Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

La crisi migratoria può essere risolta?

Possiamo risolvere la crisi migratoria?
Forfatter: Jacqueline Bhabha
Forlag: Polity Press (USA)
Il problema della migrazione e dei rifugiati può essere radicalmente ridotto, crede l'avvocato inglese e professoressa di Harvard Jacqueline Bhabha nel suo nuovo libro.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Quando nel 2015 grandi flussi di rifugiati si sono rivolti verso l’Europa, il continente si è reso conto di una realtà che fino a quel momento era riuscito a reprimere. Con i tragici eventi in Siria ciò non è stato più possibile, tanto è stato massiccio l’afflusso verso la nostra parte del mondo. Conosciamo la miserabile risposta dell'Europa: gli stati europei non sono riusciti a trovare un accordo su una soluzione sostenibile. Sebbene il problema della migrazione e dei rifugiati, con il suo carattere particolare, sia parte di una complessità più ampia, continua a provocare un senso di panico ansioso e una reazione chiaramente violenta nei politici e negli elettori. Un altro fattore che contribuisce è che ci troviamo alla fine dell’attuale ordine geopolitico. Quindi oggi l’Europa sa molto bene che la pressione migratoria e dei rifugiati è una possibilità se le persone si trovano, per un motivo o per l’altro, in una situazione in cui la giusta reazione è quella di separarsi. Ma ci sono alternative a questo?

Crisi o fluttuazioni?

La professoressa Jacqueline Bhabha ha provato a fornire una risposta nel libro Possiamo risolvere la crisi migratoria? (2018). Si possono prendere in considerazione altre possibilità? Partendo da questo, l'autore sviluppa una serie di domande che serviranno a trovare un quadro generale di comprensione all'interno del quale formulare la risposta alla domanda. Come punto di partenza, è importante che l’autore faccia chiarezza su quando si verifica una crisi e non solo sulle cosiddette normali fluttuazioni della migrazione e del numero dei rifugiati. Inoltre, come ci si dovrebbe rapportare eticamente alla situazione attuale, in cui migranti e rifugiati sono portati in situazioni estremamente rischiose? Per rispondere a una domanda del genere sarebbe opportuno aver risposto in precedenza alla domanda sulla normalità.

Per quanto riguarda il quadro istituzionale, l'autore cerca di chiarire come è strutturata l'architettura del sistema di accordi internazionali utilizzato dagli Stati. E infine, qual è la principale forza trainante dietro l’attuale migrazione forzata, dove l’identificazione delle cause sottostanti è un prerequisito affinché l’attuale pressione migratoria e dei rifugiati possa essere gestita e quindi portata ad una soluzione sostenibile. Le risposte che il lettore riceve successivamente devono ovviamente essere viste come un'estensione del contesto in cui le domande sono state poste. Jacqueline Bhabha propone una serie di riforme, ma deve ammettere che nessuna di esse risolverà la sfida della migrazione e dei rifugiati. Tuttavia, l’autore ritiene che si possa fare molto per ridurre radicalmente il problema della migrazione e dei rifugiati.

Silotenkning

Le vulnerabilità e i cosiddetti rischi esterni dovrebbero essere centrali quando si tenta di mappare i futuri flussi migratori e di rifugiati. Perché una serie di condizioni esterne al tradizionale campo di analisi della migrazione sono essenziali per fornire un quadro più ampio. Più di 500 scienziati sono quindi dietro una dichiarazione del 2014 che si occupa della preservazione dei «sistemi di supporto vitale» dell'umanità nel 21° secolo. Il mondo si sta rapidamente avvicinando a un punto di svolta cruciale in cui dovremo confrontarci con resoconti diversi e allarmanti della distruzione del nostro pianeta. Se lo sviluppo attuale continua, la qualità della vita umana subirà un sostanziale deterioramento nel 2050, la valutazione si basa sui migliori dati scientifici disponibili. Paul R. Ehrlich, noto per il controverso libro La bomba della popolazione (1968), è uno degli iniziatori della dichiarazione.

Con l’affermazione, la scienza dimostra inequivocabilmente quali sono le conseguenze per l’uomo: disturbi climatici, estinzione di specie e gruppi di popolazioni, perdita di ecosistemi, inquinamento e crescita della popolazione e delle forme di consumo. Prima che i bambini di oggi raggiungano la mezza età, sarà estremamente probabile che i sistemi di supporto vitale della terra, essenziali per la prosperità umana, saranno irrevocabilmente danneggiati. Accadrà su larga scala a livello globale e in combinazione con questi fattori di stress ambientale legati all’uomo, a meno che non intraprendiamo azioni concrete e immediate per garantire un futuro sostenibile e di alta qualità.

Insieme al declino della biodiversità e al cambiamento climatico, le migrazioni costituiscono uno dei disastri su cui è già stata accesa la «luce del preallarme». La sfida non è semplicemente quella di comprendere il problema della migrazione e dei rifugiati dal punto di vista storico e strutturale. Quando si vuole stabilire una visione e una comprensione coerenti come base per strategie coerenti, è necessario includere anche la globalizzazione e le sue molteplici espressioni e conseguenze. 

Niels Johan Juhl-Nielsen
Niels Johan Juhl-Nielsen
Juhl-Nielsen vive a Copenaghen.

Potrebbe piacerti anche