Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Il ruolo delle donne nella rivoluzione digitale

Gli uomini hanno un migliore accesso alla tecnologia digitale: le donne rischiano di rimanere indietro nel nuovo mercato del lavoro. Ma la tecnologia può anche promuovere l'uguaglianza.

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Coautore: Anu Madgavkar è membro del McKinsey Global Institute

La tecnologia digitale è un'arma a doppio taglio per le donne del mondo. Il fatto che gli uomini abbiano un accesso più facile a questo tipo di tecnologia significa che le donne sono a rischio di rimanere più indietro, sia finanziariamente che socialmente. Ma se le donne sfruttano appieno la tecnologia digitale, si apriranno opportunità cruciali per loro.

secondo calcoli eseguiti dall'Associazione GSM In media, le donne hanno l'85% dell'accesso maschile a Internet e alla telefonia mobile e 1,7 miliardi di donne nei paesi a basso e medio reddito non sono collegate. Ciò limita notevolmente le opportunità future di donne e ragazze.

strutture

La tecnologia digitale migliora l'accesso delle donne al denaro. La banca online salva loro i lunghi viaggi verso una filiale o un bancomat. Allo stesso modo, l'assistenza sanitaria guidata dalla tecnologia tramite telefono o tablet fornisce maggiori benefici per la salute, poiché raggiunge le donne nelle aree più remote ed evitano un viaggio lungo e spesso rischioso per ottenere assistenza medica.

- annuncio pubblicitario -

Il potenziale di risparmio di tempo delle tecnologie digitali è così significativo che tali tecnologie possono fare la differenza nella capacità delle donne di cercare un lavoro retribuito. Oggi le donne si occupano dei tre quarti di tutto il lavoro di assistenza non retribuito. Questo dà un guadagno finanziario di circa $ 10 trilioni, o il 13 per cento del prodotto interno lordo globale – qualcosa che non è espresso come reddito e molto meno come potere economico. Il commercio elettronico e le attività aziendali basate sulla tecnologia offrono alle donne maggiore flessibilità e indipendenza e le aiutano ad affrontare le responsabilità a casa, oltre a svolgere un lavoro retribuito. In Indonesia, le aziende di proprietà di donne generano il 35% dei profitti nel commercio elettronico, rispetto a solo il 15% dei profitti nelle attività offline.

Le donne hanno l'85% degli uomini di accesso a Internet e alla telefonia mobile.

Alcune delle stesse possono essere viste in Cina, dove il 55% dei nuovi negozi online è fondato da donne. La piattaforma di e-commerce cinese di Alibaba Taobao ha tante donne quanto uomini d'affari. La Cina ospita 114 delle 147 miliardarie "self-made" del mondo. In confronto, solo 14 di loro vivono nel secondo paese, gli Stati Uniti.

Rafforzare le opportunità economiche delle donne non fa bene solo a quelle donne che ne beneficiano: il McKinsey Global Institute (MGI) ha calcolato che la promozione dell'uguaglianza di genere potrebbe aggiungere 12 trilioni di dollari all'economia mondiale entro il 000. In Asia / Pacifico da solo, inserire più donne in lavori a tempo pieno in settori meglio retribuiti e più produttivi aggiungerebbe 4500 trilioni di dollari all'anno al PIL
- 12 per cento al di sopra dell'attuale curva di sviluppo.

A livello aziendale, sta crescendo documentazione che una maggiore parità di genere è un bene per i profitti. La variazione nella leadership migliora la qualità delle decisioni. Se ne avessero l'opportunità, le donne potrebbero essere innovatrici leader in un'era di automazione e intelligenza artificiale, contribuendo a garantire che gli algoritmi non abbiano pregiudizi di genere.

Limitazioni

Ma le donne affrontano barriere significative quando cercano di cogliere queste opportunità: In India, ad esempio, dove solo il 29% di tutti gli utenti di Internet sono donne, le ragazze nelle zone rurali spesso devono affrontare restrizioni di genere nell'uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, come in un villaggio nell'Uttar Pradesh, dove hanno deciso di multare tutte le ragazze che hanno usato i loro telefoni cellulari all'esterno le quattro mura della casa.

Gli atteggiamenti sociali limitano l'accesso delle donne alla tecnologia digitale.

Oltre agli atteggiamenti sociali che limitano l'accesso delle donne alla tecnologia digitale, accade spesso che le donne e le ragazze non abbiano ragionevolmente le competenze necessarie per poter cogliere le opportunità dell'era digitale. A Singapore, ad esempio, le donne stanno peggio degli uomini quando si tratta di istruzione in scienze, matematica, ingegneria e tecnologia. Alla Nanyang Technological University, le donne rappresentavano solo il 27% degli studenti nei programmi IT nel 2015-2016, nonostante il fatto che la metà di tutti gli studenti dell'università fossero donne.

La posta in gioco non è solo la capacità delle donne di cogliere le opportunità che la rivoluzione digitale ha da offrire, ma anche la loro capacità di resistere alla prossima ondata di automazione. secondo ricerca eseguiti da MGI, i posti di lavoro equivalenti a 800 posti di lavoro a tempo pieno potrebbero scomparire entro il 000 a causa dell'automazione, solo a Singapore. I lavori più vulnerabili sono quelli a bassa retribuzione, che hanno manodopera non qualificata e sono in gran parte svolti da donne.

Nuovo mercato del lavoro

Allo stesso tempo, sebbene molti lavori (o compiti all'interno del lavoro) per uomini e donne possano scomparire con l'automazione, rimuove anche parte dell'usura dai lavori odierni e li adatta meglio alle prestazioni umane. Il risultato può essere salari più alti che aiutano a creare più nuovi posti di lavoro – 300-365 milioni in tutto il mondo – con l'aumento del consumo. Ne trarranno vantaggio in particolare le economie emergenti. Inoltre, molti dei nuovi lavori arriveranno in settori come l'istruzione e i servizi sanitari, dove le donne hanno tradizionalmente svolto un ruolo dominante. La ricerca di MGI mostra che più di 100 milioni di posti di lavoro possono essere creati nei prossimi 10-15 anni perché aumenteranno i bisogni nell'ambito della salute e dell'istruzione.

Non è ancora chiaro in che modo l'automazione influenzerà il mercato del lavoro femminile. Ma se le prospettive di lavoro e di reddito delle donne devono essere protette – e anche stimolate – non c'è dubbio che richiederà un aggiornamento delle loro competenze per sfruttare le nuove e varie opportunità che si aprono attraverso la rivoluzione digitale. che ha luogo. Il successo delle donne nel commercio elettronico testimonia come la tecnologia digitale aiuti a compensare le differenze nell'arena economica, a vantaggio delle singole donne, delle loro società e dell'economia mondiale. Più donne al lavoro, specialmente nelle aziende tecnologiche che danno forma al nostro futuro comune, sarebbero una buona notizia per tutti.

L'articolo Le donne nella rivoluzione digitale è stato stampato per la prima volta in Project Syndicate, agosto 2018. Tradotto in norvegese da Lasse Takle. 

Leggi anche: Social Control 4.0 – Il sistema di credito sociale digitale della Cina

sandrine@nytid.no
Devillard è un partner senior di McKinsey & Company

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Surreale / Le sette vite di Alejandro Jodorowsky (di Samlet e a cura di Bernière e Nicolas Tellop)Jodorowsky è un uomo pieno di arroganza creativa, illimitato impulso creativo e completamente senza desiderio o capacità di scendere a compromessi con se stesso.
Giornalismo / "Puzza di giornalismo" contro gli informatoriIl professor Gisle Selnes scrive che l'articolo di Harald Stanghelle su Aftenposten del 23 febbraio 2020 "sembra una dichiarazione di sostegno, [ma] si trova come cornice attorno all'attacco aggravato ad Assange". Ha ragione lui. Ma Aftenposten ha sempre avuto questo rapporto con gli informatori, come nel caso di Edward Snowden?
A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
Espediente / Teoria del trucco (di Sianne Ngai)Sianne Ngai è una delle teoriche culturali marxiste più originali della sua generazione. Ma sembra desiderosa di trascinare l'estetica nel fango.
Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato