Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Il modello fotografico che non verrebbe filmato

La scomparsa di mia madre
Regissør: Beniamino Barrese
( Italia)

SKY LINSELUS: Den kameraavhengige fotomodellen skyr nå sønnens innpåslitne dokumentarfilming, samtidig som hun kritiserer den bildedrevne modellbransjen hun har hatt som levebrød.

(Maskin-oversatt fra Norsk av Gtranslate (utvidet Google))

Beniamino Børresen è un fotografo e naturalmente affascinato dalle foto, sia fotografiche che cinematografiche. Cerca di immortalare sua madre di 76 anni, Benedetta Barzini, nel film, ma incontra una dura resistenza. La madre è una ex top model dell'industria della moda, ma è diventata una femminista e cerca di abbandonare le riprese. "Fottuto!" Dice alla cinepresa. Dal cercare attenzione davanti alla telecamera, ora è molto critica nei confronti del settore della moda basato sull'immagine. La scomparsa di mia madre è un film su due personalità forti in rotta di collisione e con visioni del mondo completamente diverse.

Il conflitto tra i due apre una discussione sull'importanza del visivo nella nostra società moderna, e il background della madre è ambientato in un contesto culturale e socio-politico più ampio. Barrese scopre per caso il portfolio di modelli di sua madre ed è sorpresa di vederla ritratta sulla copertina di riviste di moda come Vogue e Harper's Bazaar. Negli anni '1960, celebrità come Andy Warhol e Richard Avedon erano nella cerchia di amici della madre. Barrese diventa curioso e vuole fondere i diversi lati della madre: la madre come la conosce e la top model che vede nella foto. Sarà un progetto che documenta un rapporto di amore e odio con la fotografia, le foto e il film e allo stesso tempo mostra alcune delle dinamiche tra madre e figlio.

Simbolismo

Cosa è successo a sua madre, Benedetta Barzini? Lei era femminista in età adulta. La conosciamo mentre insegna agli studenti a dare uno sguardo critico all'industria della moda e al modo in cui vengono ritratte le donne. Benedetta mostra le foto di belle ragazze ricoperte di foglie e altre cose della natura. "Cosa rappresenta questo?" chiede agli studenti. Non capiscono dove vuole andare e lei stessa risponde alla domanda: "Le fotografie vendono l'idea che le donne simboleggiano la natura, mentre l'uomo rappresenta la ragione e il pensiero". Attacca l'industria della moda e i suoi meccanismi di sfruttamento in cui sono gli uomini che creano la donna e decidono come dovrebbe apparire la donna.

Quante ondate di femminismo sono necessarie per farci cambiare un tale opprimente
sistema?

- annuncio pubblicitario -

Barzini non è l'unica icona degli anni '1960 ad essersi interessata al femminismo durante secondo femminismo d'onda tra gli anni '1960 e '1980. Durante la Berlinale di quest'anno, Callisto McNulty è diventato un documentario Delphine e Carole mostrato. Il film parla dell'attrice Delphine Seyrig, come con la sua amica Carole Roussopoulos sono diventati i primi videoattivisti francesi. Hanno realizzato film che hanno attaccato gli uomini dominati comunità. Nel 1981 hanno realizzato il documentario Sii carino e zitto, che interpreta attrici francesi e americane (tra cui Maria Schneider, Jane Fonda e Jenny Agutter) che racconta sessismo e come le donne sono ritratte nei film e trattate nell'industria cinematografica.

C'era un MeToo movimento prima metoo. Ora, 50 anni dopo la seconda ondata di femminismo, l'industria della moda è peggiore che mai. Le immagini di donne nelle pubblicità, nelle riviste di moda e nei film non sono solo controllate dagli uomini, ma anche manipolate ("ritoccate") dagli uomini. Le donne sono rese più magre, più giovani e più "perfette" in modo artificiale. Allo stesso tempo, molte ragazze adolescenti e donne più giovani stanno cercando di emulare queste immagini false. Quante ondate di femminismo sono necessarie per cambiare una cosa del genere soppressiva sistema?

Confronto

Barrese prende posizione come difensore dell'immagine. Non conosciamo molto bene il suo amore per la fotografia e le sue note dicono più del film: “Da quando ho ricevuto una macchina fotografica da mio padre il giorno del mio settimo compleanno, scattare foto è stato un modo per preservare le persone che amo. per salvarli dalle ingiurie del tempo ". Usare le immagini come aiuto alla memoria è un motivo comprensibile, ma è l'unico? Barrese fa di tutto per confrontarsi con sua madre, ponendole domande personali come: "Quando è stata l'ultima volta che hai fatto la doccia?" Madre: "Due settimane fa."

La scomparsa di mia madre, direttore Beniamino
La scomparsa di mia madre
Direttore Beniamino

Non comprendiamo appieno cosa si cela dietro la sua ossessione per sua madre e le sue foto modello. Ottiene diversi modelli per ricreare le precedenti immagini del modello di sua madre e leggere ad alta voce dai suoi diari. Non è chiaro cosa significhi la fissazione su questo. Gli mancava sua madre quando era piccolo? E i suoi fratelli e il padre di cui non abbiamo mai sentito parlare? Più autoriflessione, mancanza di pelle e apertura avrebbero aggiunto una nuova dimensione al documentario.

Più autoriflessione, mancanza di pelle e apertura avrebbero aggiunto una nuova dimensione al documentario.

Barrese, invece, è generoso con gli effetti. Vizia lo spettatore dimostrando le molte possibilità dell'immagine. Usa l'intero arsenale di tecniche e metodi. Combina diversi formati, mescola il bianco e nero con i colori, mescola immagini d'archivio con ricostruzioni e utilizza diverse tecniche di osservazione. Nel film, l'ex top model parla della scomparsa. Sta scomparendo dalle luci della ribalta che intende? Non è chiaro se sia sinceramente o simbolicamente inteso. Vediamo in diverse sequenze che la madre si allontana, sia in macchina che in barca, e che cammina da sola nei boschi. Barrese convince la madre a collaborare al film. Nella sequenza finale del film, le lascia prendere il tocco finale: l'ex top model svita il coperchio della cinepresa e l'immagine diventa nera. La discussione sul significato dell'immagine, tuttavia, è ancora aperta.

Traduzione di Iril Kolle

Astra Zoldnere
Soldiers è un regista lettone, curatore e pubblicista.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
Espediente / Teoria del trucco (di Sianne Ngai)Sianne Ngai è una delle teoriche culturali marxiste più originali della sua generazione. Ma sembra desiderosa di trascinare l'estetica nel fango.
Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato