Ordina qui l'edizione estiva

Freddo terrorista come supereroe

L'adattamento cinematografico di V per Vendetta aggiorna la critica del cartone animato alla Thatcher in un duro avvertimento sulle conseguenze delle odierne paure terroristiche.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[fantascienza] Cosa sta succedendo a Hollywood? Poche settimane dopo che Syriana ha analizzato il cinismo e la manipolazione della politica petrolifera americana, V arriva per vendetta, dove l'eroe è un gelido terrorista che vuole far saltare in aria il parlamento britannico.

Siamo nel nostro prossimo futuro. Gli Stati Uniti sono periti in guerra, mentre la Gran Bretagna si è isolata come stato di sorveglianza autoritaria e fascista dove si tolgono di mezzo arte degenerata, omosessuali, neri, musulmani e critici del regime. Un vendicatore mascherato che si fa chiamare V intraprende la lotta contro il regime e il 5 novembre fa saltare in aria la corte di Old Bailey, accompagnato dall'ouverture del 1812 di Ciajkovskij e da coloratissimi fuochi d'artificio. "Ricorda, ricorda, il XNUMX novembre", dice, e promette la rivoluzione il giorno un anno dopo.

Terrore cattolico

Venerdì prossimo c'è la prima norvegese del film basato sul primo romanzo a fumetti dell'autore Alan Moore, che è stato finalmente tradotto in norvegese. Il personaggio principale V ricorda i supereroi vestiti di nero à la Batman e il cacciatore di vampiri Blade, dove elimina i suoi nemici con l'aiuto di un mantello, arti marziali, arrampicata su parete e coltelli affilati. Il nostro eroe si nasconde anche dietro una maschera, una maschera di Guy Fawkes, un volto iconico che la maggior parte degli inglesi conosce.

Il 5 novembre 1605, il cattolico Guy Fawkes fu catturato con 36 barili di polvere da sparo sotto il parlamento britannico a Londra. Ha progettato la versione del 1600 ° secolo dell'11 settembre 2001 e voleva far saltare in paradiso il re Giacomo I, la regina, l'erede al trono e l'aristocrazia protestante. Il 5 novembre è ancora contrassegnato come il giorno di Guy Fawkes con feste, falò e fuochi d'artificio. Fawkes sognava di mettere sul trono la principessa Elisabetta di nove anni, con un nobile cattolico come reggente, in modo che il cattolicesimo potesse tornare a essere la religione ufficiale dell'impero. V rovescerà il regime attuale.

Il fumetto è iniziato nei primi anni '1980, all'ombra del governo di Margaret Thatcher e della paura della guerra nucleare, ed è il tentativo di Moore di una versione aggiornata di 1984 di George Orwell. Usa gli strumenti classici della fantascienza, del teatro e dei fumetti di supereroi per criticare ciò che credeva di essere un governo britannico sempre più autoritario.

Nella serie, i conservatori perdono le elezioni del 1982, i laburisti rimuovono tutte le armi nucleari della nazione, e quindi al paese viene risparmiata una guerra nucleare che spazza via i continenti europeo e africano. Nel caos e nella paura del dopoguerra, il partito fascista Nordild prende il potere. Nella prefazione che Moore scrisse nel 1988, dopo aver completato la serie, si lamenta della sua ingenua convinzione che fosse possibile sopravvivere a una guerra nucleare. Si rammarica anche di aver pensato che ci sarebbe voluto qualcosa di così melodrammatico come una guerra nucleare per trasformare la sua patria in uno stato fascista. "I tabloid hanno diffuso l'idea dei campi di concentramento per i malati di Aids. La nuova polizia antisommossa ha elmetti con lancette sporche, e anche i cavalli, e sui tettucci dei loro furgoni hanno videocamere rotanti. Le autorità hanno espresso il desiderio di sradicare l'omosessualità, anche come concetto astratto, e si può solo speculare su quale minoranza sarà la prossima a ricevere una legge", ha scritto nel 1988.

Anarchia contro rivoluzione pacifica

Nell'adattamento cinematografico, il team dietro i film di The Matrix ha aggiornato V per vendetta con alcune modifiche a un commento amaro sulla società odierna, dimostrando che non è cambiato molto dagli anni '1980. Allora il comunismo e la guerra nucleare costituivano l'immagine del nemico, oggi è l'islam e il terrore. Il filo conduttore è la paura che permea la società e il grido di maggiore controllo e sorveglianza per controllare quelle che si ritiene siano le cause di questa paura.

Il film è sorprendentemente vicino alle linee principali della serie, ma a un certo punto gli sceneggiatori Andy e Larry Wachowski si separano da Alan Moore.

In entrambe le versioni, V è ritratto come un vendicatore mascherato, un misto di terrorista ed eroe della resistenza, che uccide rappresentanti dei poteri governativi, ma che non attacca mai innocenti per diffondere la paura. È quando arriviamo al bersaglio del terrore che il film prende una rotta diversa. V vuole indebolire le autorità con omicidi e bombe, ma nel film il suo obiettivo finale è quello di ispirare un popolo oppresso alla rivoluzione, anche una rivoluzione pacifica sulla falsariga della Rivoluzione di Velluto in Cecoslovacchia nel 1989.

Nel fumetto, V cerca il caos e l'anarchia. Moore si descrive come un socio-anarchico e V vuole prima gettare la società nel caos. Per spianare la strada alla vera anarchia. "Anarchia significa 'senza leader'. Non 'senza ordine'", come dice lo stesso V. Per V, la società è andata così lontano nella direzione sbagliata che non vede altra scelta che abbatterla e poi ricominciare da capo. "L'anarchia ha due facce. Crea e distrugge. Di conseguenza, i distruttori rovesciano gli imperi: creano una tela di pura ghiaia. Dove i creatori possono quindi costruire un mondo migliore. Non appena hai la ghiaia, ulteriori distruzioni diventano irrilevanti", spiega V nella serie. Questo aspetto è assente nel film.

Il più intelligente dell'anno

Dopo From Hell, Constantine, Swamp Thing e The League of Extraordinary Gentlemen, posso in ogni caso affermare che questo è di gran lunga il miglior adattamento cinematografico di Moore, e anche un buon candidato quando il film d'azione e di fantascienza più intelligente dell'anno è quello di essere votato. Inoltre, domani Moore potrebbe vincere lo Sproing Award per il miglior fumetto tradotto, e il film e il fumetto sono entrambi opere notevoli. Entrambi letti all'ombra dell'Inghilterra degli anni '1980 e visti alla luce delle odierne paure terroristiche.

Proprio come Margaret Thatcher ha mostrato a Moore che non ci voleva una guerra nucleare o una rivoluzione perché una società democratica si avvicinasse alle tendenze fasciste e totalitarie, la paura dopo l'11 settembre ci mostra che la società della sorveglianza non è ancora così lontana. Quindi non dimenticare mai il 5 novembre. n

Recensito da Øyvind Holen

Potrebbe piacerti anche