Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Jazz di Tønsberg





(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

I primi impulsi jazz arrivarono a Tønsberg durante l'occupazione, quando le località estive impegnavano gruppi jazz e i gruppi jazz includevano Tønsberg nei loro percorsi di tour. Il pioniere del jazz locale si chiamava Per Asplin, suonava il piano e aveva 16 anni quando fondò una band swing nel 1944. Quattro anni dopo la band andò in tournée lungo la costa meridionale a Bergen. Poi Asplin si trasferì a Oslo e divenne popolare.

Tønsberg aveva una tribù estremamente modesta di musicisti jazz. C'era un jazz club in città nel 1954-56 e nel 1958-63, ma quelli che suonavano lì provenivano principalmente da Oslo. Un talento particolare emerse nel 1955, il trombettista tredicenne Ditlef Eckhoff. All'età di 13 anni vinse il campionato nazionale di jazz amatoriale e da allora è stato uno dei principali musicisti jazz del paese. Si trasferisce a Oslo nel 16, ma mantiene i contatti con la sua città natale, soggiornandovi per brevi periodi negli anni '1960; in uno di essi contribuì ad avviare il club Jazz & Poetry, che dal 60 al 1967 fu un leggendario crogiolo di attori locali, poeti moderni e musicisti jazz, soprattutto della capitale.

Il club di poesia divenne Tønsberg Jazzklubb 1974-78, nuovamente riorganizzato come Urijazz nel 1979. A quel tempo, il pianista Ola Calmeyer aveva vissuto in città per un periodo, il sassofonista e batterista Bernt Brinck Johnsen si era affermato e il chitarrista Lars Martin Myhre aveva fondato la sua prima fascia (1977). Ma quando Calmeyer e Brinck Johnsen si trasferirono a Oslo, al giovane Lars Martin rimase la responsabilità della vita jazz organizzata della città, che percepiva come un enorme fardello – da qui il nome del club Urijazz.

25 anni

Il club ha celebrato il suo 25° anniversario lo scorso anno e ha pubblicato un doppio CD, Urijazz 25 anni (Roman Records 0504), con registrazioni della scena dei club della città. Non vengono fornite date di registrazione o formazioni complete, ma presumo che un CD contenga registrazioni degli anni '1990, l'altro degli anni 2000.

Il CD2 è dominato dal trio del house, Magne Arnesen; pianoforte, Ståle Amundsen; al basso e alternativamente Dag Arild Espeseth e Ulf Lauridsen alla batteria. Arnesen lascia il segno qui come pianista brillante – un'aggiunta stimolante tra i musicisti più giovani di Tønsberg. Dopo il trio, Bernt Brinck Johnsen è il musicista più lanciato dell'album, in otto brani, come batterista nel trio di Ola Calmeyer, sassofonista contralto con il quartetto d'archi, sassofonista tenore con l'house trio e sax baritono in ensemble più grandi. Il sassofonista Steinar Brenna è presente in cinque brani, come solista con l'house trio e nei gruppi Tvers i mellem e Back in Town. Jeanette Kristiansen è una cantante affascinante e impavida in quattro brani con l'house trio e la Tønsberg Storband.

In un'antologia di questo anniversario, probabilmente mi mancheranno un paio di gruppi importanti. Penso al trio di Lars Martin Myhre, che esisteva dal 1978 al 85, ed era la band più centrale dell'ambiente, con Olaf Kamjord al basso e batteristi alternati. Il trombonista Dag Einar Eilertsen è stato una forza trainante nei primi anni '1990 con La Descarga, Vestfold Jazzensemble, Kjernefamilien e il suo quartetto; è inclusa solo una traccia con un'edizione successiva del quartetto.

un romano

Brinck Johnsen, soprannominato Roman, è probabilmente il musicista jazz più importante della città. È nato nel 1946, ha iniziato come batterista negli anni '1960, in seguito ha suonato il sax alto, baritono e tenore. Per dieci anni (1976-86) visse principalmente a Oslo, fu responsabile del club Jazz Alive (1980-86) e diresse le sue band di dimensioni ridotte (LP con Winds Hot & Cool nel 1984). Tornato a Tønsberg, fondò la sua casa discografica idealistica, la Roman Records, nel 1993 portò due giovani musicisti da Tjøme e uno da Våle e registrò il CD Orfeo nero (RR 9301).

Due anni dopo ha effettuato varie registrazioni con musicisti da Oslo a Sandejord e le ha presentate su CD Amante (RR 9602). Il suo disco più recente a suo nome è del 2002, dove ha incorporato il trombettista Petter Kateraas e il trio house di Urijazz in un quintetto, composto da cinque melodie in cui è solista con Tønsberg Storband, e lo ha lanciato sul CD Waypoint (RR0203). Anche la Roman Records ha pubblicato il CD Nel silenzio della notte (2003-04) con l'orchestra di Knut Hansen, una continuazione del gruppo di nove uomini del più famoso leader della jazz band di Sandejord (1925-85). E il CD n° 5 di Roman è il disco dell'anniversario degli Urijazz.

Ola Calmeyer viene menzionata più volte in questa recensione. È cresciuto a Horten, ha giocato negli Stati Uniti nel 1953-63, ha vissuto alternativamente a Oslo, Vestfold e Drammen e ha suonato molto con Ditlef Eckhoff e Brinck Johnsen. In questa occasione vale quindi la pena ricordare che il suo LP del 1990, Poesia jazz (Jazzland JL1) è stato ora ristampato su CD come Vol. 1 nella serie "Ola Calmeyer project". Musica meravigliosa di alcuni dei migliori musicisti del paese (tra cui Eckhoff e Bjørn Johansen) e recitazione di Joachim Calmeyer – nello spirito del Jazz & Poetry di Tønsberg.

Potrebbe piacerti anche