assoluto

- annuncio pubblicitario -

"Per quanto strano possa sembrare, credo che sia solo nel dolore che ti avvicini di più ad essere quello che sei veramente."
? Simon Critchley

La morte non è una costruzione sociale dalla quale possiamo limitarci a relativizzarci, ma un orizzonte assoluto. Il dolore, il dolore e l'invecchiamento sono ciò che non possiamo falso e scappare. La filosofia inizia con questa sfida a qualcosa non quadra, quindi non è questione di conoscenza, ma di opera d'amore. L'orizzonte della morte, la sua realtà e l'incertezza della vita sono la nostra possibilità di trasformazione, di mettere in discussione tutto. La morte e il potere della finalità mettono in moto in noi qualcosa di decisivo che ribalta i coni culturali della tavola. Per Critchley, serietà e umorismo (risate) vanno di pari passo: più accettiamo e comprendiamo i nostri limiti e la nostra fallibilità, più facilmente possiamo ridere di noi stessi, il che può rivelarsi un ottimo punto di partenza per il revival etico e politico. Quando la risata fa male, è come un pensiero che ci sfida.

Debolezza come forza

"Sono i dettagli eccentrici della vita di un filosofo che ce li rendono disponibili: la propensione di Hobbes per giocare a tennis e cantare nella sua camera da letto, la debolezza di Kant per il formaggio inglese e l'ansia per il sudore, e le bolle di Marx". Ci sono quasi 200 esempi di filosofi morti dall'antica Grecia ai giorni nostri. Paolo, che ci mostra che l'idea del valore della vita richiede l'esempio della morte (Cristo); la preparazione di poesie sulla morte dei buddisti giapponesi mostra un modo di «aspettare il momento appena prima della sua morte»; il cinese Zhuang Zi mostra come possiamo vivere correttamente solo una volta che abbiamo imparato ad accettare la nostra umiltà; L'esempio di Lyotard mostra che la fede significa “diventare un enigma per se stessi, invecchiare, sperare in una soluzione.

Eraclito fu soffocato nello sterco di vacca; Diogene morì trattenendo il respiro; Diderot quando ha mangiato un'albicocca.

Abbi pietà di me, Signore, perché sono debole ... "Il dolore è ciò che per Critchley ci avvicina di più alla morte e alla nostra debolezza:" Non importa quanto strano possa sembrare, credo che sia solo nel dolore che ci si avvicina di più essere quello che sei veramente. " Non la conoscenza di sé che coltiva se stessi, ma una visione di quella parte di sé che si è irrevocabilmente persa quando si perde la persona amata. L'arte di vivere riguarda il raggiungimento della pace in relazione alla scomparsa di una persona cara, scrive.

Morire ridendo

La lista di divertenti episodi di morte di Critchley è lunga, da Eraclito soffocato nello sterco di vacca, a Diogene, morto respirando, a Diderot, che fu soffocato a morte mentre mangiava un'albicocca, presumibilmente per dimostrare che si poteva provare piacere fino all'ultimo respiro. Per Critchley, l'umorismo è una categoria etica. Mentre la piccola risata dell'ironia conferma semplicemente il proprio status e la propria identità (gli altri sono degli idioti), nella risata acuta dell'umorismo si ride fondamentalmente della propria fragilità, nulla, fede. Chi non può vedere i propri limiti (anche il filosofo o il colto), non ha saggezza. Forse l'intero libro della morte di Critchley è una dimostrazione della non conoscenza socratica. Personalmente, penso che il suo libro su Bowie sia migliore, più concentrato su un personaggio. Con quasi 200 voci, molti lettori andranno al suo libro mentre navigano sul web. Personalmente, penso che il libro di Villy Sørensen su Seneca (sullo stesso argomento) lasci tracce più profonde. Ma per molti, il libro di Critchley aprirà gli occhi su un tema importante.

Alexander Carnera
Carnera è una scrittrice freelance che vive a Copenaghen.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.