Ordina qui l'edizione estiva

Italiano per principianti

Simen Ekern ha fatto quello che quasi nessun altro scrittore norvegese ha fatto: ha scritto dell'Italia politica.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[berlusconi] “Penso che l'80 per cento dei giornalisti in Italia sia di sinistra, e abbia legami molto stretti con la stampa estera, sono tutti membri dello stesso club di Roma. Non concedo conferenze stampa alla stampa estera, perché la usano solo come occasione per attaccarmi. Non si attaccano a quello che dico o faccio. Scrivono quello che hanno già in testa. Non capiscono niente del nostro

giudiziario."

Così ha parlato Silvio Berlusconi, l'uomo che ha governato l'Italia, prima per un breve periodo nel 1994, poi negli anni 2001-2006. Sempre con una teoria del complotto in serbo, sempre convinto che i comunisti fossero in combutta con la più oscura di tutte le forze oscure. No, non dimenticheremo Berlusconi, non dimenticheremo il Presidente del Consiglio che ha fatto apparire il presidente George W. Bush una persona estremamente eloquente ed estremamente gentile. Quasi cinque mesi dopo che la coalizione di Romano Prodi ha vinto le elezioni italiane, è tempo per noi – i "comunisti" – di fare pace con la memoria politica di Silvio Berlusconi.

Necrologio critico

Non so se Simen Ekern di Dagbladet sia membro di un club romano. Né se viene comprato e pagato da un'organizzazione italiana con un nascondiglio segreto nell'estrema sinistra. Quel che è certo è che si può leggere il libro di Ekern come un necrologio critico del premier Berlusconi. L'autore fa quello che fa la maggior parte degli scrittori di necrologi: sceglie il passato, scrive come se fosse stato fissato un ultimo periodo terreno. Scrive come se l'ulteriore destino di Berlusconi fosse una questione di vita dopo la morte.

Quel che è certo è che si può leggere il libro di Ekern come un necrologio critico del premier Berlusconi.

"Alla fine, Berlusconi ha dovuto rinunciare a malincuore alla presidenza del Consiglio", si legge. "Indipendentemente da come apparirà il panorama politico in futuro, e indipendentemente dal futuro politico che ha l'uomo, Berlusconi ha avuto motivo di sorridere dopo le elezioni. La sua avventura politica non ha eguali nella recente storia europea”.

È possibile che sia pedante soffermarsi sul carattere grammaticale di un'opera letteraria. Allo stesso modo, non si può trascurare che la grammatica, come la retorica, ha un impatto su come i lettori percepiranno il contenuto. Questa considerazione generale non vuole essere una critica negativa al libro di Ekern. Anzi. Perché è interessante che Ekern collochi Silvio Berlusconi nel passato. Sicuramente l'autore fa uso del presente, sia il prologo che alcune parti più o meno auto-narrative del libro si svolgono al presente. Ma ogni volta che conta davvero, ogni volta che tutta l'attenzione deve essere rivolta al personaggio principale del libro, allora ci viene chiesto di guardare indietro.

"La caduta di Berlusconi". Questo è il titolo dell'ottavo e ultimo capitolo del libro. Questo è il progetto di Ekern: descrivere una caduta politica avvenuta. Un progetto che, per così dire, esige di essere accolto con domande. Berlusconi è caduto? L'uomo più ricco d'Italia può cadere? Visto che la sconfitta elettorale di aprile è stata – ed è – l'inizio della nuova "avventura politica" di Berlusconi.

Timido pericolo Italia

L'Italia di Berlusconi è un libro che si legge con la penna in mano. Non solo perché si dovrebbero porre domande, ma anche perché spesso si ha una buona ragione per chiedersi dove si trovi l'autore nel panorama testuale in un dato momento. Nel complesso, Ekern è riservato, per non dire timido, nel presentarsi come un pericolo per l'Italia. Perché è in Italia? Come giornalista di Dagblad? Come scrittore con una borsa di studio? O dovremmo considerarlo un libero intellettuale, un viaggiatore simile al grande Claudio Magris, lo scrittore dietro il Danubio?

Comunque: L'Italia di Berlusconi è un libro insolito. Almeno in Norvegia. Laddove altri scrittori norvegesi vedono una romantica terra di cibo e vino, Simen Ekern vede un'importante area problematica politica. Sì, per i lettori norvegesi il libro è decisamente italiano per principianti. Non perché sia ​​facile, ma perché la Norvegia è un paese che ha bisogno di un corso così introduttivo.

Recensito da Leif Høghaug

Potrebbe piacerti anche