Teatro della crudeltà

Dipinti e fotografie iconici

Ritratti pubblici: pittura e fotografia nella costruzione di immagini eroiche in America Latina dal XIX secolo
Forfatter: Laura Malosetti Costa
Forlag: Fondo de Cultura Económica (Argentina)
ESEMPI / Nell'America Latina pubblica, gli eroi della dipendenza Bolívar e San Martin o Che Guevara ed Evita sono idolatrati o satanizzati attraverso dipinti e fotografie. Questo libro dà uno sguardo più da vicino al perché.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Come contribuisce e influenza pitturaè e Fotografiasono dei personaggi pubblici all'interno della vita politica e culturale a creare una memoria affettiva e un'idealizzazione o una percezione direttamente deformata di queste persone?

Nel libro Ritratti pubblici: pittura e fotografia nella costruzione di immagini eroiche in America Latina dal XIX secolo dello scrittore e professore di letteratura uruguaiano, Laura Malosetti Costa (Montevideo 1956), affronta questo tema per l'America Latina dal XIX secolo.

Tradotto direttamente, il titolo del libro significa: «Ritratti pubblici. Pittura e fotografia nella costruzione di immagini eroiche in un'America Latina dall'Ottocento».

Da eroi ed eroine delle guerre di indipendenza delle repubbliche latinoamericane contro le potenze coloniali europee all'inizio del XIX secolo, alle "mega-star" globali latinoamericane del XX secolo come l'argentino Ernesto Che Guevara e, in misura minore, il cubano Fidel Castro e la first lady argentina Eva Perón, detta Evita.

Costa concentra la sua analisi di dipinti e fotografie su figure eroiche selezionate. Esamina anche criticamente l'assenza quasi totale, ad esempio, dell'eroina Juana Azurduy, che ha combattuto per l'indipendenza del Vicereame di Rio de la Plata (oggi Buenos Aires) dal trono di Spagna.

Costa illumina così la problematicità dell'assenza di figure di eroine femminili per quasi tutto l'Ottocento e la prima metà del Novecento. Solo con Eva Perón, nata Duarte, la first lady argentina del presidente Juan Domingo Perón nell'Argentina del dopoguerra nella seconda metà degli anni '1800, le donne e gli uomini latinoamericani ottengono un'eroina femminile pubblica.

José Gil De Castro, Simón Bolívar (1825)Palazzo Legislativo Federale, Caracas

Adorazione e odio dell'eroe

Varie fotografie e dipinti aiutano a mantenere un culto dell'eroe – cioè un'idolatria – ma allo stesso tempo, a seconda del destinatario, l'opposto: una satanizzazione e l'odio di alcuni personaggi pubblici. Questa satanizzazione si è verificata nel corso di decenni con ragioni particolarmente politiche e religiose per satanizzare, ad esempio, il rapporto del comunismo con l'aborto libero e la religione – e quindi utilizzata dai partiti religiosi di destra e dalla Chiesa cattolica contro, ad esempio, il partito peronista in Argentina.

La stessa Laura Malosetti Costa afferma che «l'analisi di questi ritratti di eroi ed eroine e mentori latinoamericani, che hanno influenzato molte generazioni, cerca di capire come questi siano entrati a far parte della memoria e della realtà collettiva. Come è stato percepito e ricevuto e quale potere hanno queste persone – anche i dipinti e le fotografie selezionate – per trionfare e fino ad oggi essere le più conosciute e riconosciute", dice.

In altre parole, questi eroi ed eroine fanno ancora oggi parte del concetto di sé dei latinoamericani e le loro virtù sono percepite come valori fondamentali tipicamente latinoamericani come il sacrificio e la lotta incondizionata per la totale libertà e indipendenza – secondo secondo l'autore, quasi la libertà di alleanza o la neutralità nei confronti delle superpotenze mondiali e dei principali blocchi politici ed economici.

I protagonisti militari e politici latinoamericani legati alle guerre d'indipendenza della regione dalla Spagna e dal Portogallo nei primi tre decenni del XIX secolo vengono esaminati da Manuel Belgrano in Argentina ai due grandi Simon Bolivar e José de San Martin. L'autore conclude, tra l'altro, che queste figure iconiche nelle guerre d'indipendenza dalle potenze coloniali europee sono state utilizzate per secoli come esempi della legittima autodeterminazione dell'America Latina. Ma conclude anche che questo ordine sociale assolutamente patriarcale, soprattutto negli ultimi decenni, incontra la resistenza delle giovani generazioni latinoamericane, molto appassionate di uguaglianza.

La cosa interessante, secondo l'autore, è che spesso la verità, o la verità accettata, su queste persone non sempre si realizza nei dipinti e nelle fotografie che dominano fino ad oggi. Invece, l'autore conclude che queste sono le versioni che meglio personificano le idee per le quali viene ricordato ogni eroe ed eroina.

Ernesto ’Che’ Guevara og Eva Perón

Una parte interessante del libro è la spiegazione dell'autore su come certi ritratti riescano – o meno – a mantenere raggruppamenti affettivi e di pensiero. Entrambi sostenitori fanatici e oppositori odiosi. Ed ecco due persone che fino ad oggi dividono davvero le acque e polarizzano non solo in America Latina ma anche nel resto del mondo – Ernesto 'Che' Guevara ed Eva Peron.

Vari dipinti e fotografie di Evita si polarizzano oggi tra amore e odio.

Generale Juan Domingo Perón Og Eva Perón

Proprio con questi ultimi due, della seconda metà del XX secolo, l'autore conclude che entrambi sono oggi presenti sulle magliette, nei libri e in Internet e quindi non sono solo icone ma, ad esempio, nel caso di Evita, il volto di un'intera nazione. In questo caso, l'Argentina. Eva Duarte (20-1919) sposò il generale e politico emergente Juan Domingo Perón, il cui cosiddetto partito peronista da allora è stato dominante nella politica argentina. Il libro conclude che sebbene Eva – chiamata la piccola Eva (Evita) – abbia da allora rappresentato il simbolo di una donna forte che è uscita dall’ombra del suo forte marito, vari dipinti e fotografie di lei oggi si polarizzano tra amore e odio.

Secondo Laura Malosetti Costa questi estremi, paradiso e inferno, fanno ancora parte del culto pubblico degli eroi nella regione, dove oggi tutti i paesi hanno due ali politiche e gruppi di popolazione che si oppongono sempre più aspramente l’uno all’altro su questioni vitali come diritti civili, sessualità, compresa la libertà di aborto, cambiamento climatico e valori fondamentali. Ciò si riflette anche nelle icone di oggi, dove gli spin doctor e i dipartimenti di marketing aiutano semplicemente a creare queste icone in tempo reale.

L'autore arriva con l'indice alzato: che l'America Latina, nonostante lo scontro esistente con la cultura machista a favore dei diritti delle donne e delle minoranze sessuali ed etniche, non ha ancora trovato un modo meno estremo di ritrarre e interpretare le figure pubbliche.

Il libro è interessante come retrospettiva, ma è ancora più rilevante per comprendere l'America Latina di oggi, che fatica ancora a trovare modelli di comportamento più equi e pacifici.

Runa V. Harritshøj
Rune V. Harritshøj
Scrittore residente a Buenos Aires.

Articoli Correlati