Messia
RELIGIONE / La serie Netflix Messiah pone l'affascinante domanda su come Gesù – o qualcuno che appare come lui – sarebbe stato accolto oggi.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

E se la Terra fosse stata invasa dagli alieni? E se i robot potessero essere inviati dal futuro per cambiare il corso della storia? E se il mondo fosse ridotto al deserto dopo una catastrofe? E se la sterilità si diffondesse e le donne fertili rimaste fossero costrette a essere macchine per il parto in una dittatura? E se ci fossero esseri che vissero per sempre ma dovessero bere sangue umano?

Molti film e serie TV sono basati su tali esperimenti mentali. Non ultimo, le storie di fantascienza hanno spesso premesse che possono essere formulate in domande "e se". La serie Netflix Messia tuttavia, non rientra in questo genere, ma forse è piuttosto uno narrativa religiosa Pone una domanda ipotetica che sorprendentemente pochi film di finzione o serie drammatiche hanno finora considerato: e se Gesù dovrebbe risorgere oggi?

Certo, la parola "apparentemente" dovrebbe essere aggiunta a questa premessa, poiché la serie tiene costantemente lo spettatore in sospeso sul fatto che il presunto salvatore sia un ciarlatano o un vero affare.

Il creatore della serie Messiah Michael Petroni USA
Il creatore della serie Messiah Michael Petroni USA

Predicatore carismatico

I Messia appare un uomo simile a Gesù Siria, mentre una tempesta di sabbia provoca una significativa battuta d'arresto per ISIS. Al predicatore eloquente e carismatico viene dato il soprannome di al-Masih ("il salvatore") e ottiene rapidamente un ampio seguito. Dopo aver condotto un gruppo di palestinesi che vivono in Siria al confine israeliano, si ritrova misteriosamente negli Stati Uniti. Lì, tra le altre cose, esce da un tornado e attraversa uno specchio d'acqua – con grande stupore della folla, sia che sia presente o guardi una delle registrazioni video sempre più numerose dei presunti miracoli.

Probabilmente c'è solo da aspettarsi che un Messia del nostro tempo non solo guadagnerebbe seguaci nel senso tradizionale.

Messia pone una grande domanda, in una serie ambiziosa che abbraccia molteplici prospettive globali. Questo nonostante l'attenzione nel corso della stagione sia sempre più rivolta agli USA – Messia ora è persino una serie Netflix prodotta in America. Ma gli americani hanno l'abitudine di mettersi al centro degli eventi internazionali, che lo vogliano o no.

Sotto sorveglianza

Produttore di serie Michele Petroni ha anche precedentemente affrontato temi soprannaturali e religiosi come sceneggiatore di film horror Possesso palla (2009) e Il Rito (2011). Messia Tuttavia, probabilmente si riferisce tanto alle serie quanto Patria og l'Ufficio , con la descrizione delle operazioni di intelligence di specifici paesi sullo sfondo di eventi che conosciamo dai fatti di cronaca.

La serie alterna un'ampia galleria di personaggi, due dei più centrali dei quali sono rispettivamente agenti CIA e il servizio di sicurezza israeliano. Attraverso questi personaggi vengono dati Messia una forma di thriller collaudata e collaudata, che presumibilmente è destinata ad attrarre le masse di consumatori di serie. Tuttavia, ciò non va necessariamente a scapito della credibilità della narrazione, almeno non fino ai dieci episodi della stagione. Perché è difficile immaginare che una persona totalmente sconosciuta, che ha acquisito così tanta influenza in così poco tempo, non sia sotto i riflettori dell’intelligence americana. O che gli israeliani dovrebbero astenersi dal mobilitare i propri servizi segreti quando un uomo guida una folla di profughi al loro confine.

Il creatore della serie Messiah Michael Petroni USA
Messia
Il creatore della serie Michael Petroni USA

Al contrario, si è un po’ perduta la credibilità che soprattutto le autorità americane non hanno meglio controllo su questa figura del Messia e che altre organizzazioni motivate politicamente o economicamente non sono in grado di utilizzarlo maggiormente per i loro scopi. Ma questo potrebbe includere anche alcuni dei miracoli a cui assistiamo.

Allo stesso modo, è normale che un Messia del nostro tempo non abbia solo seguaci che lo seguono fisicamente, ma anche più seguaci attraverso i social media. Nella serie non ha un proprio account Instagram, a differenza di uno di quelli che vagano con lui. Attraverso di lei, l'argomento "tendenze". al Masih presto online.

Nessuna denominazione specifica

Con milioni di persone che desiderano qualcosa in cui credere e qualcuno che risponda alle loro preghiere, c’è ovviamente un sacco di soldi da guadagnare con la religione. La serie tocca in parte questo, allo stesso tempo in cui si possono muovere accuse con un po' di malizia Netflix per essere fuori per la stessa commissione di coloro che sfruttano i desideri religiosi di altre persone. Tuttavia, la serie va lodata per aver osato toccare molte questioni politiche attuali, inclusi i conflitti in Medio Oriente, il terrorismo islamico, i capi di stato religiosi e – non così sorprendentemente – la sorveglianza segreta. E i russi, forse, tirano qualche filo nascosto? La serie riesce anche a tracciare un quadro interessante di un Messia opportunamente enigmatico, che non proclama mai una fede più specifica che seguire colui che chiama Dio in varie lingue.

La trama misteriosa viene utilizzata per un esperimento mentale molto affascinante, che viene in gran parte trattato in modo straordinariamente realistico.

Affascinante esperimento mentale

Messia a volte è un po' rovinato dalla sua forma narrativa snella, dove la domanda su chi sia veramente quest'uomo diventa quasi una sorta di "whodunnit". Altrettanto pienamente questa trama misteriosa viene utilizzata per un esperimento mentale molto affascinante, che viene trattato in modo straordinariamente realistico.

Non verrà rivelato qui se il Messia della serie sia chi molti pensano che sia. La mancanza di risposte certe è anche un aspetto fondamentale della fede religiosa, e quindi forse possiamo perdonare che non tutti i lati della storia siano pienamente risolti.

Con un tema così complesso e completo – e presumibilmente molti discepoli tra gli abbonati Netflix del mondo – ci dovrebbe essere spazio perché la serie possa addentrarsi in acque ancora più profonde in una seconda stagione. In altre parole, credo nella risurrezione.

 

Messia La prima stagione è disponibile su Netflix.

Abbonamento NOK 195 al trimestre