Teatro della crudeltà

Jonas Mekas, Andy Warhol e Barbara Rubin

Barbara Rubin e l'esplosione della metropolitana di New York
Regissør: Chuck Smith
( USA)

TEMPO DI FIORITURA / Barbara Rubin and the Exploding NY Underground racconta la storia di una donna enigmatica e centrale nell'ambiente dominato dagli uomini di New York per un film underground sperimentale negli anni Sessanta.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Gli anni Sessanta furono un periodo di massimo splendore per i film underground sperimentali a New York. Con Jonas Mekas e Andy Warhol come protagonisti, questo ambiente era molto dominato dagli uomini, ma uno dei film più rivoluzionari è stato realizzato da una donna. Si chiamava Barbara Rubin e aveva solo 18 anni quando girò il primo filmato di Christmas on Earth (1963).

Il documentario di Chuck Smith Barbara Rubin e l'esplosione di New York Metropolitana dice la storia di Rubin attraverso interviste a testimoni e altri intenditori, nonché intense clip d'archivio dell'epoca raffigurata. Quest'ultimo materiale è spesso accompagnato da musica dello stesso periodo, tra cui The Velvet Underground – la "house band" dello studio di Warhol The Factory. Il film contiene ampie interviste con Jonas Mekas, un caro amico di Rubin, recentemente scomparso, ed estratti dalle lettere che lei gli ha scritto. Mekas e il regista Smith hanno anche collaborato a un libro su Rubin intitolato The Legend of Barbara Rubin, dove puoi leggere queste lettere nella loro interezza.

Barbara Rubin alla fine lasciò la scena artistica di New York per continuare la sua ricerca spirituale nella comunità ebraica ortodossa.

Dopo la proiezione del film al Salonicco Documentary Film Festival a marzo, Smith ha detto al pubblico che Mekas era stato irremovibile nel dire che nel film non voleva parlare della sua relazione personale con Rubin. Allo stesso modo, i loro sentimenti affettuosi reciproci sono chiaramente evidenti nelle sue lettere amorevoli e talvolta molto poetiche. Poetica in senso letterale, poiché in queste lettere scriveva spesso poesie. Nelle parole di Smith, il film è "una sorta di storia d'amore".

Barbara Rubin e Chuck Smith, il regista di Exploding NY Underground

Tuttavia, i sentimenti romantici di Rubin devono sono state rivolte al compagno Allen Ginsberg durante questo periodo, senza queste potrebbe essere pienamente ricambiato dal poeta gay beat. Allo stesso tempo descrive il film è un momento di sesso libero e di libera espressione artistica.

Visionario

Rubin è stato preso sotto l'ala protettrice di Mekas e della sua "Cooperativa di cineasti", e ha rapidamente abbracciato l'approccio dallo spirito libero di questo gruppo al cinema, reso possibile dalle telecamere più piccole e leggere ora disponibili. Tra le sue fonti di ispirazione c'era il cinema d'avanguardia Creature fiammeggianti (1963) di Jack Smith dello stesso ambiente. La proiezione in diversi cinema è stata rifiutata a causa del suo contenuto sessualmente esplicito e ha portato anche all'arresto di diverse persone coinvolte. IN Natale sulla Terra – come veniva originariamente chiamato Cazzi e ficheRubin ha filmato artisti dipinti sul corpo e mascherati in esibizioni sessuali sia di natura omosessuale che eterosessuale, oltre a mostrare primi piani di genitali femminili. Non sorprende che anche questo film abbia avuto problemi con la censura.

In parte lo fa Natale sulla Terra degno di nota è l'uso innovativo delle doppie esposizioni. Rubin ha dato ai direttori della fotografia istruzioni approfondite su come proiettare il film, con due proiettori che avrebbero mostrato ciascuno un diverso rullino di pellicola sullo stesso schermo, uno con una sezione dell'immagine più piccola dell'altro. Per questo motivo il film è considerato da molti una delle prime opere d'arte multimediali.

Barbara Rubin e Chuck Smith, il regista di Exploding NY Underground

"sensale" artistico. Il documentario in sé è piuttosto convenzionale – paradossalmente, si potrebbe dire. Tuttavia, la già menzionata combinazione di "teste parlanti" e clip d'archivio si è spesso rivelata una forma di narrazione appropriata per tali ritratti storici, e Barbara Rubin e l'esplosione della metropolitana di New York non fa eccezione.

In Christmas on Earth, Rubin ha filmato artisti con il corpo dipinto e mascherati in esibizioni sessuali di carattere sia gay che eterosessuale.

Quello di Chuck Smith il film dipinge un'immagine di Rubin come un ricercatore irrequieto, esplorativo e spirituale anima, che fin dalla giovane età era afflitta da disturbi mentali. Probabilmente lo era questi problemi furono ulteriormente aggravati dal suo ampio uso di droghe. Era un'artista visionaria che senza dubbio ha ispirato molti nella sua cerchia - ma definirla una "musa ispiratrice" significherebbe sminuire il suo talento artistico produzione. INciò nonostante l'elenco dei suoi amici famosi è lungo e impressionante, con nomi come Bob Dylan, Lou Reed e il già citato Allen Ginsberg – e sembra che ne abbia avuta una rara talento per "unire" persone creative. Ad esempio, è stata lei a introdurre The Velvet Underground per Andy Warhol nel 1965.

Lo stesso Rubin ha realizzato film che sono stati proiettati durante i concerti della stessa band, ed è apparso in uno di Warhol screen Tests – così come in altri delle produzioni cinematografiche di The Factory.

Arte abbandonata

Barbara Rubin alla fine lasciò la scena artistica underground di New York, così come il cinema in generale, a favore della comunità ebraica ortodossa. Un cambiamento apparentemente radicale, di proporzioni quasi “Zelig”. (La commedia di Woody Allen del 1983 su Leonard Zelig presentava un camaleonte umano che cambiava persona di giorno in giorno, di situazione in situazione, ndr.), ma può sembrare che fosse delusa dal fatto che la comunità artistica non l'avesse sostenuta nella stessa misura in cui lei stessa aveva contribuito alla sua fioritura. E soprattutto desiderava una vita familiare più normale.

Barbara Rubin e Chuck Smith, il regista di Exploding NY Underground

Tragicamente, Rubin morì all'età di 35 anni 1980, dopo aver dato alla luce il suo quinto figlio. Su questo all'epoca viveva come ebrea chassidica devota a Parigi. Ma anche in questo Nella sottocultura, secondo il regista Smith, era una figura vitale e stimolante.

Che Rubin abbia rinunciato alla sua arte cinematografica lavoro, è stata forse una grande perdita per lo sviluppo del film sperimentale. Uno Il cerotto mai così piccolo su questa ferita è, tuttavia, quello a cui questo documentario contribuisce far conoscere la sua arte e la sua storia di vita a più persone. E sebbene il film permetta di più Le domande sull'ultima parte della sua vita rimangono senza risposta, possiamo sperare che Rubin finalmente trovò una qualche forma di felicità nell'esplosivo mondo sotterraneo di New York non avrebbe mai potuto offrirgliela.

Aleksander Huser
Aleksander Huser
Huser è un critico cinematografico regolare in Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche