Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Internet è progettato per amplificare le contraddizioni sociali

Il memeing di Mark Fisher. Come la Scuola di Francoforte prevedeva il realismo capitalista e cosa fare al riguardo
Forfatter: Mike Watson
Forlag: Zer0 Books (USA)
SOCIAL / Mike Watson paragona la sinistra di Internet ai creatori di selfie che creano attenzione intorno a se stessi.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Si sostiene che nel nostro tempo sia più facile immaginare il mondo che capitalismola nostra rovina. Il filosofo britannico Mark Fisher ha definito questo "realismo capitalista" in un libro del 2009 con lo stesso nome.

Qualsiasi progetto rivoluzionario viene rapidamente divorato dal capitalismo. Questo vale non da ultimo per la sinistra Mark Fisher, che è un'icona del radicale il lato sinistro, è stato "memed" dalla destra. Questo meming, probabilmente molto più diffuso negli Stati Uniti che in Norvegia, avviene solitamente sotto forma di pubblicazione online di immagini, con un nuovo testo per l'occasione. Un meme famoso è "Doomer", un semplice disegno di un giovane calvo con un volto malinconico e inespressivo, o "Are You Winning, Son?", un disegno di un padre che entra nella stanza del figlio di suo figlio.

Ma ha senso che la sinistra continui su questa strada? Ci sono tutte le ragioni per dubitarne, sulla base della diagnosi di Mark Fisher del nostro tempo come realismo capitalista. Se non ci sono alternative, perché provarci? Fisher ha paradossalmente diffuso anche contenuti radicali online, ma nulla sfugge al realismo capitalista. Secondo Watson, il libro di Fisher era "memed completamente fuori contesto, con effetti tragicomici", incluso il meme "We Fucking on the X Bed Tonight", dove un letto è perfettamente composto da un lenzuolo che mostra la copertina del libro di Fisher ( a Il meme allude anche all'appello di Jordan Peterson ai giovani di rifarsi i letti, che la sinistra ha ritenuto fosse una semplificazione eccessiva dei loro problemi).

Sono sciocchezze, ovviamente, ma quando tutto è una sciocchezza, è difficile sviluppare una pratica rivoluzionaria. Internet è progettato per amplificare le contraddizioni sociali, e quando le persone vengono radicalizzate in questo modo, è solo per farle continuare a cliccare. Gli internauti di sinistra possono quindi, secondo Watson, essere paragonati ai selfie maker che scaricano video e immagini da TikTok e Instagram per attirare l'attenzione attorno a sé.

Rivela rotture e crepe

Ma ogni speranza non è ancora perduta. Watson indagherà se la Scuola di Francoforte grandi vecchi Theodor W. Adorno, Walter Benjamin e Herbert Marcuse possono indicarne uno Radikal pratica nel ventunesimo secolo. Per Theodor Adorno l’attività teorica era la pratica veramente liberatrice sotto il dominio del capitalismo. Scoprendo le fratture e le fessure nel blocco monolitico del capitalismo, ci si potrebbe aprire a pratiche di liberazione. In particolare l’arte moderna d’avanguardia era il luogo in cui cercare tali rotture.

Uomo Ornamento allo stesso tempo mantenne una netta distinzione tra teoria e pratica politica. Quando la rivolta studentesca raggiunse l'Università di Francoforte, dove lavorava Adorno, questi non mostrò di comprendere le azioni degli studenti. Il conflitto culminò nel famoso "assassinio di cuccioli" nell'aprile 1969, quando tre studentesse saltarono sul podio dove Adorno teneva una lezione, lo circondarono e mostrarono le loro tette. Adorno lottò selvaggiamente per uscire dalla situazione e lasciò la sala con i capelli arruffati e in piena rabbia. Marco, d'altro canto, lanciava appelli a favore degli studenti e credeva che la rivolta studentesca fosse un vero atto di ribellione.

Quando tutto è incasinato, è difficile sviluppare una pratica rivoluzionaria.

Watson cerca di trovare una via di mezzo tra l'ascetismo di Adorno e l'azionismo di Marcuse, e la trova in Benjamin e nella sua idea del flâneur. Benjamin vagò per Parigi a passo lento mentre prendeva il tempo per guardare e riflettere su ciò che vedeva. Queste flâneries furono raccolte nel libro dopo la sua morte Il servizio passeggeri (1983, traduzione norvegese 2017). Mettendo insieme cose e citazioni senza spiegarle o spingere le persone all’azione, Benjamin pensava di poter dire qualcosa di significativo e critico sulla società capitalista. Allo stesso modo, Watson crede nel libro che "la spazzatura che è oggi Internet, disseminata di meme consumati, può rivelare qualcosa sulla natura del capitale", e quando rallentiamo online, possiamo cogliere uno "scorcio delle condizioni del capitale". e successive possibili riconfigurazioni”.

La siccità di idee della sinistra

Nonostante le buone intenzioni, il libro di Watson dà un'impressione involontaria della mancanza di idee della sinistra. Sì, sembra bello passeggiare online come un altro Walter Benjamin, ma cambia qualcosa nella società? Al momento in cui scrivo, il centro si trova nella capitale del Canada Ottawa bloccato dai camionisti che protestavano contro il peggioramento delle condizioni di lavoro a causa delle restrizioni del coronavirus, e le autorità locali hanno dichiarato lo stato di emergenza. I flaneurs della sinistra internet hanno qualcosa da dire loro? Difficilmente. Questo dovrebbe essere un problema per Watson, il quale, secondo la sua stessa affermazione, si preoccupa di promuovere la coscienza di classe della classe operaia.

Lars Holm-Hansen
Lars Holm-Hansen
Filosofo e direttore editoriale presso la casa editrice Eksistenz.

Potrebbe piacerti anche