Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Rivoluzione intellettuale. Adesso!

Dobbiamo eliminare i pensieri totalitari della ribellione del 68esimo. Ma la necessità di un accordo e di una ribellione contro le verità accettate oggi è grande almeno quanto lo era 40 anni fa.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[2. Maggio] Questo fine settimana segna gran parte dell'Europa, inclusa questa pubblicazione, che sono trascorsi quattro decenni dalle rivolte studentesche a Parigi. I primi di maggio del 1968 furono così in un movimento antiautoritario più ampio che ha lasciato il segno nei posteri, nel bene e nel male.

In linea con le prospettive globali e comparative di Ny Tid, potremmo forse enfatizzare di più le tante prospettive alternative sul decennio che ha influenzato un'intera generazione. Uno sta nella tempistica. In primo luogo, si può sottolineare che le rivolte internazionali e guidate dagli studenti hanno avuto scarso impatto sulla Norvegia nel 1968, piuttosto il movimento non ha sfondato qui fino a un paio di anni dopo.

In secondo luogo, si può giustamente affermare che la rivolta del '1968 non ebbe luogo realmente nel 68. Potrebbe anche essere ricondotto alla marcia per i diritti civili di Martin Luther King Jr. e al discorso "I have a dream" del 1963. O al movimento hippie emergente in California del 1965. O alle proteste del Vietnam negli Stati Uniti.

E anche se si scegliesse il 1968 come anno simbolico della rivolta, sarebbe naturale poter indicare qualcosa di completamente diverso rispetto agli studenti, per lo più liberi e ricchi, dell’Università della Sorbona di Parigi. Ben più rivoluzionari sono stati gli studenti di Varsavia che l'8 marzo sono scesi in piazza e hanno protestato contro il regime comunista polacco, che nella sua propaganda aveva bollato i ribelli come "sionisti". Ciò significò che gli ebrei polacchi dovettero nuovamente fuggire dal paese che ospitò Auschwitz durante la Seconda Guerra Mondiale.

Praga e il Giappone

La primavera del 1968 e le rivolte di Parigi trovarono la loro base nello sviluppo sotto il riformista Alexander Dubcek, di una primavera praghese che fu brutalmente repressa dalle forze dell'Unione Sovietica in agosto. Allora gli studenti messicani avevano lottato per maggiori diritti nei mesi precedenti le Olimpiadi di Città del Messico. Entrambi i giovani, ad esempio, in Giappone e in Giamaica hanno espresso le loro opinioni su tutto, dalla guerra del Vietnam all'occupazione universitaria.

È così che la rivolta del 1968 riguarda qualcosa di molto più degli studenti francesi, ma piuttosto una rete di eventi internazionali che culminano in una rivolta simbolica per un mondo migliore. Si tratta di aumentare la consapevolezza delle possibilità di poter influenzare radicalmente la società di cui si fa parte.

Sono tanti i valori da portare con sé da questo momento in poi: Impegno ambientale. Femminismo. Il movimento per la pace. L'idea di solidarietà. La sfida dell'autorità. La diversità. L'ispirazione internazionale.

Allo stesso tempo, ci sono anche lezioni di cautela a seguito della ribellione del 68. Dopo gli anni ’70, l’antiautoritarismo si trasformò in una nuova fede nell’autorità. Nelle proteste contro le proprie autorità e i propri alleati, alcuni si sono invece rivolti a modelli internazionali come Mao, Pol Pot e il faro di Any Hoxa in Albania. Così, l'eredità di King e la ribellione degli studenti dell'Europa orientale fallirono. La reazione istintiva e il flirt con il totalitario dovrebbero essere sepolti per sempre nel 2008.

Lo stupore di oggi

Nel nostro tempo abbiamo bisogno anche di una ribellione, ma i tempi nuovi richiedono nuove soluzioni. Sembra più una ribellione intellettuale e mentale che una ribellione fisica necessaria. Il leader dell'Unione studentesca norvegese ha prospettive entusiasmanti quando invita in questa edizione a "una ribellione contro il sistema di pensiero in cui si impara a essere critici e a pensare in modo diverso".

A questo proposito è sufficiente confrontarsi con le università e i college norvegesi. Gli elenchi dei programmi sono sorprendentemente eurocentrici e nazionalistici, al limite dello stupendo. Come quando la materia di storia delle idee all'Università di Oslo viene presentata così: "La storia delle idee è lo studio storico del pensiero europeo".

Resta inteso che le persone al di fuori del "circolo della cultura europea e occidentale" non hanno pensato pensieri sufficientemente degni di nota per uno studio.

Questo è ciò che può accadere quando l'estroversa storia della filosofia di Arne Næss viene rimossa dai programmi di studio negli anni '80. Ironicamente, come conseguenza della rivolta del 68 e delle sue conseguenze, con una svolta semplicistica verso "la cultura e la tradizione europea".

Gli studenti e le altre persone disposte a cambiare hanno quindi abbastanza cose da comprendere, ora, nei giorni di maggio, 40 anni dopo le rivolte di Parigi. È nell’anno della diversità, il 2008, che abbiamo davvero bisogno di una rivoluzione intellettuale in Norvegia.

Giorno Herbjørnsrud
Dag Herbjørnsrud
Ex redattore di MODERN TIMES. Ora a capo del Center for Global and Comparative History of Ideas.

Potrebbe piacerti anche