Teatro della crudeltà

Incontri immaginari

Altri paradisi. Approcci poetici al pensiero in un'era tecnologica
Forfatter: Jessica Sequeira
Forlag: Zero Books (England/USA)
Come dobbiamo svilupparci nell'era della tecnologia? L'autrice Jessica Sequeira ritiene che abbiamo ricche opportunità per sviluppare il pensiero vivente di fronte alla tecnologia.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Perché ci comportiamo in modo improduttivo? L'autrice Jessica Sequeira risponde che il "comportamento improduttivo" è legato all'esperienza della libertà e alla conclusione di relazioni interessanti. Nella modernità, creiamo utopie personali che includono la tecnologia in modi nuovi. Ciò contribuisce alla formazione di idee apocalittiche, distopie, autobiografie e storia.

Sequeira scrive che le persone sono spesso consapevoli di costruire la propria vita su "premesse incerte" e che spesso hanno la sensazione di essere nate troppo tardi o troppo presto. Costruiscono paradisi artificiali e cercano di trovare nuovi modi di comunicare, con l'aiuto della tecnologia o senza di essa.

Qual è una risposta artistica e fantasiosa alla tecnologia? Sviluppare un modo di essere che non neghi la tecnologia, ma la abbracci in modo umano, dove l'obiettivo non è aumentare la produttività, ma creare qualcosa in un contesto immaginativo. Qualcosa che metta in moto i processi umani in modo ludico e che trasformi i processi tecnologici in performance viventi. Incontri immaginari con la tecnologia possono costruire intere case per idee, utopie e visioni inaspettate, e possono costruire castelli da sogno con fondamenta in Entrambi realtà e finzione.

Desiderio tattile

Altri paradisi è un viaggio. La prima tappa è il Giappone, un paese con un feticismo della tecnologia. “Tokyo è un epicentro per l’uso ponderato della tecnologia inutile. Il fax è così amato che il governo ha denunciato un attaccamento quasi irrazionale a questo strano e antiquato apparecchio”. L'autore descrive come il fax è visto come una sorta di erbario tecnologico: “Il forte odore dell'inchiostro profuma l'aria negli uffici di questo vasto paese. La vecchia tecnologia convive con la nuova, ovviamente non viene scartata." (Si potrebbe chiamarla la "sindrome di Mathilda", dal romanzo di Phillip Newt, in cui un robot dismesso è il personaggio principale.)

I giapponesi adorano il fax, perché è qualcosa di fisico su cui puoi mettere le mani. Chi vuole un ragazzo che non esiste da nessuna parte se non nel cyberspazio? Tutti ne hanno bisogno fisico il mondo. E la cultura giapponese è ancora legata alla scrittura a mano: i giapponesi spesso scrivono i loro CV a mano, perché i datori di lavoro credono che la scrittura a mano dica molto sulla personalità della persona che si candida per il lavoro.

Gli incontri immaginari con la tecnologia offrono spazio a idee inaspettate.

Semplicemente buttare via le vecchie macchine – e lasciarle morire nel cimitero della tecnologia – è naturalmente poco creativo. Le persone utilizzano la tecnologia nella propria arte, possono anche imitare il modo di scrivere e pensare di una macchina e utilizzarla attivamente nel proprio processo di scrittura. Ciò fornisce immagini immaginarie nell’era della tecnologia. E naturalmente le macchine possono anche imitare l’uomo. Ma sicuramente questa è innanzitutto un’espressione della creatività umana, non che le macchine possano essere creative?

Considerazioni intelligenti

Sequeira si reca anche in Messico, tra gli altri luoghi, dove impara a concentrarsi sul processo; in Bolivia, dove visita gli alieni; in India, dove impara a ridere della modernità; in Turchia, dove impara a muoversi all'indietro; in Francia, dove impara a trasformare i dati sensoriali; in Nuova Zelanda, dove impara a trattare i topoi storici in modo concettuale.

L'autore ha alcuni commenti divertenti nel mezzo, come: “Vorrei essere un teorico della cospirazione. I teorici della cospirazione sono come una famiglia con piccoli album di famiglia che possono tirare fuori e mostrare alla gente: Senti, questa è la mia famiglia e anche noi abbiamo qualcosa da dirci».

Il libro è interessante e vivido e contiene considerazioni intelligenti sul rapporto tra tecnologia e finzione. "Sia la tecnologia che la finzione possono creare idee e diffonderle nel mondo", afferma Sequeira. La letteratura contemporanea può, ad esempio, descrivere i problemi legati all'uso della tecnologia, sia come una forma di tortura mentale (che io stesso ho sperimentato molte volte, quando le persone parlano ad alta voce al cellulare sul tram), sia come una fonte di creatività .

Ven fantasiflyt

Forse è impossibile determinare se esista vita intelligente su altri pianeti, ma il termine “alieno” e la nozione di “alieni” possono essere usati come una risposta giocosa e vivente alla tecnologia del nostro mondo. L'autore si riferisce al modo in cui la tecnologia può essere incorporata nella finzione di film e libri. Ci conosciamo tutti Alien-film e quello di Riddley Scott Prometeo, in cui alcuni alieni sono polpi xenomorfi, le creature sulla Terra forse più simili almeno sull'uomo.

Sottolinea che le differenze grammaticali possono essere decisive per ciò a cui ci associamo. Se non ci connettiamo con gli UFO, possiamo connetterci con OVNI (Objeto Volador No Identificado). Sembra più umano in spagnolo? O forse più straniero, visto che le parole sono in lingua straniera? Crede che creando nuove associazioni linguistiche possiamo formare nuove connessioni immaginarie. In tal caso, ciò deve significare che la formazione di nuove espressioni grammaticali è molto decisiva per il modo in cui ci connettiamo con il mondo.

Il pensiero meraviglioso e terrificante che un giorno qualcuno verrà dal futuro a trovarci, riflette Sequeira. Questo pensiero è di per sé un pensiero con così tante sconcertanti implicazioni che dovrebbe essere in grado di riempire un uomo di nozioni immaginarie per il resto della sua vita.

Alcuni sostengono che viaggiare a ritroso nel tempo sia impossibile, ma se seguiamo il bel libro di Jessica Sequeira, non dovremmo lasciare che la nostra immaginazione venga indurita dalle obiezioni "sensate" di esperti pazzi, ma lasciare che la nostra immaginazione fluisca liberamente e consumi la tecnologia come un ricco magazzino di idee. È così che manteniamo vivo il mondo.

Henning Næs
Henning Næss
Critico letterario in TEMPI MODERNI.

Potrebbe piacerti anche