Teatro della crudeltà

La lotta per il denaro

Il Primo Ministro e la più grande banca norvegese rimuoveranno monete e banconote. L'organizzazione "Yes to cash" sta combattendo. L'argomento è attualmente prima dello Storting.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

L'organizzazione "Ja til kontanter" conta 40 membri su Facebook e dal 000 lavora per preservare banconote e monete come forma di pagamento valida. Sono fortemente critici nei confronti di DNB e di altri che vogliono rimuovere tali mezzi di pagamento e indicano a cosa porterà una possibile crisi bancaria se non possiamo più ritirare i nostri soldi.

Trond Bentestuen è il direttore esecutivo di DNB per il mercato personale in Norvegia. Crede che la paura che le persone si riversino nelle banche in Norvegia ricade sulla loro irragionevolezza e rifiuta che le banche rimuovano il denaro per proteggersi. Sottolinea che DNB è considerata una delle banche più solide del mondo.

La banca norvegese, da parte sua, ritiene che sia di fondamentale importanza che ci sia liquidità, al fine di garantire sicurezza e preparazione sociale. Prima dell'estate lo Storting deciderà su proposta del Partito di Centro di conservare la cassa.

Banche sull'orlo del fallimento. I tedeschi hanno attraversato diversi cicli di crisi bancarie e inflazione; appena un secolo fa, ad un certo punto, per comprare una pagnotta di pane, dovevano riempire una carriola di banconote. Tali eventi sono fortemente presenti nella coscienza storica dei tedeschi. A intervalli quasi ciclici, banche e finanziarie
istituzioni in difficoltà e sono lasciate a rischio di fallimento. Durante la crisi finanziaria si sono viste code fuori dalle banche sia in Islanda, Grecia che in Inghilterra, dove le persone volevano mettere al sicuro i propri risparmi perché temevano che le banche fallissero. La storia delle ripetute crisi bancarie dei tedeschi spiega anche perché molti preferirebbero tenere i propri soldi nel materasso piuttosto che in banca.

Hans Christian Færden è il fondatore del gruppo di interesse Sì al contante. Crede che il contante sia essenziale nelle crisi finanziarie: "Ci sono diversi motivi per cui le banche vogliono rimanere senza contanti. Hanno paura che i depositanti ritirino i soldi che la banca non possiede più fisicamente. Quando depositi denaro in banca, la banca normalmente ti presterà 9 delle tue 10 corone. La banca dispone del denaro che depositiamo, in linea di principio non lo facciamo noi stessi. Ma possiamo scegliere di ritirarli, anche se, sotto il sospetto di riciclaggio di denaro, finanziamento del terrorismo e così via, diventa sempre più difficile ritirare i nostri soldi dalla banca." Allo stesso tempo, ci sono tutte le ragioni per credere che le banche abbiano paura: "Se tutti vengono allo stesso tempo e vogliono ritirare i propri soldi, la banca fallirà. I soldi non ci sono. E in una crisi finanziaria basata sulla bolla del debito di proporzioni epiche, come quella in cui il mondo sta entrando, è solo questione di tempo prima che questo scenario diventi realtà”.

I movimenti delle carte di debito vengono utilizzati attivamente da alcuni regimi autoritari per mappare e tenere traccia dei partiti di opposizione problematici.

Privacy. I norvegesi sono tra coloro che utilizzano meno contanti e più carte. Circa il 50% utilizza il contante come mezzo di pagamento principale. Le banche norvegesi, NHO Reiseliv, Fellesforbundet e parti del Partito conservatore sono tra coloro che credono che i soldi debbano sparire. Sebbene i norvegesi siano le persone che utilizzano più spesso le carte in tutto il mondo, i dati della banca centrale mostrano che ci sono ancora circa XNUMX miliardi di corone norvegesi in circolazione sotto forma di contanti. Ma perché è così pericoloso se i soldi vengono persi?

Sebbene la Germania sia simile alla Norvegia, i tedeschi usano i contanti almeno quattro volte su cinque quando fanno acquisti. La storia spiega perché i tedeschi si aggrappano ai loro soldi: se torniamo indietro al 1989, uno dei maggiori datori di lavoro della Germania dell’Est si chiamava Stasi. 200 tedeschi allora lavoravano per quella che era una delle più grandi e peggiori organizzazioni di sorveglianza di sempre. La Stasi aveva un controllo quasi totale e una visione approfondita dei più piccoli dettagli della vita della Germania dell'Est. La privacy è quindi particolarmente nota nella mente di molti tedeschi.

I norvegesi utilizzano le carte di pagamento quotidianamente. Ogni volta che passiamo la nostra carta di credito, diamo informazioni su dove siamo, cosa facciamo e cosa compriamo. Si tratta di informazioni che le banche possono vendere, tra l'altro, affinché gli attori commerciali possano offrire servizi e pubblicità su misura. In questo modo le informazioni che rivelano la privacy dei clienti bancari vengono utilizzate anche da persone completamente diverse da quanto il singolo utente della carta potrebbe desiderare. Ad esempio, i movimenti delle carte bancarie vengono utilizzati attivamente da alcuni regimi autoritari per individuare e perseguire partiti di opposizione problematici.

Diversi tipi di denaro. Leif Veggum è direttore del dipartimento pagamenti in contanti presso la Norges Bank. Veggum sottolinea che oggi in Norvegia esistono due tipi di denaro: Denaro bancario, che è un credito elettronico presso una banca privata. Inoltre, hai moneta della banca centrale, che oggi sono banconote e monete fisiche. Ny Tid chiede alla Norges Bank cosa potrebbero fare le persone se la fiducia nelle banche sparisse e il contante fosse abolito:

Quando depositi denaro in banca, normalmente ti presteranno 9 delle tue 10 corone.

"Il tipo di corsa agli sportelli riguarda le persone che vogliono spostare il denaro del proprio conto in denaro fisico della banca centrale perché ritengono che sia più sicuro. Se dovesse venir meno la fiducia nei sistemi elettronici, si tratterebbe innanzitutto di poter disporre del proprio denaro. Allora il pubblico richiederà banconote e monete", dice Veggum. Crede che l’opportunità di scegliere la moneta della banca centrale sarà nell’interesse dei consumatori:

"Un modello che includa il contante rafforza la fiducia nel denaro dei conti bancari e nel sistema finanziario. Fornisce concorrenza e promuove l’efficienza. È importante evitare situazioni di monopolio. Anche i contanti hanno proprietà utili, anche se vengono utilizzati meno di prima, anche nel contesto della preparazione." La Norges Bank sottolinea che il loro ruolo è principalmente quello di facilitare un sistema di pagamento unificato ed efficiente, non di promuovere un sistema di pagamento specifico.

Ma anche la nostra banca centrale Norges Bank, come la Banca d’Inghilterra e la Riksbank svedese, sta studiando la possibilità di una nuova moneta digitale della banca centrale in futuro – come supplemento o sostituto del contante, se verrà gradualmente eliminato.

Cosa succede se va via la corrente? Yes to cash ritiene inoltre che le monete e le banconote siano importanti in caso di interruzione della corrente o se le soluzioni di pagamento elettronico falliscono in un modo o nell'altro. Anche Norges Bank ritiene che questo sia un argomento forte a favore del mantenimento del contante:

"Il contante è in pratica la soluzione di emergenza nel caso in cui si verificasse un fallimento o si temesse un fallimento nei sistemi di pagamento elettronici. Abbiamo visto, ad esempio, che in caso di notifica di sciopero bancario, i clienti delle banche hanno ritirato ingenti somme di denaro per proteggersi. Ciò dimostra che il contante ha un’importante funzione di emergenza, afferma Veggum della Norges Bank.

Un argomento utilizzato contro il contante riguarda l’economia sommersa e l’evasione fiscale. L'utilizzo del contante nel settore nero dell'edilizia è il motivo per cui il Fellesforbundet vuole solo moneta elettronica. A questo proposito, Sì all'incasso Hans Christian Færden dice: «In Norvegia circolano complessivamente 2000 miliardi di corone norvegesi, di cui solo 50 miliardi di corone norvegesi (il 2,5%) sono contanti. Come può allora il 2,5% diventare un problema? Se tutti i 50 miliardi fossero denaro nero, cosa che non è affatto, il problema sarebbe nel complesso piccolo. Ci uniamo a tutte le buone misure contro il lavoro sommerso! A parte l'attacco al contante. Un’economia digitale nera non è più difficile che creare un account a proprio nome e poi cederlo a qualcun altro. I veri criminali sono ormai lontani dal digitale.»

Su nello Storting. Prima dell’estate lo Storting deciderà se eliminare o meno i contanti. Erna Solberg e la leadership del Partito conservatore avevano precedentemente sostenuto l’eliminazione graduale dei contanti, ma sono stati respinti all’incontro nazionale del Partito conservatore. Ap probabilmente vuole tenere i soldi, ma è disposto a eliminarli gradualmente a lungo termine. Venstre e Frp sono favorevoli a mantenere i contanti per motivi di privacy.

Quando Ny Tid ha contattato il Partito conservatore, questi non avevano ancora deciso se votare a favore della proposta – che viene dal Partito di Centro – perché non se ne erano occupati in seno alla commissione Storting. Pertanto, non è ancora chiaro se l’iniziativa volta a garantire il futuro del contante riceverà sostegno o meno.

 Leggi anche: Cashless – e totalitario og Sconto
Øystein Windstad
Øystein Windstad
Ex giornalista di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche