Teatro della crudeltà

Srnicek & Williams: Inventare il futuro

Le nuove tecnologie dell'informazione hanno fatto sì che il lavoro non fosse più considerato l'essenza dell'uomo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Nick Srnicek e Alex Williams: Inventare il futuro: il postcapitalismo e un mondo senza lavoro. Verso Libri, 2015

Una delle discussioni recenti più interessanti sulle possibilità di liberazione della tecnologia si è svolta sotto l'hashtag Accelerare sui social media, dove i fautori di una nuova e apparentemente radicale agenda politica si stanno agitando affinché la sinistra abbandoni la paura monaco-marxista del contatto verso nuove tecnologie ipermoderne, e invece riaccenda le caldaie della locomotiva della storia: Prossima fermata – post -capitalismo!

Inventing_the_Future-b828e30703ba1adb8e5d348786269f05Tecno-ottimismo. Nick Srnicek e Alex Williams raccolgono nel libro Inventare il futuroPostcapitalismo e un mondo senza lavoro su alcune idee centrali del loro cosiddetto manifesto accelerazionista, Manifesto per una politica accelerazionista, che è stato lanciato nella twittersphere nel 2013 con l'hashtag Accelerare. Il manifesto invita a un'agenda politica tecno-ottimista e iper-razionalista e a trascendere i limiti intrinseci del capitalismo alla produttività promuovendo la liberazione e l'intensificazione, in breve l'accelerazione delle forze collettive e tecnologiche della società. Il tono del libro è meno roboante e imperativo che nel manifesto, e il termine stesso accelerazionismo è stata abbandonata, ma le idee di base sono immutate e il ragionamento è inequivocabile: siamo alle soglie della cosiddetta quarta rivoluzione industriale, dove le nuove tecnologie ibride trasformeranno radicalmente la nostra comprensione di cosa significhi essere umani, che significa vivere, lavorare e interagire in contesti sempre più complessi e mediati dalle macchine.

Porre fine alla scarsità. Secondo Srnicek & Williams, l'avvento di Internet (si noti il ​​sottotitolo WWW, a World Without Work) e le nuove tecnologie dell'informazione hanno già consentito un'efficace transizione al post-capitalismo, dove il lavoro non è più pensata come costituente l'essenza dell'uomo, ma può essere immaginata semplicemente come un processo meccanico esteriorizzato che lascia l'uomo libero di organizzare la propria vita e la formazione della propria identità al di là della maledizione del lavoro e al di là di ogni scarsità materiale: "L'infrastruttura tecnologica del 21° secolo produce le condizioni per la creazione di un sistema politico ed economico molto diverso. Le macchine svolgono compiti che sembravano impossibili solo un secolo fa. Internet e i social media danno voce a miliardi di persone precedentemente inascoltate, rendendo l’esistenza di una democrazia partecipativa globale a portata di mano. Progetti open source, copia a sinistra la creatività e la stampa 3D inaugurano un mondo in cui la scarsità di molti prodotti è stata superata.» In breve, una sorta di aggiornamento tecno-utopico della famosa nozione comunista di Marx di poter "fare questo oggi, qualcos'altro domani, cacciare la mattina, pescare il pomeriggio, badare al bestiame la sera, criticare a cena, senza realizzando di diventare mai un cacciatore, un pescatore, un pastore o un critico.»

L'analfabetismo della sinistra. Il problema fondamentale nel raggiungere questo comunismo di lusso completamente automatizzato, tuttavia, è che la sinistra oggi soffre di un diffuso analfabetismo tecnologico unito allo scetticismo o alla paura di tutte le soluzioni tecnologiche ai problemi politici. Di fronte alla crescente complessità, la sinistra ha scelto di isolarsi in piccole cellule settarie, di rifiutare la tecnologia invece di comprenderla e dominarla. Ha portato a una problematica glorificazione di forme rituali di pratica politica incentrate su forme difensive e reattive di resistenza come la fuga, il ritiro e il trinceramento in «santuari temporanei autonomi», e a una valorizzazione del particolare e del locale in contrapposizione all’universale e globale. . Questo mentalità da bunker è, secondo Srnicek & Williams, essenzialmente sintomatico della sinistra nel suo complesso, che ha completamente rinunciato a immaginare l'avvento di una nuova era.

Voglia di autenticità. Srnicek e Williams descrivono come molti a sinistra abbiano perso fiducia nelle forme organizzative più tradizionali, tra l'altro a causa del fallimento politico (identico) del partito e del sindacato, e abbiano quindi cercato di inventare altri modi di sfidare il potere, modi che non imitano le gerarchie di potere esistenti in modo sessista, razzista e militarista. In altre parole, non si trattava più di impadronirsi dei mezzi di produzione e di “prendere il potere”, ma di rifiutare i rapporti capitalistici di potere e di produzione. tutte breve. L'attenzione antisistemica, che affonda le sue radici nel rifiuto antiautoritario del movimento del 68 la comunità degli attoris (Guy Debord) di rappresentanza (democrazia parlamentare inclusa), sono state evidenti ovunque nelle grandi ondate di protesta di massa degli ultimi decenni, dai movimenti alter-globalizzazione degli anni Novanta a Occupy e oltre, cioè durante tutto il ciclo di lotte a cui mirano specificamente le critiche di Srnicek e Williams. La loro affermazione è, per estensione, che questi movimenti di protesta sono intrisi da un lato di un desiderio distorto di autenticità perduta, e dall'altro di un pio desiderio rivoluzionario "ingenuo" senza alcun fondamento nella realtà. Le critiche della sinistra senza uscita sono riassunti sotto il termine politica popolare, che a livello molto generale nasconde una – ai loro occhi – problematica inclinazione a valorizzare le mobilitazioni e le ribellioni spontanee piuttosto che rinunciare al paziente lavoro a lungo termine per la ricostruzione della perduta unità politica della sinistra, la costruzione di un vero e proprio ideologico mod-egemoni. Ma la domanda che si pone con insistenza durante la lettura è: se la sinistra è davvero accecata da ingenui sogni rivoluzionari, e il riformismo operaio socialdemocratico non è più una strada percorribile, allora in cosa consiste il compito? Come ottenere ciò che desideri settimanasocietà capitalista? La continua ottimizzazione tecnologica nel quadro di un’economia fondamentalmente capitalista, della manipolazione transumanista e di una crescita più esponenziale è davvero una via d’uscita dalla miseria?

Srnicek e Williams hanno ricostruito la loro tecno-utopia partendo da vecchi rottami marxisti, nonostante tutte le assicurazioni di aver inventato il futuro.

Spazzatura marxista. Con la loro attenzione alla tecnologia, all'innovazione, alla trasformazione e all'automazione, Williams e Srnicek si uniscono a una tradizione leggermente dubbia di tecno-ottimismo che può essere storicamente fatta risalire a vari esperimenti economici pianificati socialisti, come quello di Salvador Allende (fallito)  Progetto Cybersyn in Cile negli anni ’1970, dove si tentò di applicare i principi cibernetici in un vasto esperimento politico di controllo economico e sociale. L’amministrazione di enormi quantità di dati deve quindi, ispirandosi al prototipo del modello informatico di Allende, servire ad amministrare la società, un ampio meccanismo di controllo sociale deve garantire che l’anarchia delle forze di mercato sia tenuta sotto controllo, senza che né il lavoro salariato né il rapporto di capitale siano compromessi. ritenuto da abolire. Libertà sintetica è il termine con cui gli autori, in una strana manovra orwelliana, cercano di giustificare la loro idea di un futuro apparato di controllo cibernetico. È qui che Inventare il futuro supera davvero la prova, sia come libro/opera che come preteso testo di programma di emancipazione per un'ala sinistra (certamente) chiaramente fallita. È proprio qui, nel passaggio dal progetto negativo del libro (la critica alle patologie latenti della sinistra) al progetto positivo o edificante del libro (la parte del cosa si deve fare), che si comincia davvero a intuire che Srnicek & Williams hanno distrutto la loro tecnoutopia fatta di vecchie cianfrusaglie marxiste, nonostante tutte le assicurazioni di aver inventato il futuro. È il classico atto di equilibrio impossibile, l’inetto né-né nel senso di né riforma né rivoluzione, che si rivela una difesa appena nascosta di una reinvenzione delle future utopie più tecnocratiche del marxismo tradizionale. La missione negativa del libro – la critica di alcune parti della fissazione dell'attivismo reattivo della sinistra, la valorizzazione del romanticismo anarchico (certamente spesso macho-glorificante) di spontaneità, violenza e ribellione, e il sospetto che spesso l'accompagna di teori opposto pratica – affronta temi importanti ed è senza dubbio uno degli aspetti più forti del libro. Purtroppo, la critica ad alcune massime politiche identitarie problematiche da parte di parti della sinistra viene estesa e generalizzata in modo del tutto senza moderazione, con l'evidente obiettivo di costruire un uomo di paglia chiamato "sinistra", che può poi essere facilmente abbattuto con facili -acquistare affermazioni di primitivismo. L’annientamento di tutti i gruppi radicali della sinistra a partire dal 68 – un annientamento che, peraltro, è privo di qualsiasi forma di autocritica (ad esempio della propria posizione privilegiata come soggetti bianchi, maschili, occidentali appartenenti all’élite accademica). – ha come unica funzione che gli autori possano iscriversi ad esso completamente grande (e molto tradizionale dell'avanguardia), in cui le masse stupide e cieche devono essere dirette politicamente da un corpo centrale elitario, come il capo che controlla il corpo: guarda, ti portiamo il futuro!

Domenico Routhier
Dominique Routhier
Routhier è un critico regolare di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche