Il documento che ha dato inizio alla guerra nel 2001

Stati Uniti / Militarizzazione: Niels Harrit sottolinea in questo articolo che la partecipazione dei paesi europei all'attacco all'Afghanistan nel 2001 era illegale – secondo il Trattato delle Nazioni Unite. Alcuni paesi sono stati indotti con l'inganno nella "guerra al terrorismo"?

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

I bambini che frequentano le scuole danesi e norvegesi non hanno mai vissuto in pace il loro paese. Da quando è nata l'annata più antica, i nostri paesi a quanto pare vi hanno partecipato distruzione infinita dei paesi del Medio Oriente.1 L'Europa si sta disintegrando sotto il peso dei profughi di queste zone. Queste guerre erano legali? La base giuridica per le decisioni iniziali non è mai stata identificata.

Nel 2016, il governo danese di Lars Løkke Rasmussen ha richiesto un rapporto storico all'Università di Copenaghen sui processi decisionali prima della partecipazione della Danimarca alle guerre in Kosovo, Afghanistan e Iraq.

Il rapporto è stato pubblicato il 5 febbraio 2019 dal titolo: «Perché è andato Danimarca e la guerra? » Si compone di quattro volumi che può essere scaricato gratuitamente da Internet.2 La seconda metà del volume 2 riguarda l'attacco Afghanistan con il titolo di bambino: Con tutto il percorso.

Articolo 5

Il processo decisionale che ha portato al dispiegamento di soldati danesi è iniziato il 12 settembre 2001, quando il Consiglio Nord Atlantico è stato convocato a Bruxelles. È estremamente degno di nota la partecipazione anche dei ministri degli esteri dell'UE NATOriunione degli ambasciatori. L'incontro ha portato alla decisione di attivare articolo 5 nel Trattato NATO in risposta all'attacco terroristico negli Stati Uniti meno di 24 ore prima.

- annuncio pubblicitario -

Articolo 5 del Trattato NATO chiamato anche moschettiere-eden, perché è qui, la responsabilità collettiva dei membri per l'area sicurezza è espresso:3

“I partecipanti concordano sul fatto che un attacco armato contro uno o più di loro in Europa o in Nord America dovrebbe essere considerato un attacco a tutti loro; e di conseguenza concordano che, in caso di tale attacco, ciascuno di loro, nell'esercizio del diritto di autodifesa individuale o collettiva riconosciuto dall'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, assisterà il paese oi paesi partecipanti così colpiti da: , individualmente e in accordo con gli altri paesi partecipanti, a prendere le misure, compreso l'uso della forza armata, che ciascuno di loro ritiene necessarie per ripristinare e mantenere la sicurezza dell'area del Nord Atlantico ".

Dopo l'incontro, uno è stato inviato comunicato stampa,4 dove i.a. stava:

"... se si può affermare che questo attacco su USA era controllato da una potenza al di fuori dell'alleanza, l'attacco deve essere considerato un atto contemplato dall'articolo 5 del Trattato NATO, il quale afferma che un attacco armato a uno o più degli alleati in Europa o Nord America deve essere considerato come un attacco a tutti loro. »

Il rapporto di Frank Taylor e il verbale della riunione furono classificati ...

Questa decisione richiede l'unanimità tra gli Stati membri. Tuttavia, poiché l'indagine non è stata completata per validi motivi, l'adozione è stata accompagnata da una riserva ("purché l'attacco fosse diretto dall'estero"). Apparentemente uno aveva un sospetto nel binocolo e le prove conclusive sarebbero state presentate in seguito.

Frank Taylor

Questa prova è stata formalmente presentata al Consiglio il 2 ottobre 2001 da un diplomatico di nome Frank Taylor. Ha ricoperto il titolo di ambasciatore itinerante ed è stato il coordinatore di antiterrorismo nel Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

La prova

Segretario generale della NATO Lord Robertson successivamente ha tenuto una conferenza stampa in cui ha spiegato che il rapporto di Frank Taylor e il verbale della riunione erano riservati. Lord Robertson poteva solo passare oltre la conclusione principale:5

«Le prove sono chiare e convincenti. Le informazioni presentate indicano inequivocabilmente il ruolo di Al-Qaeda negli attacchi dell'11 settembre. Sappiamo che le persone che hanno effettuato questi attacchi facevano parte della rete mondiale di Al-Qaeda, guidata da Osama bin Laden e dal suo vice comandante, e protetta dai talebani ".

È stato inoltre affermato: "Sulla base di questo rapporto, è stato ora stabilito che l'attacco agli Stati Uniti dell'11 settembre è stato diretto da una potenza straniera ('diretta dall'estero') e che l'azione è quindi coperta dall'articolo 5 della NATO il trattato. "

Lord Robertson

Lord Robertson ha anche affermato che ci saranno "briefing" nelle capitali nazionali della NATO. È accaduto anche a Copenaghen, che appare dalla nota 257 a pagina 407 a il rapporto sulle indagini di guerra,6 che legge:

«Briefing orale di questo consigliere per la difesa degli Stati Uniti […]» (2 ottobre 2001, doc. No. 801, j.nr.99-2755-3, FMN. Per il contenuto del briefing, vedere il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti 2001, "September 11: Working Together to Fight the Plague of Global Terrorism and the Case Against Al-Qa'ida", 2 ottobre 2001). 2 ottobre 2001, doc. No. 801, j.nr.99-2755-3, FMN. Per il contenuto del briefing, vedere Dipartimento di Stato degli Stati Uniti 2001, "11 settembre: Working Together to Fight the Plague of Global Terrorism and the Case Against Al-Qa'ida", 2 ottobre 2001.

Il governo danese e gli altri 17 paesi della NATO devono aver preso atto di simili briefing, poiché l'attivazione dell'articolo 5 è stata adottata in una riunione a Bruxelles due giorni dopo, il 4 ottobre. Nel successivo comunicato e nell'accompagnamento conferenza stampa Lord Robertson ha annunciato che il Consiglio Nord Atlantico aveva approvato il rapporto di Frank Taylor.7

L'articolo 5 è stato ora formalmente aderito dalla NATO. Questo non era mai accaduto prima nei 51 anni di storia della NATO. Da allora non è più successo.

L'articolo 5 è stato ora formalmente aderito dalla NATO. Questo non era mai accaduto prima nei 51 anni di storia della NATO. Da allora non è più successo.

Tre giorni dopo – il 7 ottobre – le prime bombe caddero a Kabul.

Il 14 dicembre 2001, il parlamento danese ha deciso di inviare truppe in Afghanistan. È successo Risoluzione parlamentare B-37,8 era molto breve: "Il Folketing annuncia il suo consenso affinché le forze militari danesi siano rese disponibili per gli sforzi internazionali guidati dagli Stati Uniti per combattere le reti terroristiche in Afghanistan".

I commenti alla risoluzione Folketing affermano:8 "Il 2 ottobre 2001, il Consiglio della NATO ha rilevato che gli attacchi terroristici contro gli Stati Uniti dell'11 settembre 2001 erano di origine straniera. Pertanto, in linea con la precedente dichiarazione della NATO del 12 settembre 2001, gli attacchi terroristici erano considerati coperti dall'articolo 5 del Trattato di Washington ".

Quindi è stato il contenuto del rapporto di Frank Taylor a determinare il motivo per cui è proprio l'Afghanistan che dovrebbe essere attaccato.

Un documento parlante

Secondo il danese Legge sulla responsabilità ministeriale §5, comma 2,9  i commenti su un disegno di legge o una risoluzione nel Folketing sono responsabili. In altre parole, l'allora ministro degli Affari esteri Per Stig Møller ha il compito di garantire che quanto scritto sia corretto.

Tuttavia, il 19 maggio 2008, il Dipartimento di Stato americano ha declassificato una direttiva che è stata emessa nel 2001 a tutte le ambasciate e rappresentanze statunitensi riguardo agli attacchi terroristici dell'11 settembre.

È chiamato: "11 settembre: lavorare insieme per combattere la piaga del terrorismo globale e il caso contro Al-Qaeda ».

Come si può vedere (nota 257, sopra citata6), quindi è semplicemente questo documento che ha costituito la base per il briefing del governo danese del 2 ottobre 2001!

Il documento è indirizzato a tutte le ambasciate e missioni diplomatiche degli Stati Uniti. Il testo inizia con un'istruzione a tutti i destinatari di informare le figure politiche di alto livello nei rispettivi paesi del contenuto di questo documento e di mettere la rete terroristica di Al-Qaeda, Osama bin Laden e il governo talebano sulla scia degli attacchi terroristici dell'11 settembre. .

Sembra inoltre che il documento non possa essere trasmesso o lasciato in una copia scritta. È un «discorso di carta». Diplomatici statunitensi e altri incaricato di utilizzare il contenuto di giorno orale produzione («La presentazione orale»). Uno è incaricato di enfatizzarlo quadro generale della minaccia e sul presidente George W. cespuglioIl piano di attaccare gli stati che ospitano il terrorismo. Questo è seguito da 28 pagine con il testo stesso.

La dichiarazione di Lord Robertson alla conferenza stampa dopo la riunione della NATO del 2 ottobre è citata nella traduzione danese sopra.5 Chiunque può vedere di persona che il Segretario generale cita "taglia e incolla" da detto documento.

La conclusione è inevitabile: Questo documento è il manoscritto, non solo per Frank Taylors orientering del Consiglio Nord Atlantico – ma anche ai briefing che i governi nazionali hanno ricevuto contemporaneamente il 2 ottobre dalle rispettive ambasciate statunitensi.

Non ci sono rapporti da Frank Taylor.  C'è solo questo manoscritto.

Difesa personale?

Ma l'articolo 5 del Trattato NATO consente solo un individuo o un collettivo difesa personale, riconosciuto dall'articolo 51 del Carta delle Nazioni Unite! Si legge:10

"Nessuna disposizione della presente Convenzione pregiudica il diritto naturale all'autodifesa individuale o collettiva in caso di attacco armato contro un Membro delle Nazioni Unite fino a quando il Consiglio di Sicurezza non avrà adottato le misure necessarie per mantenere la pace e la sicurezza internazionale. Le precauzioni prese dai membri nell'esercizio di questo diritto di autodifesa saranno prontamente riferite al Consiglio di Sicurezza e non pregiudicheranno in alcun modo la sua autorità e responsabilità ai sensi del presente Patto per quanto riguarda l'attuazione in qualsiasi momento delle misure che ritiene necessarie per mantenere o ripristinare la pace e la sicurezza internazionali ”.

Danimarca e Norvegia non sono state attaccate dall'Afghanistan

Danimarca e Norvegia non è stato attaccato dall'Afghanistan. La legalità della partecipazione alla guerra dei paesi NATO è quindi interamente condizionata dal contenuto fattuale del manoscritto di Frank Taylor.

Che cosa dice questo documento che potrebbe servire come base giuridica per questo Danimarca e gli altri paesi della NATO hanno preso parte all'attacco a un paese povero dall'altra parte del globo? Niente! Niente!

Solo una piccola parte del testo riguarda l'11 settembre sotto forma di affermazioni ufficiali verticali e sommarie sugli eventi di quel giorno. Non ci sono prove. La maggior parte del testo riguarda i presunti atti di al-Qaeda e dei talebani negli anni '1990.

La partecipazione dei paesi europei all'attacco all'Afghanistan è quindi illegale ai sensi del Trattato delle Nazioni Unite.

Un briefing è qualcosa di cui prendi nota. Il 2 ottobre 2001, i paesi membri della NATO hanno assunto il controllo per informazioni, che eravamo in guerra.

Siamo ancora: cinque paesi in rovina, decine di migliaia di morti, milioni di rifugiati e miliardi di dollari dopo.1

Il 25 maggio 2017, la NATO ha inaugurato la sua nuova sede a Bruxelles. In quell'occasione, hanno anche presentato un «Memoriale dell'9 settembre e articolo 11». Di fronte ai capi di governo della NATO con Donald Trump al timone, il segretario generale Jens Stoltenberg Fa rivivere la storia dell'attivazione dell'articolo 5. Ma i potenti politici non sembrano molto entusiasti.11

 


1 Costi di guerra. https://watson.brown.edu/costsofwar/costs
2 Perché la Danimarca è entrata in guerra? https://krigsudredning.ku.dk/
3 Articolo 5: http://www.nato.int/cps/en/natolive/official_texts_17120.htm
Comunicato stampa di Lord Robertson, 12 settembre 2001. http://www.nato.int/docu/pr/2001/p01-124e.htm
5 Comunicato stampa di Lord Robertson, 2 ottobre 2001. “I fatti sono chiari e convincenti. Le informazioni presentate indicano in modo definitivo un ruolo di Al-Qaeda negli attacchi dell'11 settembre.Sappiamo che le persone che hanno effettuato questi attacchi facevano parte della rete terroristica mondiale di Al-Qaeda, guidata da Osama bin Laden e dai suoi luogotenenti chiave e protetto dai talebani. »  http://www.nato.int/docu/speech/2001/s011002a.htm
6 https://krigsudredning.ku.dk/  Pagina 407, nota 257
7 Riunione NATO 4 ottobre. Applicazione dell'articolo 5. http://www.nato.int/docu/speech/2001/s011004b.htm
8 Il parlamento danese decide di inviare soldati in Afghanistan http://www.ft.dk/samling/20061/almdel/FOU/bilag/54/334861.pdf
9 Legge sulla responsabilità ministeriale: https://www.retsinformation.dk/Forms/R0710.aspx?id=59299
Articolo 10. http://www.fredsakademiet.dk/ordbog/treaty/fn51.htm
11 Inaugurazione del «Memoriale dell'9 settembre e dell'articolo 11» presso la nuova sede della NATO il 5 maggio 25. https://www.youtube.com/watch?time_continue=3&v=augh1WqTqFs

 

Niels Harrit
Ph.D., Dragør, Danimarca.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?