Teatro della crudeltà

Scarico standard integrato

La commissione per il mercato interno del Parlamento europeo ha adottato una controversa direttiva sui servizi.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

La proposta di direttiva sui servizi è stata esaminata il 22 novembre dalla commissione per il mercato interno del Parlamento europeo. Con 25 voti contro 10, la commissione ha adottato una proposta che approva anche la parte più controversa della direttiva, il principio che è il paese di origine che deve controllare le proprie imprese quando forniscono servizi in altri paesi.

Euro-LO ha condannato la decisione in commissione parlamentare e ritiene che darà il via libera al dumping sociale esteso. Financial Times speriamo, d'altra parte, che il Parlamento Ue segua nella stessa direzione quando la direttiva sarà esaminata in plenaria nel corso del nuovo anno. In tal caso, lo sarà "un trionfo per chi ha sostenuto la direttiva nonostante i duri attacchi della Francia e del movimento sindacale europeo".

Controproposta speculare

La socialdemocratica tedesca Evelyne Gebhardt è stata relatrice della direttiva. Ha accettato il principio secondo cui qualsiasi azienda autorizzata a fornire determinati servizi in un paese dell'UE dovrebbe essere in grado di fornire tali servizi in qualsiasi altro stato membro. Ma ciò deve essere fatto in conformità con le normative del paese in cui vengono forniti i servizi, ed è questo paese che ha il diritto di controllare i servizi.

Su questo punto la proposta di Gebhardt ha ricevuto il sostegno dei socialdemocratici, dei verdi e del gruppo socialista di sinistra. Ma i partiti di destra hanno vinto il voto 21-16 con 3 astensioni.

Ciò significa che è allettante per le aziende fornitrici di servizi registrarsi in paesi con normative deboli e scarso controllo sul rispetto delle normative, se l’azienda vuole fornire servizi in altri paesi.

I socialdemocratici si dividono

Quando la proposta di direttiva è stata posta ai voti nella sua interezza, Evelyne Gebhardt si è astenuta, mentre diversi altri socialdemocratici hanno votato a favore della direttiva. Nella votazione finale 25 hanno votato a favore della direttiva, 10 hanno votato contro e 5 si sono astenuti. Ciò significa che molti socialdemocratici sono disposti a scendere a patti con il controllo del paese d'origine fintantoché vi è un aumento del commercio di servizi attraverso i confini interni dell'UE.

Anche gli stessi socialdemocratici hanno accolto un lungo elenco di richieste del genere ikke è consentito presentare domanda a un'azienda che fornisce servizi in paesi dell'UE diversi da quelli in cui è registrata l'azienda. Ad esempio, non può essere previsto che un'impresa abbia un referente, anzi, nemmeno un indirizzo nel paese in cui vengono forniti i servizi. È sufficiente che la società abbia un indirizzo nel paese in cui è registrata. Inoltre, non può essere richiesto che tale società straniera sia iscritta in alcun registro nel paese in cui vengono forniti i servizi.

I governi stanno riducendo la resistenza

La commissione per il mercato interno è forse la commissione parlamentare più "blu", quindi l'opposizione alla direttiva sui servizi potrebbe essere maggiore in plenaria che in questa commissione. Ma anche se i socialdemocratici si unissero contro la direttiva quando verrà votata in plenaria, la strada per ottenere una maggioranza contraria alla direttiva nel Parlamento europeo sarà ancora lunga. Dopo le elezioni del giugno 2004, i partiti di destra hanno una netta maggioranza nel Parlamento europeo.

Le nuove leggi dell’UE devono essere adottate esattamente con la stessa formulazione sia nel Consiglio dei ministri che nel Parlamento. I ministri responsabili del mercato interno si sono riuniti, mentre si scrive, nel Consiglio dei ministri dell'Unione europea il 28 e 29. novembre per preparare la sua posizione sulla direttiva sui servizi.

I governi di Svezia e Germania hanno precedentemente respinto la direttiva in termini talvolta forti. Ora il tono è più leggero. La Confederazione svedese dei sindacati riferisce che il ministro dell'Economia e dell'Industria Thomas Östros è soddisfatto della decisione della commissione per il mercato interno. Ai media svedesi dice che la Svezia vuole liberalizzare il commercio dei servizi.

Ciò porterà quindi a un forte confronto con il movimento sindacale in molti paesi dell'UE, se anche il Consiglio dei ministri accetta il principio del paese d'origine.

La proposta di direttiva sui servizi

La Commissione europea ha presentato una proposta per una direttiva sui servizi che garantirà una maggiore concorrenza nella fornitura di servizi transfrontalieri nell’area dell’UE e del SEE. È necessario per raggiungere l'obiettivo del cosiddetto processo di Lisbona di rendere l'UE l'area più dinamica e competitiva del mondo entro il 2010, secondo la Commissione europea.

La proposta di direttiva sui servizi si basa su due principi fondamentali, il principio del riconoscimento reciproco e quello del controllo del paese d'origine. Ciò significa che un'azienda autorizzata a fornire determinati servizi in un paese dell'UE o del SEE deve essere in grado di offrire gli stessi servizi in tutti gli altri paesi dell'UE e del SEE secondo gli standard del paese d'origine. Ciò significa che la responsabilità di controllare le società che forniscono servizi in altri paesi deve essere aggiunta al paese in cui l'azienda è registrata – e non al paese in cui vengono prestati i servizi.

La proposta ha scatenato una forte opposizione nel movimento sindacale di molti paesi. Anche Euro-LO mette in guardia con forza. Lo stesso fa l'organizzazione europea dei consumatori BEUC e le organizzazioni del settore sanitario in tutta Europa.

La direttiva riguarda la Norvegia a causa dell'accordo SEE. Lo afferma la dichiarazione Soria Moria dei tre partiti al governo "Il governo lavorerà per garantire che l'UE non attui una direttiva sui servizi che porti al dumping sociale." Lo afferma anche "se altri strumenti falliscono, il governo prenderà in considerazione l'utilizzo del diritto di riserva nell'accordo SEE se interessi norvegesi particolarmente importanti sono minacciati da atti giuridici che si prevede di incorporare nell'accordo SEE."

Si applicano le norme del paese di origine

Il 22 novembre la commissione per il mercato interno del Parlamento europeo ha approvato il cosiddetto "principio del paese d'origine" nella direttiva sui servizi. Ha la seguente formulazione (tradotta dallo svedese):

"Gli Stati membri devono rispettare il diritto dei prestatori di servizi di fornire servizi in uno Stato membro diverso da quello in cui il prestatore è registrato. Quando forniscono servizi, sono soggetti solo alle disposizioni relative all'inizio e all'esercizio delle attività di servizi nello Stato in cui sono registrati, ciò vale in particolare per i requisiti relativi allo stabilimento, all'esercizio e allo svolgimento dell'attività del fornitore di servizi, alla qualità e al contenuto dei servizi nonché norme e certificazioni.

Lo Stato in cui i servizi sono forniti deve tuttavia essere in grado di garantire tale considerazione "l'ordine e la sicurezza pubblica o la tutela della salute e dell'ambiente sono salvaguardati per evitare rischi particolari nel luogo in cui è prestato il servizio."

Potrebbe piacerti anche