Insieme per la vita


SYMBIOSE: Dobbiamo pensare diversamente all'uomo e al computer. Il loro essere è più impigliato di quanto pensiamo, ed entrambi cambiano e si adattano l'uno all'altro.

Storico delle idee e critico regolare in TEMPI MODERNI.
E-mail: kjetkor@online.no
Pubblicato: 2020-06-23
La coevoluzione: i futuri intrecciati di esseri umani e macchine
Autore: Edward Ashford Lee
Editore: The MIT Press,, USA

Il modello classico di come percepiamo e rispondiamo a cose al di fuori di noi è che le informazioni arrivano al cervello dal corpo o dall'ambiente e che vengono elaborate prima che le informazioni vengano nuovamente inviate. La teoria della cognizione corporea afferma che è diversa:

C'è sempre interazione con il mondo esterno. Le informazioni non si trovano i Super-Io. Ad esempio, se stai parlando con qualcun altro: ciò che senti e pensi è strettamente correlato all'altro e al suo comportamento.

Allo stesso modo è la nostra interazione con i computer, afferma Edward Ashford Lee, professore emerito di ingegneria elettrica e informatica all'Università della California. Quando cerchiamo informazioni tramite Google, la macchina viene fornita con suggerimenti specifici su ciò che dovremmo cercare. Questi sono spesso migliori dei nostri suggerimenti e quindi andiamo avanti con loro.

Creazionismo digitale

È comune considerare i computer come strumenti che fanno ciò che vogliamo che facciano ...


Caro lettore. Devi essere abbonato (69 SEK / mese) per leggere altri articoli oggi. Torna domani o accedi se hai un abbonamento.

Abbonamento NOK 195 quarti

Chiudi