Teatro della crudeltà

Il caos trionfa sempre sull'ordine

ASSASSAGGIO / WikiLeaks è un'illusione puritana.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Di quale crimine è accusato? Perché i potenti del mondo sono così arrabbiati con lui da perseguitarlo incessantemente, o sperano (come il democratico Clinton) che un fuco vuoi toglierlo giorni? Il crimine di Julian Assange è di aver creduto nelle parole e nei concetti che stanno alla base del liberalismo democratici e la cultura politica occidentale: verità, apertura e democrazia.

L'aggressione prolungata contro Assange – che viola i fondamenti dell'etica dell'informazione, è ripugnante e ipocrita.

La filosofia alla base di WikiLeaks, e la partecipazione personale di Julian Assange, scaturiscono da una fiducia incrollabile nella trasparenza e nell'informazione. Qui sta la forza di WikiLeaks, e qui sta la sua debolezza. La fiducia nella trasparenza è il punto debole di WikiLeaks: non credo che la verità sia onnipotente. Il rapporto tra segni e realtà non è più chiaro e la coscienza collettiva è travolta da un flusso di impulsi nervosi informativi, al punto che l'apertura è affogata nel rumore bianco. È come se un eccesso di luce facesse precipitare il mondo nelle tenebre.

I secoli bui, che gli europei chiamavano Medioevo, furono il risultato di un'estrema assenza di interazione sociale: un regno di silenzio. Il buio del nostro tempo, invece, è il risultato di una diffusione illimitata di fonti di informazione e di stimoli che ci illuminano da mille schermi abbaglianti. Qui, la capacità di pensare in modo critico e di prendere decisioni informate è paralizzata – la tempesta di merda prevale.

La censura, che per lungo tempo è stata la caratteristica principale dei regimi autoritari, è stata oggi sostituita da un'esplosione di segnali e informazioni che attirano tutta la nostra attenzione. Il termine “Illuminismo oscuro» rappresenta la convinzione diffusa che ci stiamo avvicinando alla distruzione dell’umanità.

Potere e segretezza

La premessa dell'azione di WikiLeaks – eseguita in modo impeccabile dal punto di vista giornalistico – è che il potere politico dei media si basa su un segreto, e che la verità sarà quindi ribelle, liberatrice. Assange viene arrestato perché affermava di aver scoperto delle verità (su certi bombardamenti americani sconosciuti in Afghanistan, tra molte altre cose).

#Rivelare i segreti e rendere visibile ciò che sta facendo il potere politico e militare è la pietra angolare della democrazia liberale.

 

L’unica cosa di cui Assange è colpevole è aver mostrato ingenuità filosofica.

Ma la democrazia liberale è morta: le sue fondamenta sono crollate. Pertanto, la premessa di WikiLeaks diventa filosoficamente discutibile – e, a mio parere, in realtà completamente sbagliata. Un segreto è dove si trova il contenuto nascosto: la verità è da qualche parte, nascosta in un cassetto. Se avessimo la chiave e potessimo aprire il cassetto, risolveremmo il segreto e scopriremmo la verità.

Ma il potere non si basa più sulla segretezza. Il potere odierno, invece, si fonda su un'esplosione di verità: un'inflazione semiotica di segni senza limiti. Il segreto è stato sostituito dal mistero infinito della tempesta di terra. Se il segreto è causato dall'occultamento della verità, l'enigmatico a sua volta nasce dalle infinite possibilità della verità che sfuggono a ogni sguardo critico.

Nel regno delle bugie

Attraverso la sua carriera come attivista dei media e avvisi Julian Assange ha svolto la sua missione di portavoce della verità con eccezionale efficienza: ha condannato crimini militari, crimini economici corruzione e autorità bugiarde. Ma allo stesso tempo, e forse contro le sue stesse intenzioni, è diventato uno strumento del Caos, che è il vero imperatore del mondo moderno. Il background culturale di WikiLeaks è un'illusione puritana: che il linguaggio sia utilizzato al servizio della verità o della menzogna, e che le affermazioni possano quindi essere identificate in modo inequivocabile come vere o false, giuste o sbagliate, buone o cattive.

Il panorama culturale della società semicapitalista può essere descritto
come una sorta di labirinto iperbarocco.

Ma questa premessa non è sufficiente per comprendere il panorama psicologico e sociale contemporaneo. Identificare ciò che è vero e ciò che è falso può avere di per sé conseguenze politiche disastrose. Ad esempio, la denuncia dei brogli dei democratici durante la campagna elettorale del 2016 era giustificata da un punto di vista puramente morale. Ma a causa del contesto politico, la verità fattuale è stata trasformata in un servizio per l’imperatore della menzogna, Donald Trump. /p>

L'amore per la verità può avere effetti paradossali: in nome della purezza, WikiLeaks è stato utilizzato da coloro che vogliono distruggere le strutture e le condizioni culturali della civiltà umana. Il panorama culturale della società semicapitalista, invasa da enormi quantità di stimoli informativi, può essere descritto come una sorta di labirinto iperbarocco. Nella competizione tra puritanesimo e barocco, il barocco sarà inevitabilmente il vincitore, poiché il caos trionfa sempre sull'ordine, così come la falsa reputazione trionfa sempre sulle deboli voci umane.

La persecuzione di Assange deve finire, perché l’unica cosa di cui Assange è colpevole è l’ingenuità filosofica: credeva nell’etica, la verità e la forza della democrazia in un momento in cui l’etica, la verità e la democrazia hanno fatto naufragio.


Tradotto dall'italiano da
© Comune di Emma Bakkevik.
Se
Perché perseguitano Julian Assange?

Leggi anche: Sono Giuliano di John Y. Jones

franco@nytid.no
franco@nytid.no
Bernardi è un filosofo, scrittore e attivista, vive in Italia.

Potrebbe piacerti anche